InfoAut
Immagine di copertina per il post

I sindacati francesi scioperano di nuovo.

In prima linea nella lotta contro la riforma delle pensioni di Macron.

Da gennaio di quest’anno, la Francia vive al ritmo della riforma pensionistica di Macron e del potente movimento che vi si oppone. La salvaguardia del sistema pensionistico è una delle battaglie ricorrenti dei sindacati e della sinistra francese contro i neoliberisti. Basta elencare le riforme per capire quanto sia ricorrente questo conflitto sociale: 1993, 1995, 2003, 2010, 2013 e la fallita riforma del 2019 battuta dallo sciopero. Il movimento contro questa riforma è molto ampio: il 93% dei lavoratori si oppone alla riforma, una coalizione sindacale molto ampia ne costituisce la base, ed è stata sostenuta dal recente sindacato di sinistra (NUPES) in parlamento. Tuttavia, non avendo ottenuto nulla dopo due mesi di mobilitazione molto strutturata, il movimento si è indurito.

Per capire l’attuale movimento contro la riforma delle pensioni in Francia, è necessario comprendere il “movimento sociale alla francese” (mouvement social à la française), che costituisce il quadro generale delle mobilitazioni da oltre 20 anni. L’archetipo è il movimento del 1995 contro il piano Juppé (una politica volta a ridurre i diritti sociali dei lavoratori del settore pubblico, in particolare i diritti pensionistici). Il movimento sociale alla francese è un’alleanza tra diversi settori economici e diversi sindacati contro le riforme neoliberali, quindi è sempre un contrattacco. Il movimento sociale alla francese ha vissuto una doppia crisi, emersa dapprima durante le proteste del 2016 contro le leggi sul lavoro (loi travail) ma anche con il movimento dei Gilets Jaunes, che molti hanno interpretato come la fine definitiva di questa forma di mobilitazione. Questo movimento è una cartina di tornasole per questa forma di mobilitazione: è ancora in grado di conquistare diritti sociali, aumenti salariali e difendere la sicurezza sociale, o è il canto del cigno del movimento sociale alla francese?

In primo luogo, il 2016 è stato un momento di radicalizzazione degli slogan e delle tattiche. È stato il primo movimento sociale a svolgersi all’interno del quadro politico del macronismo, poiché all’epoca Macron era ancora ministro dell’Economia. Il movimento si opponeva a una nuova legge, la “Ioi travaiI”, che mirava a limitare i diritti dei lavoratori e che, di conseguenza, era di vitale interesse per i sindacati, poiché limitava fortemente la loro capacità di organizzarsi e negoziare. Tuttavia, i sindacati non hanno spinto la loro lotta oltre le forme estremamente ritualizzate di conflitto sociale che ci si aspetta in Francia, come la manifestazione del martedì o del giovedì e gli scioperi sotto forma di “sciopero perlato” (“grève perlée”), cioè senza continuità nei giorni di sciopero.1 Una delle questioni in gioco nei giorni a venire è se i leader sindacali saranno in grado o meno di portare avanti uno sciopero continuo.

La seconda sfida al movimento sociale alla francese è stata provocata dai Gilets Jaunes. I Gilets Jaunes sono nati nel 2018 come movimento anti-tasse con il rifiuto dell’aumento del prezzo del carburante causato da una tassa sulle emissioni di CO2. Va notato che questa richiesta poneva fondamentalmente la domanda a cui l’ecologia borghese si rifiuta di rispondere, ovvero chi paga per l’aumento delle emissioni di carbonio nel quadro dei mercati del carbonio stabiliti dalla Convenzione di Kyoto. Il movimento dei Gilets Jaunes ha attirato solo un numero limitato di sindacalisti. Tuttavia, c’è stato un significativo sostegno da parte dei sindacati di base investiti nel movimento sociale del 2018. Questo ha riunito Gilets Jaunes e sindacalisti trasformati in Gilets Jaunes, provenienti da settori che sono ancora tra i più combattivi.

I Gilets Jaunes hanno anche esteso il territorio di lotta, dalle grandi città alle periferie, alle città medie e alle aree rurali, che in molti casi sono molto meno densamente popolate in Francia. La classica forma di azione dei Gilets Jaunes si è svolta sulle rotonde che si trovano ovunque nelle periferie francesi e che sono un simbolo del controllo dei piccoli imprenditori del cemento sul territorio. Nella composizione spaziale dell’attuale movimento contro la riforma delle pensioni vediamo delle continuità con i Gilets Jaunes che hanno trasformato luoghi come le rotonde in centri di conflitto sociale. Non è un caso che questa volta molte delle azioni organizzate dai sindacati si siano svolte sulle rotonde.

