InfoAut
Immagine di copertina per il post

La manovra Meloni e la guerra ai poveri (nel solco di Draghi)

Mercoledi 23 novembre il governo Meloni ha rilasciato il testo di legge della manovra finanziaria del 2023. Tale manovra dovrà essere approvata dalle due camere entro il 31 dicembre, una scadenza prorogata e straordinaria legata alle inusuali elezioni autunnali.

In merito al contenuto l’interpretazione è abbastanza semplice e non serba novità: non c’è nessun provvedimento volto a migliorare le condizioni materiali di vita delle decine di milioni di persone che sono schiacciate tra impoverimento e povertà nella perenne crisi del sistema-paese Italia.

Tuttavia, vale ugualmente la pena analizzare i punti salienti, sottolineare i limiti strutturali delle manovre di bilancio e soffermarsi sull’ineluttabile continuità delle politiche macro-economiche, votate alla ‘responsabilità’ a prescindere dal colore governativo che le promuova.

Partiamo da questo ultimo elemento che rende più semplice comprendere la continuità con gli ultimi 15 anni.

Il neo ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti, non a caso il più ‘draghiano’ della coalizione di destra, ha definito il provvedimento con l’aggettivo ‘responsabile’, mentre la Meloni per ovvi motivi ha osato etichettarla come ‘coraggiosa’. Aggettivi che nell’ambito economico-finanziario mainstream possono essere considerati contrari e antitetici.

In realtà è una manovra oggettivamente ‘responsabile’ nel quadro di tenuta dei conti pubblici, dove l’unico tratto ‘coraggioso’ sta nell’attacco frontale al reddito di cittadinanza. Una destra ‘coraggiosa’ perché sfida apertamente una fetta di popolazione che non ha niente da dare al sistema se non la propria forza lavoro nel regime semi-schiavile che vige nei servizi privati italiani e nella manifattura a basso valore aggiunto.

Eppure oltre che coraggiosi sono stati anche coerenti con la campagna elettorale ed interpreti del sentimento anti-reddito animato praticamente da tutta la stampa italiana. Livore anti-poveri dei giornali che ha superato ‘a destra’ addirittura Confindustria, che tutto sommato è consapevole che il manifatturiero italiano questi 660 mila disoccupati non sa come impiegarli e anzi sono costantemente impegnati a capire come sbolognare parte della forza-lavoro già integrata.

Lasciando da parte il coraggio dell’attacco al reddito sui cui dettagli torneremo più avanti, è più importante sottolineare la vera anima della manovra, la sua responsabilità.

A inizio settimana quando sono iniziati a circolare i contenuti più o meno definitivi, Giorgetti ha calato il tris: manovra prudente, responsabile e sostenibile. Chiaramente il messaggio non era per l’elettorato italiano ma per Bankitalia, agenzie di rating, Commissione Europea e BCE.

Manovra responsabile perché, se escludiamo il tema RDC e le mancette ideologiche ad un certo elettorato di destra, non cambia ed incide praticamente su nessun piano di politica economica e il deficit sia annuale sia prospettico è perfettamente in linea con le maglie concordate nella UE durante la pandemia.

Passiamo quindi alle cifre e ai limiti ‘strutturali’ delle leggi di bilancio italiane.

La manovra consta di 35 miliardi di euro che, come abbiamo sottolineato in altri commenti sul tema, è una miseria.  Questa piccola cifra rientra tra quei limiti ‘strutturali’ del bilancio italiano a cui facevamo riferimento in apertura d’articolo. Infatti, una finanziaria con queste esigue somme non può che essere definita come amministrazione delle briciole del calendario liturgico economico-finanziario.  

A tal proposito si tenga presente che 35 miliardi rappresentano appena l’1.7% del PIL nazionale del 2021 (circa 2100 miliardi). Lo stato italiano oggi non è lontano dall’incarnare quel concetto di ‘stato minimo’ teorizzato dagli economisti neoliberisti negli anni ’80, esso infatti non ha le risorse necessarie non per ‘governare’ il mercato ma nemmeno per orientarlo e fornire input direzionali di investimento (si pensi alla transizione ecologica).

L’elevata pressione fiscale non permette di tassare ulteriormente il lavoro dipendente, mentre patrimoni e i profitti, quando non sono accuratamente nascosti, non possono essere toccati pena l’accusa a reti unificate di bolscevismo.

