InfoAut
Immagine di copertina per il post

La rabbia di studenti e studentesse riempie di nuovo le piazze di tutta Italia

||||

Gli studenti e le studentesse tornano in piazza per rivendicare un modello di scuola differente, pretendere l’abolizione dell’alternanza scuola-lavoro e la fine dell’aziendalizzazione della scuola.

Scuole occupate, nuovi collettivi studenteschi, iniziative e prese di parola stanno continuando a crescere nelle ultime settimane. Mobilitazioni la cui profonda necessità è stata ulteriormente sollevata dall’assurda morte di Giuseppe mentre svolgeva il proprio stage a bordo di un furgone su cui non avrebbe dovuto essere.

Oggi sono previsti cortei e presidi in oltre quaranta città, una decisa risposta al ministro Lamorgese che continua a tentare di criminalizzare le piazze.

A Torino sono già oltre cinquemila gli studenti e le studentesse che hanno riempito Piazza XVIII Dicembre. Il corteo è appena partito. Diversi gli striscioni delle numerosissime scuole occupate nelle ultime due settimane in città e provincia, slogan contro l’alternanza scuola-lavoro, la gestione della formazione durante la pandemia e la maturità del ministro Bianchi. Il corteo forza l’entrata della sede torinese di Confindustria, cariche contro gli studenti e le studentesse.

{youtube}6vAJJpD43EM{/youtube}

Ora sotto il MIUR si pretende che le istituzioni si prendano le loro responsabilità. sancito un ultimatum con il MIUR per avere delle risposte e viene richiesto che qualcuno scenda a confrontarsi con le richieste di studenti e studentesse.

A Roma circa mille studenti sono partiti da Piazza Vittorio, scendendo lungo via Cavour. Il corteo devia nelle vie limitrofi all’Ufficio Scolastico Regionale mettendo in difficoltà l’enorme dispiegamento di polizia messo in campo dalla Questura. Il corteo si conclude nel primo pomeriggio a Piazza Madonna di Loreto.

WhatsApp Image 2022 02 18 at 19.29.20

Un migliaio di studenti anche a Catania. Per Lorenzo e per Giuseppe contro alternanza, sfruttamento e repressione.

274163548 1554607198244986 4988588649327805510 n

A Pisa sono oltre un migliaio gli studenti scesi in piazza, dopo un breve intervento sotto il Comune sono partiti in corteo andando a toccare la sede dell’Inail, l’Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro.

Questa mattina anche gli studenti delle scuole di Palermo sono tornati in piazza contro l’alternanza scuola-lavoro. Gli studenti sono partiti da piazza Verdi, per raggiungere piazza indipendenza, per incontrare l’assessore regionale alla formazione, Roberto Lagalla. Per loro la “Regione dovrebbe intervenire per far arrivare le rivendicazioni degli studenti siciliani al Miur”. Infine, gli studenti si rivolgono alla Regione per “annullare un accordo tra l’ufficio scolastico regionale e l’esercito per far svolgere le ore di alternanza scuola-lavoro dentro le caserme”.

ef49b0af2c1392a93663902de205aad8

Bologna ha visto il concentramento del corteo in Piazza Aldrovandi. La manifestazione ha poi invaso i viali bloccando l’importante arteria di viabilità della città emiliana. Gli studenti e le studentesse hanno provato poi a dirigersi verso il palazzo del provveditorato. Una volta in prossimità del palazzo la polizia ha provato a distanziare il corteo, iniziando a spintonare lo striscione. Dopo intensi minuti di scontri il corteo ha riconquistato solidamente la strada di via Belle Arti, proseguendo vittorioso di aver ottenuto un incontro col provveditore da consolidare entro i prossimi giorni.

274331853 107564215193673 2070162400422815699 n

A Napoli gli studenti e le studentesse dopo essere partiti in corteo sono passati sotto la questura per denunciare le violenze delle scorse settimane da parte delle forze dell’ordine e adesso si stanno dirigendo verso la sede della Confindustria partenopea.

Oltre mille studenti di Cosenza e provincia sono scesi in piazza questa mattina. Hanno partecipato alla manifestazione organizzata dal polo scolastico ‘Valentini-Majorana’ di Castrolibero, occupato nei giorni scorsi dai giovani che hanno sollevato l’attenzione su un sistema di molestie ed abusi da parte di docenti che veniva sistematicamente insabbiato dalla Preside pur di difendere il “buon nome” dell’istituto. “Le scuole dovrebbero essere luoghi in cui ə studentə si sentano al sicuro, in cui possano crescere da un punto di vista cultura e umano, diventando ə cittadinə coscienti di domani, non un luogo nel quale essere vittima di attenzioni morbose, molestie, battutine a sfondo sessuale che causano solo sofferenza e mettono a rischio la salute mentale di chi ne è vittima.” 