Il movimento dei Gilets Jaunes ha poi subito una trasformazione alla fine del 2019, quando Macron ha annunciato una riforma delle pensioni. Per molti versi, questa riforma era peggiore di quella attualmente proposta, in quanto mirava a passare a un sistema commercializzato, smantellando così il sistema attualmente basato sulla solidarietà sociale. Infatti, i fondi pensione in Francia sono gestiti dai lavoratori dal 1944 e dalla liberazione della Francia dal dominio nazista e si basano sul principio della solidarietà. Questo movimento molto potente ha segnato un primo passo nella Gilet Jaun-izzazione dello sciopero, di cui si possono evidenziare tre caratteristiche distintive: una forte opposizione nei confronti del governo, la proliferazione di iniziative locali e il consenso sul fatto che l’uso di scioperi di blocco sarebbe stata l’unica tattica in grado di garantire la vittoria. In un certo senso, questa diagnosi strategica si è rivelata corretta, dal momento che è uno degli unici movimenti ad aver ottenuto una vittoria negli ultimi anni. Oggi, la radicalizzazione del governo sulle sue posizioni rende chiaro, anche per i sindacati più moderati, che solo questo metodo è efficace nel contesto del macronismo. Va detto che il movimento ha mostrato livelli eccezionali di militanza, soprattutto nelle numerose assemblee operaie e di quartiere, e un’intensa attività politica caratterizzata da una partecipazione di massa.

Nel 2019, la presenza degli attivisti per il clima è stata fondamentale. Stavamo uscendo da una fase in cui XR e alcune delle correnti più radicali e apertamente anticapitaliste (collettivi queer, ecc.) si organizzavano con i Gilets Jaunes. Stavamo uscendo da un momento di azioni internazionali di XR che erano riuscite a federarsi ma non erano riuscite a costruire una forza sociale offensiva sulle questioni climatiche. Alcuni compagni ecologisti erano intervenuti in quell’occasione con un testo che iniziava così: “Lo sciopero contro la riforma delle pensioni non corrisponde a ciò che chiamiamo lotta ambientale. Tuttavia, noi ecologisti siamo sui picchetti, sosteniamo le mobilitazioni dei ferrovieri, dei Gilets Jaunes, degli insegnanti, degli operatori sanitari e di tutti coloro che lottano contro la riforma”. Perché gli ecologisti sostengono lo sciopero?”. L’argomento principale di questo testo era che la riduzione dell’orario di lavoro è un imperativo ecologico, poiché qualsiasi aumento dell’orario di lavoro complessivo comporta necessariamente un aumento della quantità di risorse biofisiche estratte e un aumento della quantità di CO2 emessa. Questa convergenza e questo discorso si ritrovano ora in molte altre parti dell’attuale ecologia politica, il che rappresenta innegabilmente una vittoria per l’avanguardia del movimento del 2019.

A parte il quadro specifico del movimento del 2019 sulla scia dei Gilets Jaunes, i movimenti per le pensioni in Francia hanno una natura piuttosto interclassista, data la storia delle rivendicazioni sindacali, in particolare tra i dirigenti (cadres). L’attuale movimento è guidato dalla coalizione più ampia possibile di sindacati all’interno di quella che viene chiamata Intersindacale.2 La difesa delle pensioni fa parte delle rivendicazioni del movimento francese dei quadri fin dagli anni ’30: questo ha dato uno spettacolo piuttosto sorprendente nelle ultime settimane, con i resti della “cortêge de tête” (equivalente al black bloc nel mondo anglofono) che marciavano proprio davanti alla CFE-CGC, la confederazione generale dei quadri. È quindi questa natura interclassista che spiega sia l’immensa popolarità di questo movimento sia la difficoltà che ha incontrato, fino a poco tempo fa, nel consolidare il suo antagonismo.

È quindi importante capire che non siamo più nel 2016, quando la domanda era: come radicalizzare un movimento operaio che faticava a esercitare il proprio potere. Il movimento attuale è un movimento interclassista, come dimostra la capacità dei sindacati centristi come la CFDT di mobilitare le persone per le loro manifestazioni. Questo è in netto contrasto con il movimento del 2019, dove i raduni sindacali erano tipicamente poco incisivi, mentre il blocco principale di fronte alla manifestazione sindacale era molto più radicale e densamente popolato.