Scuola, sanità e welfare in generale sono allo stremo e già ampiamente saccheggiati nell’ultimo ventennio, mentre la spesa militare, che ammonta ad oltre 25 miliardi, deve essere ulteriormente finanziata visto che siamo in guerra.  

Questa rozza quanto veritiera descrizione mostra come i margini di spesa per nuovi progetti di politica economica siano pressoché inesistenti. Una rigidità che dobbiamo tenere a mente qualunque sia il colore di chi governa.

Ovviamente c’è sempre il debito. Infatti, 22 miliardi dei 35 della manovra sono in deficit e basta osservare il grafico sottostante per comprendere come la socializzazione dei costi della grande crisi finanziaria del 2007-08 sia avvenuta attraverso la contrazione di debito collettivo mentre un 10% di ricchi e arricchiti si gode i profitti, ma più spesso rendita, nel bel paese.

Il rapporto debito pubblico/PIL, che si era stabilizzato intorno al 130% dopo l’attacco speculativo all’euro del 2012, ha avuto un forte incremento con lo scoppio della pandemia e le conseguenti misure giungendo alla cifra monstre del 155%.

Quest’anno grazie ad una crescita di rimbalzo del PIL (+ 3.7%) si attesterà intorno al 145%.

Questi due dati ‘positivi’ hanno fatto sì che anche quest’anno una parte della manovra possa essere effettuata in deficit, ossia si contrae altro debito da ripagare nel futuro per finanziare iniziative economiche correnti.

Il rapporto deficit/PIL del 2021 fu del 7.2%, quest’anno sarà del 5.6% (i 22 miliardi di cui sopra) e in seguito dovrà diminuire fino a tornare al 3% massimo prescritto dagli accordi di Maastricht.

A tal proposito bisogna ricordare che le istituzioni finanziarie internazionali prevedono un 2023 per l’Italia a crescita 0, o meglio +0,3%, un dato che restringerebbe ulteriormente gli spazi di manovra per la seconda finanziaria del governo Meloni.

Arriviamo dunque a ciò che viene finanziato o de-finanziato dall’attuale legge di bilancio.

Circa il 66% dei 35 miliardi, ossia 23-24 miliardi, serviranno per calmierare l’uragano bollette che si sta per abbattere sul paese. Meloni e Giorgetti come da copione sbandierano l’attenzione e la cura verso il neutrale e insensato binomio “famiglie e imprese” le cui spese saranno alleviate.

Eppure stiamo prendendo a prestito questo denaro per regalare extra-profitti ad imprese partecipate di stato come ENI o ENEL che insieme al loro oligopolio internazionale fanno affari e speculazione d’oro sulla borsa di Amsterdam. Non potendo qui entrare nel merito segnaliamo questo testo di Andrea Fumagalli sulle conseguenze della finanziarizzazione dell’energia http://effimera.org/la-dittatura-della-finanza-e-il-mercato-del-gas-di-andrea-fumagalli/.

Quindi 35 – 23/24, cosa rimane? Il 33% della miseria per gli altri problemi del paese.

Il taglio del reddito di cittadinanza per i famosi 660 mila abili a lavoro, su 3 milioni di percettori, consentirà alle casse dello stato un risparmio di meno di 1.5 miliardi di euro, che andranno a finanziare l’innalzamento della flat tax al 15% per le partite iva da 65 a 85 mila euro.

La sanità riceverà due miliardi, e siamo addirittura costretti a sentire giornalisti e ‘intellettuali d’oggi’ che plaudono bofonchiando come non sia una cosa di destra dare due miliardi alla sanità.

‘Per fortuna’ arrivano i presidenti di regione a ricordare che i costi della sanità in Italia con l’aumento dei costi delle materie prime più rincari energetici, più adeguamento salariale, più spesa prevista per fornire prestazioni essenziali e urgenti a coloro che hanno rimandato tutto a causa della pandemia ammontano ad almeno 3,4 miliardi. Ergo la sanità è stata ulteriormente de-finanziata.

Si parla di un miliardo destinato a scuola e servizio di trasporto pubblico, al cui interno ci sono anche i finanziamenti alle scuole private e paritarie, un marchio di fabbrica di Gelminiana memoria che il suo braccio destro dell’epoca e attuale ministro dell’istruzione Valditara ha voluto assolutamente rieditare.

