InfoAut
Immagine di copertina per il post

Blitz contro “l’ennesimo studentato di lusso”

||||

Uova di vernice e scritte in via Zanolini, Split: “Chiediamo case, ci offrono ghetti-chic”. Tra gli studenti medi continua la mobilitazione, Osa: in piazza venerdì 18 “contro il modello di scuola europeo, contro alternanza e maturità e per le dimissioni di Bianchi”.

“La campagna di ‘Split ovunque’ dellə studentə senza casa e senza spazi di Split-Spazio per liberare il tempo continua! Uova di vernice e scritte sull’ennesimo studentato di lusso della nostra città! Chiediamo case, ci offrono ghetti-chic”, scrive il collettivo segnalando l’azione di protesta in via Zanolini: “Non è emergenza, è condizione cronica di questa città. Lo si ripete allo sfinimento, con iniziative, interviste e grida soffocate: la questione abitativa a Bologna è strutturale. Sanzionamenti, blocchi, sabotaggi, occupazioni temporanee, testimonianze, dibattiti. Ciò che negli ultimi mesi abbiamo messo in campo non si ferma. Non si può fermare davanti ai silenzi assordanti o alle promesse vuote delle istituzioni che si riempiono la bocca di quanto questa città sia sempre più accogliente, sempre più inclusiva. Ciò che invece continuiamo – ainoi – ad esperire è tutto il contrario. Non c’è posto per noi qui, letteralmente. Andiamo a vivere ad Imola, a Ferrara, perchè piuttosto che rinunciare a qualche stralcio di vita universitaria bolognese preferiamo così. Ma dove sta scritto che così sia giusto? Che accontentarci è l’unico compromesso possibile?”.

FB IMG 1644573646299 564x705

Scrive poi Split: “Le ‘soluzioni’ proposte dall’Università di Bologna sono studentati, il più delle volte ai margini della città, in cui la tua condizione di studentə, cucita addosso come un marchio, si intreccia indissolubilmente con la tua vita, ghettizzandola in un palazzone, alla mercè di coprifuochi, ingressi limitati e ovviamente il tutto sotto il ricatto della buona condotta accademica, infinitamente caro al nostro Ateneo. In altre parole: a te un posto letto serve a Bologna solo perchè devi studiare, studiare, studiare e devi farlo tra i tuoi simili (soprattutto se sei povero) e se invece sei ricco e quindi meritevole ancora meglio, troverai disseminati in città studentati di lusso a tutto spiano, a te la scelta! Per noialtri il centro e il lusso sono un miraggio e ad infarcire di tristezza e rabbia il tutto, è il costo dei trasporti, nettamente superiore ad altre città d’Italia in cui gli abbonamenti annuali per studentə sono anche di 30 euro all’anno! Bologna, come al solito, si distingue in negativo e ciò che ti dice è ‘meritati lo studentato in estrema periferia e possibilmente restaci!’. Nè studentati di lusso, nè studentati pubblici, tenetevi i vostri ghetti-chic, noi vogliamo la nostra vita al centro, che vi piaccia o no!”.

Passando alle scuole superiori, “il 18 febbraio scenderemo in piazza nella data nazionale chiamata dagli studenti in lotta contro il modello di scuola europeo, contro alternanza e maturità e per le dimissioni di Bianchi”, segnala Osa: “Dopo anni di deserto politico a Bologna, sulla spinta dell’occupazione delle Rosa Luxemburg, il malcontento generale degli studenti continua a crescere portando altre scuole ad occupare per ragioni che vanno dai muri che crollano, le aule che mancano, i termosifoni che non funzionano fino al numero spropositato di valutazioni che crea competizione e stress psicologico. L’ultimo mese il Governo ha dimostrato quanto gliene importa dei bisogni degli studenti. Dalla morte di Lorenzo in alternanza scuola-lavoro che ha riportato la scuola sotto i riflettori, alle cariche della polizia durante le proteste pacifiche degli studenti, fino alla maturità 2022. IL Pcto (ex alternanza scuola-lavoro) va abolito perché progetto ideologico istituito per insegnare agli studenti ad obbedire al datore di lavoro, ad essere futuri lavoratori precari e sfruttati. L’esperienza pratica va integrata a scuola, ma non può essere la scusa per mandare noi studenti come manodopera gratuita per le aziende, in cui tra l’altro si rischia la vita”. Il 18 febbraio “ci vediamo alle 9 in piazza Puntoni per andare insieme al concentramento unitario in piazza Aldrovandi”, scrive Osa.

Da ZIC

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

ALTERNANZA SCUOLALAVOROBolognastudentatostudenti mediuniversità

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: ampia mobilitazione delle università, occupati la maggior parte degli Atenei contro la creazione di poli privati

Grecia. La lotta del mondo accademico e universitario ellenico si intensifica di giorno in giorno in vista della presentazione del controverso disegno di legge per la creazione di università private.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Aggressione repressiva alle lotte a Bologna!

Da questa mattina è in corso la notifica di 22 misure cautelari nei confronti di compagne e compagni di Bologna, e altre decine e decine di notifiche di indagine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: giovane aggredito e picchiato dai Carabinieri al Parco Don Bosco.

Nella “democratica Bologna” tre volanti dei carabinieri aggrediscono e picchiano un giovane all’interno del parco Don Bosco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: dopo le cariche all’inaugurazione dell’anno accademico, occupato il rettorato

Occupato il rettorato dell’Università di Bologna. L’iniziativa si inserisce all’interno della “Israeli Genocide Week”, settimana di solidarietà e mobilitazione nelle Università contro il genocidio in corso a Gaza, promossa dai Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: “UNIBO complice del genocidio. Stop accordi con Israele”. La polizia carica il corteo per la Palestina

Centinaia di studentesse e studenti in corteo per le strade di Bologna mentre si svolge l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università felsinea alla presenza della ministra Bernini.