Il 7 marzo è stato uno di quei giorni di intensa attività militante con picchetti e blocchi: scuole, licei, stazioni di autobus e treni nella regione di Parigi sono stati chiusi dai manifestanti. Da questa situazione si può trarre una posta in gioco politica molto importante, che le federazioni dell’energia hanno compreso molto bene: è necessario dividere la borghesia sulla questione delle pensioni. Poiché di fatto è già fratturata, si tratta ora di mettere una leva in questa apertura. Questa frattura sembrava ovvia un anno fa, dato che il MEDEF (la confederazione dei datori di lavoro francesi) aveva chiesto a Macron di non fare la sua riforma. Ma la CGT Energie si è resa conto che i crediti d’imposta e le esenzioni fiscali non sono sufficienti dal punto di vista dei capitalisti perché accettino di stare dalla parte di Macron a tutti i costi. Ecco perché le azioni di taglio dell’elettricità nei magazzini di Amazon e in vari luoghi strategici sono particolarmente interessanti: a quanto pare i crediti d’imposta da soli non permettono di gestire una fabbrica.

La riforma

Dopo aver ripetuto per mesi che l’età legale per la pensione completa sarebbe stata portata a 65 anni nel 2031, il governo propone finalmente un aumento a 64 anni. Macron ha fatto di questa riforma uno dei temi della sua rielezione lo scorso anno. In effetti, l’età legale sarà portata a 64 anni, al ritmo di un quarto in più all’anno, a partire dal settembre 2023 per la generazione nata nel 1961. In realtà, la riforma è un’estensione della riforma Touraine votata sotto Hollande, con la differenza che ne accelera la velocità: infatti, invece di raggiungere l’età di 43 anni per una pensione completa nel 2035, con questa riforma ci si arriva nel 2027. Soprattutto, quindi, questa riforma è un’estensione delle ore di lavoro svolte nell’arco della vita. È anche un conflitto di interpretazioni sulla Costituzione sociale francese. A sinistra, l’interpretazione è che il sistema di sicurezza sociale è di proprietà dei lavoratori e dovrebbe essere governato da loro, mentre la destra ha interpretato dopo gli anni ’50 che questi fondi dovrebbero essere gestiti dallo Stato o dal capitale.

Tuttavia, la battaglia su questa riforma riguarda anche le condizioni di lavoro in generale, soprattutto la questione della sicurezza sul lavoro e dei rischi per la salute (penibilité). Macron ha detto qualche anno fa che non gli piace la parola pénibilité. Si tratta di un vero e proprio problema di riconoscimento, poiché la riforma abolirà il riconoscimento dei rischi professionali come il trasporto di carichi pesanti o l’esposizione a vibrazioni meccaniche. Questa riforma pensionistica si basa quindi sull’idea che il lavoro duro non esista. Il senatore macronista Patriat ha spiegato in TV che il lavoro duro non esiste più mobilitando una fantasia futuristica secondo la quale i lavoratori edili e i traslocatori in Francia sarebbero dotati di esoscheletri. Questa riforma dimostra l’aperto odio della borghesia macronista nei confronti dei lavoratori. Ad esempio, una portavoce del partito di Macron ha deriso Mouloud Sahraoui, lavoratore della logistica alla Geodis e uno dei leader delle lotte molto avanzate e spesso vittoriose nel settore della logistica, perché chiedeva il diritto al pensionamento completo a 50 anni, mentre la NUPES ne chiede 60 invece dei 62 attuali.

Ma la riforma delle pensioni di quest’anno è molto diversa da quella presentata da Macron poco prima della pandemia, alla fine del 2019. Si trattava di una riforma strutturale che non solo avrebbe allungato la durata della vita lavorativa, ma avrebbe anche trasformato il sistema pensionistico in un sistema a punti. Questo cambiamento strutturale stava ovviamente preparando la transizione verso un sistema pensionistico commercializzato. Un potente movimento nel 2019 ha messo in difficoltà il governo, con importanti scioperi e un movimento sociale guidato dai Gilets Jaunes che si sono combinati per creare un ambiente politico in cui la riforma pensionistica macronista si è bloccata.

