InfoAut
Immagine di copertina per il post

Per le banche sì, per gli studenti no: la Corte Suprema USA decide contro la riduzione del debito studentesco

Il 30 giugno la Corte Suprema USA si è pronunciata contro il programma di riduzione del debito studentesco e ha ordinato a decine di milioni di mutuatari di pagare centinaia di miliardi di dollari che altrimenti sarebbero stati condonati.

L’amministrazione Biden, sulla spinta della sinistra del Partito Democratico, aveva promosso un piano di riduzione del debito di 400 miliardi di dollari. Il piano aveva avuto un’immediato successo: le candidature per accedere alla riduzione del debito sono rimaste aperte per meno di quattro settimane e in questo lasso di tempo 26 milioni di persone hanno presentato domanda o hanno fornito al Dipartimento Federale dell’Istruzione informazioni sufficienti per dimostrare di essere idonee. Di questi, più di 16 milioni di mutuatari hanno ricevuto l’approvazione per la cancellazione di un debito fino a 20.000 dollari. Fino a 43 milioni di persone avrebbero potuto vedersi condonare il debito, e per quasi la metà di loro – 20 milioni di mutuatari – il piano avrebbe cancellato tutto il loro debito residuo.

Ovviamente non si trattava di una proposta di carattere umanitario, il debito studentesco rappresenta un problema per l’economia USA, tanto da essere considerato spesso una bolla pronta ad esplodere. Inoltre rappresenta un enorme spartiacque nell’accesso all’istruzione che indirettamente si ripercuote anche sul mercato del lavoro. Si consideri che negli ultimi 30 anni, le tasse scolastiche delle università pubbliche, adeguate all’inflazione, sono raddoppiate e ora ammontano a 10.740 dollari all’anno. L’aumento è stato ancora più drammatico per le università private, con un’impennata di quasi il 150% fino a 38.070 dollari.

Biden ora dice che utilizzerà l’Higher Education Act per perseguire un nuovo programma di riduzione del debito studentesco. Avrebbe dovuto farlo fin dall’inizio. Ma il suo obiettivo, quando ad agosto ha annunciato il programma originale di riduzione del debito, era quello di aumentare la scarsa popolarità dei Democratici in vista delle elezioni di midterm: la sua capacità di resistere a una sfida legale dopo il voto di novembre era di secondaria importanza.

La Corte Suprema che ha preso questa decisione è la stessa che aveva ribaltato poco più di un anno fa la sentenza Roe v. Wade privando le donne del diritto costituzionale di accedere all’aborto. Una Corte Suprema a maggioranza conservatrice e reazionaria, che appena qualche giorno prima aveva stabilito che le università non possono prendere in considerazione la razza quando valutano le domande di ammissione al college.

La decisione della Corte di annullare la riduzione del debito studentesco è stata giustificata secondo la “major questions doctrine” che nella loro interpretazione prevede che ogni decisione su questioni importanti debba passare da un’esplicita autorizzazione del Congresso. Recentemente questa dottrina è stata utilizzata anche per annullare la moratoria sugli sfratti a livello nazionale e per eliminare la capacità dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente di regolamentare le emissioni di gas serra che causano il cambiamento climatico.

E’ evidente che questa decisione ha come risultato il mantenimento delle differenze di classe, genere e razza nell’accesso alle università USA: un’indagine condotta dall’Albert’s organization found ha rilevato che quasi due terzi del debito accumulato dagli studiosi Nativi americani riguardava i prestiti agli studenti e non altri tipi di debito. Secondo la Federal Reserve Bank di St. Louis, le giovani donne di colore sono le più propense ad avere un debito studentesco e il loro saldo medio è il più alto tra tutti i mutuatari, con 11.000 dollari.

In generale, le donne hanno più probabilità degli uomini di avere un debito, ma un reddito più alto per gli uomini significa che possono pagare il debito più velocemente delle donne. Secondo la Fed di St. Louis, gli uomini e le donne di colore iniziano con un debito studentesco maggiore rispetto alle loro controparti bianche e, poiché guadagnano meno, lo pagano più lentamente. Ciò significa che le disparità razziali e di genere nel debito studentesco aumentano nel tempo.

Le iscrizioni ai college e alle università per afroamericani sono in realtà diminuite. Secondo il National Center for Education Statistics, tra il 2010 e il 2020 sono diminuite del 22%, pari a oltre 650.000 studenti, e da allora sono calate di un altro 7%, come mostrano i dati del National Student Clearinghouse Research Center.