WhatsApp Image 2022 02 18 at 17.31.47

Le dirette di Radio Onda d’Urto da alcune delle città in mobilitazione:

Da Roma Dario, nostro corrispondente dalla Capitale. Presenti in piazza, oltre agli studenti, diverse delegazioni di lavoratori con le loro vertenza, da quelli ex-Alitalia al movimento dei disoccupati napoletani”7 Novembre”.

Ascolta o scarica

{mp3remote}https://www.radiondadurto.org/wp-content/uploads/2022/02/dario-roma-studenti.mp3{/mp3remote}

274186733 4893594344093380 3398308326114668639 n

 

Da Fermo, Mario Di Vito, corrispondente dalle Marche de Il Manifesto. Nella città marchigiana di cui era originario il sedicenne Giuseppe Lenoci, morto la scorsa settimana in un incidente stradale durante lo stage lavorativo, diverse centinaia di persone, sia studenti che lavoratori, sono scese in piazza.

Ascolta o scarica

{mp3remote}https://www.radiondadurto.org/wp-content/uploads/2022/02/mario-di-vito-manifesto-fermo.mp3{/mp3remote}

 

 

Pagina in aggiornamento

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

ALTERNANZA SCUOLALAVOROmorti sul lavorostudenti medi

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Riforma Bernini dell’università: la campagna 90%

Ad inizio giugno un fulmine si è abbattuto sull’università italiana.  La ministra Anna Maria Bernini ha annunciato che il governo sta lavorando ad una nuova riforma onnicomprensiva dell’università. Dal reclutamento al precariato, dalla didattica alla governance, il governo Meloni non vuole perdere l’occasione di ridisegnare il funzionamento degli atenei.  Il fatto che la coalizione di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Esselunga di Firenze: qualcosa si muove

A due settimane dal crollo nel cantiere per la costruzione di un nuovo negozio Esselunga nel quartiere di Rifredi, che ha provocato la morte di cinque operai, la popolazione locale continua a mobilitarsi

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: crollo in un cantiere Esselunga. Cinque operai morti, lunedi sciopero sindacati di base

L’azienda committente e la ditta appaltatrice del crollo nel cantiere Esselunga a Firenze sono gli stessi degli incidenti avvenuti nel cantiere di un altro supermercato del gruppo lombardo della Gdo a Genova, nella zona di San Benigno

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola. Tecnici e professionali: un “capolavoro” al servizio delle imprese

L’iter parlamentare della riforma degli istituti tecnici e professionali è in discussione alla Camera.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola Resistente: viaggio dentro gli istituti romani occupati

Una critica è rivolta anche verso una scuola concepita come azienda o come “ufficio di collocamento” e non, come pretendono gli stessi studenti, come luogo di cultura.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Il castello di carte della questura è sempre più instabile.

A proposito del processo conclusosi in primo grado per i fatti di Confindustria a Torino, in occasione di una manifestazione studentesca dell’anno scorso contro l’alternanza scuola-lavoro, di seguito diamo spazio ad alcune valutazioni da parte degli studenti e delle studentesse coinvolti e che parteciparono alla mobilitazione di quel periodo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un altro morto nei cantieri Tav francesi

Nel silenzio delle testate di informazione italiane, anche locali registriamo un altro morto nei cantieri geognostici della Torino Lione in Francia. E’ un ragazzo di 31 anni, dipendente della ditta Vinci, colosso delle costruzioni francese che lavorava nel cantiere di Saint Martin la Porte.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Si ricomincia, con l’alternanza scuola-caserma

Come la scuola diventa laboratorio sperimentale dei processi di militarizzazione.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Questo lavoro uccide, non lo possiamo più accettare

Questa notte cinque operai sono stati travolti da un treno mentre si apprestavano a sostituire un tratto di rotaie presso Brandizzo sulla linea Torino-Milano. Altri due operai sarebbero rimasti feriti non a causa dell’impatto.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Torino: fascisti davanti al liceo Einstein

I fascisti che si erano radunati davanti al liceo torinese sono stati allontanati dagli studenti. La polizia è intervenuta sul posto e sono stati identificati i presenti.