In risposta, il governo ha moderato la sua riforma all’inizio del 2020. Tuttavia, la pandemia ha bloccato completamente ulteriori progressi e la resistenza è emersa sia dal capitale che dal lavoro. Il MEDEF, il sindacato dei padroni, si è opposto alla riforma delle pensioni proprio perché considerata troppo polarizzante dopo la serrata e perché il capitale continuava a essere massicciamente sovvenzionato dalle misure statali contro la pandemia. È stata questa opposizione a indurre il governo a cambiare approccio, passando da una trasformazione sistemica a una riforma più graduale. Le misure attuali propongono di modificare un parametro specifico del sistema, ovvero l’età legale di pensionamento, ma non il sistema stesso. Naturalmente, questo cambiamento porterà sempre più persone a investire in pensioni integrative private, poiché non potranno più andare in pensione in buona salute con il sistema previdenziale pubblico e ricevere una pensione dignitosa. Tuttavia, il passaggio di Macron a una riforma parametrica è un sintomo della difficoltà del blocco neoliberale francese a proporre un progetto sociale sulla scia della pandemia COVID. La forza del lavoro sta bloccando una soluzione neoliberale completa al problema delle pensioni.

L’attuale riforma è essenzialmente dello stesso tipo di quella del 2010. Tuttavia, in quella riforma l’approccio di gestione dei lavoratori era completato da una serie di organizzazioni che miravano a integrare la gestione della previdenza sociale nella prospettiva neoliberista dell’equilibrio di bilancio. Si differenzia notevolmente da quella del 2019, segnando la mancanza di una vera iniziativa politica da parte di Macron, il cui progetto si limita alla regola della stabilità di bilancio europea.

Dal 2010 i governi hanno ripetutamente invocato lo squilibrio di bilancio per giustificare la riforma delle pensioni, dopo che il COR (Conseil d’orientation des retraites) aveva dichiarato che lo stato attuale delle cose era insostenibile.3 In realtà, le pensioni degli attuali pensionati sono pagate dagli attuali lavoratori. Ciò pone alla borghesia il seguente problema: come mantenere il livello delle pensioni quando il rapporto tra popolazione attuale e pensionati è in diminuzione. In effetti, vale la pena notare che questo spostamento del rapporto lavoratori-pensionati riflette pienamente l’aumento della produttività: mentre il rapporto tra pensionati e lavoratori è triplicato, è aumentata anche la produttività del lavoro.4

Va anche detto che negli ultimi anni la COR si è quasi sempre sbagliata nelle relazioni che motivano le precedenti riforme pensionistiche. Di fatto, la borghesia francese persiste nel suo tentativo di liquidare la previdenza sociale pubblica, ma questa volta non ha la capacità politica, soprattutto dopo il fallimento della riforma del 2019, di liquidarla apertamente. In questo contesto, la riforma parametrica è un modo per i Macronisti di lasciare che le pensioni pubbliche appassiscano passivamente, mentre i piani pensionistici privati crescono.

Questa volta il rapporto della COR propone quattro scenari, di cui solo uno è sbilanciato. Per questo motivo la sinistra politica denuncia la riforma come una truffa. In realtà, la riforma non fa nulla per equilibrare i conti della previdenza sociale, ma mira piuttosto a una transizione verso un sistema pensionistico privato. Il sistema previdenziale francese è ancora una volta sotto attacco da parte dei capitalisti. Gli obiettivi di questa riforma sono l’aumento delle ore di lavoro per incrementare i tassi di crescita e la creazione di nuovi mercati per le compagnie assicurative.

Da una crisi sociale a una crisi politica

Il fattore che ha spostato l’attuale movimento contro la riforma delle pensioni da una crisi sociale a una crisi politica più ampia è stata la decisione del governo di utilizzare l’articolo 49.3 della Costituzione francese. Questo articolo consente al governo di approvare una legge senza che il Parlamento la voti. L’unico modo per bloccare l’approvazione della legge è il voto di una mozione di sfiducia, che se approvata fa cadere il governo. Dal 2016, questo articolo della Costituzione è diventato un simbolo dell’autoritarismo neoliberale. L’annuncio dell’uso di questo articolo il 16 marzo ha scatenato manifestazioni in tutta la Francia. A Parigi, il movimento ha iniziato a riunirsi di notte davanti all’Assemblée Nationale in Place de la Concorde per protestare contro i metodi autoritari del regime macronista. I tentativi di resistenza parlamentare sono falliti, con una mozione di sfiducia proposta da un deputato indipendente centrista che non è riuscita a far cadere il governo per 9 voti. Il contrattacco poteva quindi venire solo dai settori operai più militanti, come i ferrovieri o i netturbini.