A tal proposito vale la pena ricordare che quest’estate è stata varata una riforma del reclutamento dell’università che avrebbe dovuto migliorare, senza fondi sia chiaro, la contrattualistica universitaria riducendo il precariato cronico. La ministra Bernini ha già annunciato che si va in deroga come se la riforma non fosse stata approvata. Per l’università non c’è un centesimo aggiungiamo noi.

Infine, la dimensione previdenziale viene gestita attraverso una ancora caotica “Quota 103”, che in termini tecnici non è che la riedizione con meno soldi di quota 100, fatta dal Conte I e poco usata perché punitiva in termini reddituali, e di quota 102, fatta da Draghi e sui cui esiti chissà.

D’altronde la promessa di tenerci incatenati al posto di lavoro fino a 67 anni è uno degli assi portanti della stabilità dei conti pubblici davanti all’Europa.

La prima manovra ‘Meloni’ è ‘responsabile’ verso la tenuta degli assetti di potere attuali e ‘coraggiosa’ nell’attaccare il reddito di cittadinanza, che in questi anni drammatici ha fornito un sollievo a chi è costretto in condizioni di insopportabile povertà. Una manovra esigua che nutre gli extraprofitti invece che tassarli, stretta nelle maglie della persecuzione di uno stato minimo utile solo a ristorare i profitti e socializzare i costi.

Una manovra ingiusta e in favore degli abbienti, tutto possiamo essere meno che stupiti.

Lo sciopero generale dei sindacati di base del 2/3 dicembre e la manifestazione a Roma potranno essere un primo momento, insieme agli accenni di mobilitazione sui territori in difesa del Reddito di Cittadinanza e contro guerra e carovita per lavorare alla ricomposizione di un sociale sempre più in sofferenza e sacrificato per mantenere intatti ed aumentare i profitti della borghesia parassitaria italiana.

Dimenticavamo che hanno riaperto, e rifinanziato, la società per il ponte sullo stretto. Un’altra farsesca e mitologica grande opera come la Torino-Lione. Dalla valle allo stretto vi aspettiamo al varco!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

economiamanovraMELONIneoliberismopensioniREDDITO DI CITTADINANZA

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Una domanda di futuro su cui farsi molte domande

Tra tensioni millenaristiche, depressioni croniche e chiusura nel privato, l’epoca che stiamo vivendo a prima vista assomiglia ad un vicolo ceco. Eppure è lapalissiano a sempre più persone che il modo in cui si è organizzata la società umana negli ultimi secoli è insostenibile e dovrà per forza di cose mutare in una direzione o nell’altra.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Otto dicembre: sull’attualità irriducibile del movimento No Tav

Oggi la compagine che sostiene la costruzione del Tav Torino-Lione si misura con enormi difficoltà oggettive, determinate dalla stessa assurdità del progetto e dalla strenua resistenza del movimento, ma ciò che li spaventa di più è che il moltiplicarsi delle contraddizioni sistemiche collegate alla messa a profitto dei territori possa minare la stessa idea di modello di sviluppo che si propongono.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La selezione (in)naturale della scuola del Merito

Siamo sull’orlo di una tragedia e questa politica non fa altro che tentare di mascherare la crociata ai poveri come un lavoro pedagogico verso le classi meno abbienti. Loro non ci tolgono diritti, ci insegnano a faticare e a lottare per un obiettivo, dicono…

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Giocano sull’orlo del baratro

L’incidente al confine tra Polonia ed Ucraina per un momento ha aperto la finestra su un coinvolgimento diretto, sul campo, della NATO nel conflitto. E ci mostra quanto sia fragile la membrana che separa il presente da una guerra militare totale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa abbiamo visto nella piazza per la Pace del 5 novembre a Roma

Siamo “andati a vedere” con sguardo curioso la piazza per la Pace del cinque novembre a Roma: ne abbiamo tratto alcuni elementi interessanti, altri meno, ma che crediamo meritino un’ampia riflessione. Abbiamo provato a sistematizzare alcuni ragionamenti a caldo in questo breve reportage che condividiamo di seguito.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Si vis pacem para bellum — La nuova semantica di guerra

Questi giochi di capovolgimento semantico diventano pericolosi nel momento in cui si concretizzano nei piani di guerra NATO (vedi la nuova dottrina “first strike”), e in una generale fase di riarmo delle principali potenze globali.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Guido Crosetto: il ministro delle armi e la “pace” orwelliana

Guido Crosetto, ministro della Difesa e consigliere di Giorgia Meloni, è un politico di lungo corso, dalla Democrazia Cristiana, a Forza Italia, per approdare infine in Fratelli d’Italia, ma meno nota è l’altra sua carriera, quella nell’industria militare.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La norma anti-rave non è altro che l’ennesimo attacco al dissenso sociale

Il decreto legge del Governo Meloni non riguarda solo i rave-party, ma tra le casistiche che potrebbero rientrare al suo interno vi sono anche molte pratiche che fanno parte della storia della protesta e del dissenso sociale nel nostro paese, dalle occupazioni delle università e delle scuole, alle manifestazioni non autorizzate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Fare informazione per il movimento, che significa oggi?

