InfoAut

L’inchino

Fiumi di inchiostro, comunicati stampa, note e approfondimenti di varia natura hanno commentato lo sfarzoso funerale di Vittorio Casamonica in quel del Tuscolano, periferia consolidata del sud-est capitolino. Sono state sottolineate le ostentazioni, le distrazioni e le omissioni. tutto è stato passato sotto i riflettori della comunicazione mainstream e niente è stato tralasciato per aumentare a dismisura gli effetti di una cerimonia ridondante di segnali utili a marcare il territorio dove ogni giorno la presenza di questa famiglia, nota ai romani, viene affermata nei fatti.

Sono stati evidenziati anche i legami con i più recenti procedimenti giudiziari e i solidi rapporti con le amministrazioni locali, sia quelli leciti che quelli illeciti. ci saranno interrogazioni parlamentari e inchieste di varia natura, ma il dato più interessante sembra ancora non emergere: l’interesse a rappresentare l’internità dei Casamonica alla vita della città e quindi, il voler far vedere in maniera potente la propria esistenza e la propria capacità economica, sociale e politica.

La disponibilità della chiesa, la libertà di movimento nelle strade e nei cieli della capitale, l’indulgenza del potere costituito, ci raccontano una storia che ci porta direttamente verso ciò che sta per accadere a Roma. Siamo alla vigilia del Giubileo e stanno per partire opere e appalti straordinari. Ci saranno risorse disponibili per la metro A e B, per tutte le stazioni ferroviarie della capitale, per le aree basilicali, per il verde, per i parchi del centro storico e del Colle Oppio, per l’allargamento dei marciapiedi del centro, per la riqualificazione della pavimentazione di cinque ponti sul Tevere, panchine nuove, aree ludiche, fioriere, aree picnic, cestini. E tutte le gare avranno tempi e modalità caratteristiche dell’urgenza.

Gli interessi dei Casamonica, oltre alle accuse di usura, droga e riciclaggio, si basano su una presenza consolidata nel settore commerciale, edilizio, immobiliare, della ristorazione e degli stabilimenti balneari. E quindi quale miglior lascito poteva essere legato alla cerimonia d’addio per zio Vittorio? I cartelli esposti fuori la chiesa parlano chiaro: hai conquistato Roma e ora conquisterai il paradiso. Il Giubileo serve proprio a questo, a garantirsi il paradiso!

A poco valgono le parole di sindaci e governatori, prefetti, questori e comandanti dei vigili, già pronti a chiudere la pratica trovando qualche colpevole di turno. Le omissioni quando si ripetono diventano regole e le distrazioni possono trasformarsi in complicità. al di là di tutto il gossip che dovremo sopportare, rimane l’inchino profondo fatto alla città che ha fruttato così tanto a Vittorio Casamonica e alla sua grande e affamata famiglia. Un inchino osservato bene dai romani, da chi lo vuole e da chi non lo vuole vedere. Dentro questo inchino c’è la forza di un ipotesi di governo della città che non risiede in Campidoglio ne in altro luogo dell’amministrazione pubblica. E’ un pezzo di potere che si è manifestato in questo modo affinché se ne tenga conto nella giusta maniera, con buona pace di magistrati e commissari di turno.

Roma, 22 agosto 2015

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

mafiaroma

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ilaria Salis: un voto che (per una volta) serve

Se la campagna per la sua liberazione passa attraverso le urne andremo a cercare dove diavolo è finita la tessera elettorale e faremo la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Tamburini di guerra

Mentre gli stati continuano ad ammassare armamenti il tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica sull’inevitabilità della guerra raggiunge nuove vette, tra giornalisti che lodano i benefici per l’economia dell’industria delle armi, propaganda nelle scuole e proposte politiche scellerate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Palestina, il “senso storico” e noi

Quanto sta accadendo in Palestina crediamo sia un elemento chiarificatore. Lo è sicuramente per le masse che si sono messe in movimento per sostenere la popolazione di Gaza non solo nel mondo arabo, ma anche in tutto l’Occidente.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Salvini: una vita al servizio dei potenti

La nuova trovata di Salvini: una campagna d’odio verso l’islam per distrarre l’opinione pubblica dal genocidio in corso a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Roma: migliaia in piazza contro il governo Meloni. Scontri tra collettivi universitari e polizia

Si è svolto ieri a Roma, partito da piazza Vittorio Emanuele II, il corteo “contro il governo Meloni” diretto a Porta Pia a cui si sono aggiunti i collettivi universitari e liceali che si sono dati appuntamento a Piazzale Aldo Moro.  In testa al corteo lo striscione con lo slogan della manifestazione e il sottotitolo […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TAV = Mafia. Nuove prove del coinvolgimento della ‘ndrangheta nel TAV Torino – Lione.

Negli scorsi mesi è venuta fuori, come succede ciclicamente, una polemica bipartisan sulla scritta che svetta sul Musiné all’ingresso della valle che recita TAV = Mafia. Oggi veniamo a conoscenza attraverso una notizia apparsa sul tg regionale che esistono nuove prove del coinvolgimento delle ‘ndrangheta nelle opere propedeutiche al TAV Torino – Lione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.