Il fallimento di questa mozione di censura ha reso evidente che il negoziato per via parlamentare era bloccato, e allo stesso tempo l’appello dell’Intersindacale a negoziare con il governo era in un vicolo cieco. Va notato che sono stati gli stessi macronisti a bruciare tutti i ponti che avrebbero potuto attenuare il conflitto sociale. Il risultato sono state azioni in tutta la Francia contro gli uffici dei parlamentari favorevoli alla riforma. La CGT, ad esempio, ha iniziato a organizzare la costruzione di muri di mattoni davanti agli uffici di alcuni parlamentari o contro gli uffici locali del MEDEF.

Il corollario di questa acuta crisi politica è l’uso sistematico della brutalità della polizia per impedire lo svolgimento di manifestazioni spontanee. Dopo il fallimento della mozione di censura, il 20 marzo, gli assembramenti nei pressi dell’Assemblée Nationale sono stati tutti isolati e sono stati commessi diversi atti di brutalità da parte della polizia. La strategia di repressione dello Stato ci ha spinto ad adottare una strategia più versatile, basata sulla proliferazione dei luoghi di manifestazione. I raduni sono iniziati a Place de la Concorde, davanti all’Assemblea Nazionale. Questi raduni sono stati un’opportunità per i giovani di prendere parte al movimento in cui non erano stati così attivi fino ad ora. Questi momenti di aggregazione sono durati due serate di ritrovo, fino a quando la polizia ha bloccato il luogo. Da allora, gruppi di giovani si organizzano soprattutto su messaggeri criptati come Telegram o Signal per gestire i punti di incontro. Queste manifestazioni tumultuose sono comunque molto spontanee e disorganizzate, i gruppi di manifestanti si riconoscono l’un l’altro da canti come “Tout le monde déteste la police”. Giovedì scorso, ad esempio, a Parigi sono stati appiccati quasi 400 incendi di rifiuti dopo la manifestazione. Questi movimenti spontanei dei giovani non sono limitati a Parigi; ce ne sono stati anche in città più piccole, anche se questa modalità di organizzazione rimane urbana. In risposta alla brutalità della polizia, i giovani sono entrati nel movimento in numero sempre maggiore e un numero ancora maggiore di scuole superiori è stato barricato (200 questo lunedì, che non era un giorno di mobilitazione).

Ma il recente salto di qualità del movimento è profondamente legato ad alcuni lavoratori molto avanzati dei settori dell’energia, dei trasporti e dei rifiuti. La tattica preferita da questi settori, in sciopero dal 7 marzo, è il blocco. Nel caso del settore dei rifiuti a Parigi, lo sciopero è stato costruito dopo uno studio approfondito della catena logistica dei rifiuti a Parigi, consentendo scioperi in punti nevralgici come l’impianto di incenerimento di Ivry. L’idea è che il blocco di punti strategici della catena logistica renda praticamente impossibile il lavoro in un altro punto del circuito, ad esempio rendendo impossibile lo scarico dei camion della spazzatura a fine giornata. In questo modo, è possibile trovare il tempo per tenere riunioni con i lavoratori che non sono ancora in sciopero e discutere di sindacalizzazione, condizioni di lavoro e pensioni. Questi blocchi e scioperi sono le condizioni di possibilità per le manifestazioni selvagge che si svolgono a Parigi di notte, in quanto significano che la spazzatura non viene raccolta e che quella stessa spazzatura finisce per essere usata come carburante per le barricate.

In questo contesto, il principale ostacolo al movimento sono i limiti imposti dallo Stato al diritto di sciopero. Dalla presidenza di Sarkozy, lo Stato può usare la polizia per costringere i lavoratori in sciopero a tornare al lavoro se la loro azione blocca alcuni beni strategici, come le forniture tattiche di carburante. Ovviamente, queste requisizioni vengono utilizzate in modo distorto, ad esempio per obbligare il rifornimento degli aeroporti di Parigi. La mobilitazione dei lavoratori e degli studenti contro queste requisizioni è fondamentale per la continuità del movimento, per il mantenimento del diritto di sciopero e per l’autodifesa collettiva contro i poteri illimitati della polizia.

