InfoAut
Immagine di copertina per il post

Torino: nuovi blocchi degli studenti. 10 fermi portati in questura

Continuano le manifestazioni studentesche nate a Torino sull’onda del 9 dicembre: oggi è stata la terza giornata in cui migliaia di studenti e studentesse sono scesi in piazza, determinati a portare la protesta avanti.

Stamattina l’appuntamento è stato lanciato per le 9 a Porta Susa, da lì circa mila studenti si sono mossi verso piazza Castello. Lungo il percorso si sono aggregate tante altre scuole, raggiungendo il numero di circa 3 mila studenti. Il corteo, arrivato in piazza Castello, ha presidiato per un po’ di tempo la Regione, in seguito si è spostato sotto il Comune di Torino: sotto entrambi i palazzi, individuati come roccaforte della controparte, sono stati intonati cori contro i politici. Tappa successiva è stata piazza Solferino, dove i giovani hanno bloccato il traffico e da lì sono tornati verso Porta Susa per poi arrivare al Rondò della Forca, attuando un nuovo blocco del traffico.
Dopo una mezz’oretta, il corteo si è spostato in piazza Statuto all’angolo con corso Inghilterra per proseguire con la pratica dei blocchi. Gli agenti, i quali hanno corso per tutta la città tentando di star dietro al corteo, prima hanno provato a fermare il corteo e in seguito hanno dovuto chiamare i rinforzi: due cordoni ausiliari hanno diviso gli studenti e le studentesse in due. Gli studenti rimasti in mezzo ai cordoni, sono stati spintonati e schiacciati sempre di più dagli agenti. I ragazzi hanno intonato diversi cori per esigere il rilascio dei compagni bloccati e il ricongiungimento del corteo. Poco dopo, senza alcun motivo, gli agenti hanno iniziato a fare una meticolosa selezione tra gli studenti bloccati, scegliendo alcuni studenti del Kollettivo Studenti Autorganizzati, della Verdi15 e del Collettivo Autonomo Universitario. Dunque, a discapito di quel che riportano i giornali, i quali gridano agli infiltrati dei centri sociali, si tratta di studenti universitari e medi. L’isteria degli agenti è un chiaro segnale di come gli studenti, che da sempre vivono la piazza per portare avanti in maniera determinata le proprie lotte e rivendicazioni, facciano paura perché sono capaci di intercettare una vasta componente studentesca, la quale vive gli stessi disagi ed è pronta a riprendersi ciò che le spetta. Del resto, la digos torinese ha parecchio faticato in questi giorni a governare una piazza non prevedibile, ossessionata dal non far entrare in contatto compagn* degli studenti medi e dell’università con le scuole della periferia.

Il corteo non si è fatto intimidire da questa provocazione della polizia e, dopo essersi ricompattato, si è diretto verso la questura di corso Vinzaglio per chiedere il rilascio dei fermati. In seguito, il presidio si è trasformato in corteo, il quale è arrivato in piazza Castello, dove si sono susseguiti diversi interventi per esigere la liberazione degli studenti e delle studentesse fermate.

Tutti/e liberi/e!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

fermistudentitorino

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Riforma Bernini dell’università: la campagna 90%

Ad inizio giugno un fulmine si è abbattuto sull’università italiana.  La ministra Anna Maria Bernini ha annunciato che il governo sta lavorando ad una nuova riforma onnicomprensiva dell’università. Dal reclutamento al precariato, dalla didattica alla governance, il governo Meloni non vuole perdere l’occasione di ridisegnare il funzionamento degli atenei.  Il fatto che la coalizione di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorni di protesta nelle carceri italiane

Sono giorni di proteste nei penitenziari italiani, da Trieste a Torino.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La guerra su Gaza ha privato 800 mila studenti del “diritto all’istruzione”, afferma l’Ufficio dei media di Gaza

Gaza. Almeno 800 mila studenti sono stati privati dell’istruzione a causa del protrarsi dell’offensiva israeliana contro la Striscia di Gaza, durata mesi, ha dichiarato sabato l’Ufficio dei media di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

A cosa servono le scorte? Un caso esemplare a Torino

Come sempre all’avanguardia, a Torino si è sperimentata negli anni un’ulteriore funzione importante della scorta, quella di volano per il sovradimensionamento, sul piano dell’ordine pubblico, dei fenomeni legati alla conflittualità sociale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..