InfoAut

Minniti in The Wire

Nella serie televisiva americana The Wire, per offrire all’opinione pubblica numeri positivi rispetto all’emergenza spaccio/criminalità e in generale alla sicurezza dei quartieri periferici, la polizia locale utilizza due strategie.

Da un lato intensifica il numero degli arresti immotivati, effettuati random, giusto per gonfiare le statistiche e poter parlare di aumento dei controlli e della presenza sul territorio. Dall’altro prova a delocalizzare il problema, spostandolo e creando una zona fuori dal diritto in una via appartata, eliminando al pubblico la visione quotidiana della vendita e degli acquisti di droga.

In entrambi i casi al problema non viene risposto con una strategia di lungo periodo, questo viene affrontato in maniera puramente cosmetica, che nel frattempo continua a creare emergenza e paranoia dove non se ne vedono le tracce, per giustificare l’esistenza dell’apparato di sicurezza nella sua totalità.

L’Italia e l’Unione Europea stanno approntando una strategia simile nei confronti delle migrazioni: o le affrontano in maniera puramente poliziale e repressiva, come avviene sul nostro territorio con le retate alle stazioni, con il campo libero lasciato alle peggiori menzogne in televisione e sulla carta stampata, con le condizioni terribili che si vivono nei “centri d’accoglienza”.

Oppure le delocalizzano come sta succedendo in Libia e in futuro in Niger e Ciad, con campi di concentramento definiti anche da soggetti non certo eversivi o scomodi come Emma Bonino o Gino Strada dei veri lager dove si tortura e si stupra.

In ogni caso il problema non viene risolto: i problemi strutturali, che vanno dal riscaldamento climatico alle conseguenze delle guerre coloniali e imperialistiche, continueranno a alimentare il flusso migratorio, con il risultato di fare del Mediterraneo e dei paesi ormai cuscinetto dell’Africa Settentrionale delle fosse comuni. Gentiloni e Minniti intanto si lodano e si esaltano per lo stop agli sbarchi, rendendosi autori di un crimine di guerra che chissà se qualche tribunale internazionale riconoscerà mai.

Le indiscrezioni sul pagamento alle milizie libiche per farle diventare da trafficanti a gendarmi anti-trafficanti – confermate anche da Massimo d’Alema -, l’appoggio totale a Al-Sisi per controllare anch’esso la sua frontiera – con buona pace di Regeni, contano molto più gli interessi di ENI – la dicono lunga sulle figure che abbiamo al governo in questi mesi.

Perfino Medici Senza Frontiere ha parlato in merito di “cinica complicità” dell’Italia e dell’UE con il business criminale, ma le esigenze di campagna elettorale, quelle delle aziende e quelle di poltrona sono più forti di qualsiasi etica.

La UE finge di riconoscere la situazione, per bocca del commissario Malstrom, ma non fa nulla: del resto, non riesce a convincere, sempre che voglia farlo, alcuni dei suoi stati membri ad accogliere poche decine di persone, figurarsi se intende occuparsi di chi muore in Libia. Stiamo sempre parlando di chi ha firmato accordi assassini con la Turchia di un dittatore sanguinario come Erdogan..

Eppure anche all’interno delle nostre frontiere grondanti di sangue non smette la caccia alle streghe: aggrediti da autisti diventano aggressori; rifugiati lasciati senza diritti diventano racket delle occupazioni; lo “straniero” in generale diventa l’autore della maggioranza degli stupri, negando l’evidenza dei dati e costruendo un dispositivo razzista e criminalizzante sull’equazione migrante=stupratore.

Ciò che conta è semplicemente spostare il problema, cancellarlo nei suoi tratti più evidenti, insabbiandolo sotto un capro espiatorio. E’ quello che ci insegna David Simon nel suo capolavoro: in The Wire, Minniti sarebbe stato un ottimo personaggio. Ma siccome siamo nella vita reale, il cinismo tetro e desolante della serie tv va ribaltato all’interno di una prospettiva sempre possibile: quella collettiva della rottura di un silenzio così assordante da fare ogni giorno più male.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

migrantiMINNITI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Un sospiro di sollievo, nient’altro

Più che la vittoria dimezzata, per quanto in parte sorprendente, della sinistra in Francia ciò che c’è possiamo festeggiare è la sconfitta del Rassemblement National. Una sconfitta chiara, ed una buona notizia nel breve termine, ma che, dopo aver tirato un sospiro di sollievo, ci costringe a porci diverse domande.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni in Francia: a che punto è la notte

Le elezioni francesi hanno confermato l’ascesa della destra del Rassemblement National e la fine del regno incontrastato della Macronie.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ilaria Salis: un voto che (per una volta) serve

Se la campagna per la sua liberazione passa attraverso le urne andremo a cercare dove diavolo è finita la tessera elettorale e faremo la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Tamburini di guerra

Mentre gli stati continuano ad ammassare armamenti il tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica sull’inevitabilità della guerra raggiunge nuove vette, tra giornalisti che lodano i benefici per l’economia dell’industria delle armi, propaganda nelle scuole e proposte politiche scellerate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’accusa si basa su testimoni compromessi – Il processo Iuventa si sgretola!

L’audizione ha contribuito a far emergere i secondi fini e la assoluta mancanza di credibilità dei testimoni su cui l’accusa ha costruito l’intero caso.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Una prigione per migranti in Albania

Ieri la presidente del consiglio dei ministri Meloni ha sottoscritto con il primo ministro albanese Rama un protocollo per la gestione in territorio albanese dei migranti ripescati in mare dalla Marina Militare e dalla Guardia di Finanza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Migrazioni, guerre e ambiente

Il 28 settembre il consiglio dei ministri del governo Meloni ha approvato un nuovo decreto sull’immigrazione che con una mano prosegue l’opera di criminalizzazione delle persone migranti e con l’altra aumenta ulteriormente i fondi per le forze dell’ordine e la militarizzazione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Che cosa succede al processo contro Mimmo Lucano?

Il 20 settembre si è tenuta l’ultima udienza, dedicata alla difesa di Mimmo Lucano: gli avvocati difensori, Giuliano Pisapia e Andrea Daqua, che da anni lo difendono a titolo gratuito, hanno illustrato le loro valutazioni critiche della sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Locri ormai quasi due anni fa

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Alba(Cuneo): sabato 19 agosto corteo per i diritti dei migranti e dei braccianti in lotta

Casa, documenti, salute e lavoro: questi i temi che saranno portati in piazza da braccianti e migranti che sabato 19 agosto si raduneranno in una manifestazione solidale ad Alba in provincia di Cuneo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Ombre e dubbi sulla morte di Moustafà Fannane

Diverse persone, anche tramite post e commenti pubblici sui social-network, hanno espresso perplessità rispetto al suo stato di salute antecedente alla morte, notando in particolare un insolito gonfiore e una forte apatia: caratteristiche che non lo contraddistinguevano affatto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nuova strage di migranti nel Mediterraneo. 750 persone naufragate, centinaia i dispersi a largo della Grecia

Una nuova Cutro, con numeri che rischiano di essere ancora più gravi: è la nuova strage di migranti, con centinaia di possibili vittime, a causa del naufragio di un peschereccio a sud della Grecia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

InfoAut Podcast: Sul decreto Cutro

Il 5 maggio è stato convertito in legge il cosiddetto “Decreto Cutro”, che prende il nome dalla tragedia avvenuta a metà febbraio, in cui 94 persone hanno perso la vita cercando di attraversare il mar Mediterraneo.