Giovedì 23 marzo il movimento ha fatto un altro passo avanti verso la generalizzazione dello sciopero: il movimento è cresciuto ancora, con 3,5 milioni di persone in strada e un buon numero di partecipanti agli scioperi in vari settori. Questa giornata è stata caratterizzata da una proliferazione di azioni come il blocco dell’aeroporto Charles-De-Gaulle di Parigi, organizzato dalla sezione locale della CGT-Roissy, che ha coinvolto molti lavoratori aeroportuali. La manifestazione di Parigi ha visto anche un’impennata di scontri fisici che hanno segnato la fine di quello che era iniziato come un movimento molto tranquillo. Questo nono giorno di sciopero nazionale è molto rappresentativo del ritmo di queste mobilitazioni: blocchi e azioni al mattino, manifestazioni nel pomeriggio e manifestazioni selvagge alla sera, tra cui una organizzata dai sindacati locali della regione di Parigi.

Ora più che mai, questo movimento attesta l’efficacia dello sciopero come modalità di azione, contro ogni pretesa di obsolescenza. Naturalmente, non si tratta più solo dello sciopero nella grande fabbrica, poiché lo sciopero, la rivolta e il blocco non corrispondono tanto a una fase del capitalismo quanto a un modo di conoscere e agire sulla produzione e sulla riproduzione. Se l’esito del conflitto rimane incerto, la sfida a lungo termine del conflitto è vedere se una nuova generazione di sindacalisti di base è in grado di emergere da questo movimento, e il coinvolgimento massiccio dei giovani negli ultimi giorni sembra andare in questa direzione.

Di Fx Hutteau originariamente apparso in inglese su Notes From Below

Traduzione a cura della redazione

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

movimento contro riforma pensionipensioniscioperosindacati francia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello dei lavoratori palestinesi per la Giornata della Terra. Lottiamo per la nostra terra e per la nostra libertà

Il 30 marzo in Palestina è il Giorno della Terra, che ricorda i caduti negli scontri del 30 marzo 1976 quando l’esercito israeliano inviò le proprie forze in tre paesi (Sachnin, Arraba e Deir Hanna) allo scopo di reprimere le manifestazioni che ebbero luogo a seguito della decisione delle autorità israeliane di espropriare vasti terreni agricoli. 

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Per una lettura condivisa sul tema pensionistico

All’innalzamento dell’età pensionabile va aggiunto poi un ulteriore problema: mentre gli  importi pensionistici vengono progressivamente abbassati la convenienza  del pensionamento anticipato diminuisce.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sciopero degli addetti al settore cargo di Malpensa

Sciopero all’aeroporto di Milano Malpensa degli addetti al settore cargo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sanità: nuovo sciopero di medici e infermieri contro la manovra economica del governo

Nuovo sciopero dei medici oggi lunedì 18 dicembre 2023. Si tratta della seconda giornata di protesta dopo quella del 5 dicembre contro la manovra economica del Governo che taglia fondi alla sanita’ pubblica a favore di quella privata.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Trasporti: Salvini precetta lo sciopero del sindacalismo di base che replica “Confermiamo l’astensione e siamo pronti ad azioni di piazza”

Come era prevedibile l’incontro con il ministro dei Trasporti Salvini del 12 dicembre 2023 “si è concluso con un nulla di fatto” e di fronte all’ordinanza del leghista di ridurre la mobilitazione da 24 a 4 ore si  “conferma lo sciopero”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La riforma previdenziale del Governo Meloni

La strategia del Governo sembra puntare a rendere difficile e meno conveniente il pensionamento anticipato.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Le improbabili genealogie di uno sciopero. Lotte di classe dentro e contro il sindacato

Dopo 46 giorni di sciopero, che nell’ultima fase ha coinvolto 45 mila lavoratori su 146 mila, alla Ford, General Motors e Stellantis – le cosiddette Big Three americane dell’automotive – sono stati rinnovati i contratti per i prossimi i 4 anni e 7 mesi

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sciopero e proteste continuano a Leroy Merlin.

Sono molte le iniziative di solidarietà nei confronti dei lavoratori in sciopero a Leroy Merlin di Piacenza, grande centro logistico del colosso che rischia la chiusura. A Bologna, Milano, Torino i lavoratori dei negozi della catena francese hanno messo in atto azioni di protesta nei negozi sparsi nelle varie città, riempiendo carrelli e gettando la merce a terra con l’obiettivo di boicottare il normale svolgimento dell’attività e provocando un danno economico e di immagine all’azienda.