Esortiamo chi possa avere competenze o interessi rispetto ad ambiti specifici, chi fa parte di collettivi che hanno piacere a utilizzare un canale di informazione come InfoAut per diffondere i propri contenuti e iniziative, a contattarci per poter pubblicare nella sezione Contributi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Manovra antisociale: la dignità del rifiuto

La questione del reddito di cittadinanza è uno dei temi centrali all’interno della manovra di bilancio del neo governo Meloni. Nel ritardo più assoluto nel chiudere la manovra entro l’anno il governo, tra uno strafalcione e l’altro, inizia a porre alcuni elementi sul tavolo, dichiarando quali sono le priorità e cosa sacrificare sull’altare della suddivisione della torta. Entro domattina all’alba la votazione dovrà essere conclusa.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo: disoccupati di nuovo in piazza dopo ulteriore attacco al Reddito di Cittadinanza

Tornano in piazza i disoccupati palermitani percettori del reddito di cittadinanza dopo la nuova stretta del governo Meloni sulla misura. Gli “occupabili”, ovvero i disoccupati tra i 18 e i 59 anni che possono lavorare e non hanno a carico minori, disabili o anziani perderanno il sussidio nel 2023, dopo sette mesi e non più dopo otto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Trivellare per sprofondare

Il 18 novembre scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’aiuti quater, il decreto con cui il Governo Meloni ha provveduto ad aggravare il sostanziale “via libera” alle trivelle già inaugurato in marzo da Draghi e Cingolani.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Meloni presidente degli sfratti

Si tratta di una vera e propria dichiarazione di guerra a chi vive in condizioni di povertà, rischia di finire senza casa, è costretto a vivere al freddo o riesce a stento a procurarsi da mangiare con i pochi contributi che ci sono.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Una mini-leva militare con bonus per i giovani. La storia della “Naja” e il merito armato del governo Meloni

Si torna a parlare di leva militare, della cosìdetta “naja”, abolita in italia agli inizi del 2000. Questo perchè il presidente del Senato Ignazio La Russa, a margine delle celebrazioni degli Alpini per i caduti in guerra in piazza duomo a Milano, ha annunciato di aver predisposto un disegno di legge che sarà presentato in Parlamento da Fratelli d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Il governo Meloni abolisce 18app, il bonus studenti: “Toglierlo non significa fare scuola del merito ma azzerare le possibilità”

Il governo a guida Meloni procede spedito nella cancellazione degli ultimi (rari e insufficienti) bonus a sostegno di precari e studenti. Ora l’addio è all’App 18, il bonus ai 18enni per usufruire dell’accesso ai teatri, cinema, spettacoli dal vivo, libri, abbonamenti a quotidiani e periodici, musei, concerti e mostre.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Autoprodurre l’energia da rinnovabili locali? La legge c’è ma non la fretta…

Dicono che ci sia una emergenza climatica in atto. Dicono. Pare che gli eventi meteorologici estremi si vadano facendo vieppiù violenti e frequenti. Pare. Avete presente l’alluvione nelle Marche a settembre e ora Casamicciola?

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo: mobilitazione a difesa del reddito di cittadinanza.

Una delle prime mosse del governo Meloni è stata quella di attaccare, inizialmente su un piano di propaganda e, in un secondo momento, tramite la legge di bilancio, il dispositivo del reddito di cittadinanza, decidendo di abolirlo a partire dal 2024.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

“Non disturberemo chi vuole fare” e la minaccia di sgombero dell’ex-GKN

Da oggi la fabbrica ex-GKN di Campi Bisenzio è a rischio di sgombero. Venerdì con una mail è stato annunciato ad i lavoratori dalla “nuova” proprietà che oggi sarebbero arrivati i camion per procedere allo svuotamento dello stabilimento.