Di questa materia è fatto il sogno americano: segregazione e classismo.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

BIDENCorte Supremadebito studentescoUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: ampia mobilitazione delle università, occupati la maggior parte degli Atenei contro la creazione di poli privati

Grecia. La lotta del mondo accademico e universitario ellenico si intensifica di giorno in giorno in vista della presentazione del controverso disegno di legge per la creazione di università private.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola. Tecnici e professionali: un “capolavoro” al servizio delle imprese

L’iter parlamentare della riforma degli istituti tecnici e professionali è in discussione alla Camera.

Immagine di copertina per il post
Formazione

L’azienda italiana che può localizzare una persona in ogni angolo del mondo

Tykelab offre i suoi servizi tramite la ben più nota azienda di intercettazioni RCS.  RCS e Tykelab sviluppano uno spyware, Hermit, in grado di prendere il controllo del tuo smartphone e ascoltare tutto ciò che dici. 

Immagine di copertina per il post
Formazione

Roma: manganellate della polizia sugli studenti a Montecitorio

Le forze dell’ordine in tenuta anti sommossa hanno caricato gli studenti dei collettivi degli istituti occupati che tentavano di raggiungere Palazzo Chigi. Fermi e identificazioni

Immagine di copertina per il post
Formazione

Intelligenza artificiale, Ai Act e panopticon globale

Lo scorso sabato parlamento, consiglio e Unione Europea si sono accordati sul testo finale per la regolamentazione dell’intelligenza artificiale. Un accordo selettivo, che consente l’utilizzo di strumenti di controllo, vietati per i cittadini europei, ai migranti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Se ne è andato Toni Negri: filosofo e militante

Se ne è andato all’età di 90 anni Toni Negri. Tra i maggiori filosofi italiani del ‘900, Negri è stato uno dei principali teorici dell’operaismo fin dalla sua nascita.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola Resistente: viaggio dentro gli istituti romani occupati

Una critica è rivolta anche verso una scuola concepita come azienda o come “ufficio di collocamento” e non, come pretendono gli stessi studenti, come luogo di cultura.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Guerre di Rete – Il 18 brumaio di OpenAI

Il nuovo board. Chi ha vinto e chi ha perso. E poi l’AI Act

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Pisa: calata la bandiera palestinese dalla Torre in piazza dei Miracoli

Alla fine di un partecipatissimo corteo studentesco e cittadino a Pisa, che chiedeva il cessate il fuoco immediato, la fine del genocidio a Gaza e la liberazione della Palestina, lə manifestanti sono riuscitə a salire sulla Torre, sfidando il blocco delle forze dell’ordine, per calare una gigantesca bandiera Palestina. L’obiettivo era quello di mostrare ancora […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

2023: un anno di scioperi USA

Questo articolo di “Labor Notes” ripreso da “In These Times” traccia un bilancio degli scioperi che si sono succeduti negli Stati Uniti nel 2023. Per questo va letto e rilanciato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Biden e le tensioni con il Texas

In queste ultime settimane, negli Stati Uniti la tensione intorno alla questione migranti e’ tornata alle stelle.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il governo Biden si sta preparando per un’era post-Netanyahu in Israele, affermano i media statunitensi

Mercoledì la NBC ha citato funzionari statunitensi secondo i quali le divisioni tra l’amministrazione Biden e il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu “si sono solo accentuate dopo la visita del [Segretario di Stato] Blinken in Israele”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Logistica di guerra: l’idea di difesa degli USA

I bombardamenti guidati da USA e Gran Bretagna in Yemen contro gli Huthi vengono spacciati dalla Nato come “difensivi”. Ma cosa difendono e per chi?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA e Gran Bretagna attaccano lo Yemen. Navi, sottomarini e aerei colpiscono la capitale e le città portuali

Le forze Houthi hanno fatto sapere che i bombardamenti di Stati Uniti e Gran Bretagna hanno ucciso 5 persone e ferito altre 6. I raid sono stati 73 e hanno colpito 5 regioni dello Yemen controllate dagli Houthi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il sostegno statunitense a Israele alla fine si ritorcerà contro

Il mondo intero sta guardando, ascoltando, leggendo e diventando ogni giorno più arrabbiato per il ruolo diretto degli Stati Uniti nel facilitare il bagno di sangue di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Striscia di Gaza: Netanyahu prosegue il genocidio.

La situazione internazionale a fronte del genocidio perpetrato dal governo di Netanyahu all’interno della striscia di Gaza non accenna a dare segnali in senso contrario..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gli Stati Uniti complici di Israele nella Pulizia Etnica dei palestinesi di Gaza

Gli Stati Uniti hanno stanziato miliardi per facilitare le espulsioni da Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Levante: la puntata di novembre 2023. Focus sulle relazioni sino-americane

Prendendo spunto dall’incontro di San Francisco tra il presidente Usa, Joe Biden, e l’omologo della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, abbiamo approfondito il tema delle relazioni sinoamericane nel corso degli ultimi anni.