InfoAut
Immagine di copertina per il post

Appello della Verdi 15. Il diritto allo studio non si sgombera

Sono andati a prendere gli occupanti uno a uno. Li hanno radunati tutti tra pianterreno e cortile. Poi hanno diviso italiani e stranieri, a ricordarci che non siamo tutti uguali, come vuole la linea politica del presidente leghista della Regione Piemonte Roberto Cota. Poi hanno isolato chiunque chiedesse spiegazioni o cercasse di tenere alto il morale cantando, a ricordarci che la via più rapida e indolore è perdersi d’animo. Una volta radunati e immobilizzati gli occupanti, sono andati stanza per stanza a distruggere tutto quello che trovavano. Hanno rovesciato il contenuto di frigoriferi e credenze. Hanno smembrato mobili e spaccato finestre. La stampa ha quindi avuto gioco facile per dipingere gli occupanti come dei disadattati che vivevano nel degrado. Del resto si sta bene a Torino d’inverno con le finestre senza vetri, non fa una piega. Del resto se la  magliettina non è più di moda gli si dà un tocco di colore spaccandoci sopra un vasetto di marmellata.

Tutto questo di fronte a Umberto Trabucco, presidente dell’Edisu, ente per il diritto allo studio che agli abitanti della Verdi aveva già levato il posto letto e la borsa di studio, e che oggi arriva a reclamare anche quello spazio che ci si era presi per vivere dignitosamente e continuare a studiare. Ciò che queste tetre figure non avevano calcolato è che la Verdi 15 Occupata non si è mai limitata a risolvere un’emergenza abitativa: la mattina del 30 ottobre, ancora una volta, tante e tanti hanno perso una casa, tutti uno spazio libero e comune.

A fronte di quanto accaduto, forti della solidarietà arrivata dall’intero paese, crediamo sia necessario che tutti prendano una posizione. Innanzitutto l’Università, la cui priorità deve essere tutelare gli studenti e le studentesse e il loro diritto ad avere una formazione. L’ateneo non può rimanere a guardare in silenzio: decine di ragazzi italiani fuori sede, pakistani, tunisini, serbi, senegalesi e di tantissimi altri paesi, come quando sono state tagliate le borse di studio, hanno come unica prospettiva di tornarsene da dove sono venuti, anzi, sembra che siano invitati a farlo.

L’ateneo di Torino ha speso miliardi per un nuovo campus universitario che di questo passo rimarrà vuoto. Anche perchè alla luce della politica di dismissione dell’ente Edisu come organo di garanzia del diritto allo studio in Piemonte sono tanti gli interrogativi sotto il cielo. La Verdi è stata sgomberata con il pretesto della ristrutturazione, ma all’oggi i soldi regionali e ministeriali non ci sono, non si sa se arriveranno, quindi: che destinazione avrà la residenza di via Verdi? si userà la ristrutturazione come scusa per poter poi cartolizzare lo stabile? sarà la privatizzazione e la speculazione a comandare le nuove vesti del diritto allo studio? La battaglia della Verdi 15 chiama in causa tutti perchè va ad aprire una tendenza nazionale, laddove lo studio viene espropriato del diritto.

Se in città non si è visto il crollo delle immatricolazioni, come succede nel resto del paese, è perchè a Torino l’emergenza abitativa non è ancora così stringente come in altre città. È chiaro però che le cose stanno cambiando. Il disegno dell’austerity prende forma: la città dei giovani, della quale il sindaco Piero Fassino si riempie la bocca,  diventa – giorno dopo giorno, taglio dopo taglio – una città solo di alcuni. Ragione per cui la questione sul banco non è più solamente universitaria, ma di tutti.

Quella stessa porta varcata il 30 ottobre dai dirigenti Edisu e dalla polizia oggi è chiusa, sbarrata. Una porta che, ogni giorno, a ogni ora, veniva attraversata da studenti e studentesse che sapevano di poter trovare nella Verdi 15 Occupata un posto tranquillo in cui studiare, magari con il sottofondo musicale di uno degli allievi del conservatorio che si esercitava. Da quella porta sono passati lavoratori e lavoratrici che non potevano permettersi di dare 100 euro al mese a una palestra, e che lì una palestra la trovavano, qualificata e prezzi popolari. Da quella porta sono passati migranti che volevano imparare la lingua italiana e italiani che ne cercavano un’altra: ‘tu m’insegni il francese, lo spagnolo, il tedesco e io t’insegno l’italiano, l’arabo, il serbo’. Da quella porta sono passati teatro, danza, fotografia, reading, musica: decine di artisti hanno portato e sperimentato nuovi linguaggi. E tanto altro ancora, la Verdi 15 Occupata è sempre stata ‘molto più di una residenza!’.

La mistificazione mediatica che celebra la liberazione dello stabile dagli usurpatori cattivi e dell’Edisu maltrattato che lo può finalmente restituire agli studenti bisognosi è insopportabile. Di quella vita multiforme che ha animato la Verdi 15 Occupata non si trova traccia sui giornali. La lezione che abbiamo imparato alla Verdi non sta dentro quelle mura ma nel nostro essere diventati comunità in lotta, attraverso e per una vita differente. Noi a quella vita lì, ora che la conosciamo, non abbiamo nessuna intenzione di rinunciare: per condividere quest’insegnamento e per imparare ancora.

Per aderire all’appello: iostoconlaverdi15@gmail.com

La Verdi 15 che resiste

Palazzo Nuovo Occupato, 4 novembre 2012

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

appellosolidarietatorinouniversitàverdioccupataverdiresiste

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

A cosa servono le scorte? Un caso esemplare a Torino

Come sempre all’avanguardia, a Torino si è sperimentata negli anni un’ulteriore funzione importante della scorta, quella di volano per il sovradimensionamento, sul piano dell’ordine pubblico, dei fenomeni legati alla conflittualità sociale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Salvare il Meisino è compito cittadino!

Secondo quanto apprendiamo da giornali e delibere comunali l’avvio dei lavori per cementificare e cancellare l’oasi di biodiversità rappresentata dal parco del Meisino a Torino è imminente.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Salone del Libro: come è fatta la vera censura

Riprendiamo il comunicato del Coordinamento cittadino Torino per Gaza su quanto accaduto ieri al Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorgio e la sorveglianza speciale

Il 28 febbraio 2023 la Procura di Torino ha chiesto la sorveglianza speciale e l’obbligo di dimora nel luogo di residenza per quattro anni per Giorgio Rossetto, disposto a fine giugno 2023.