InfoAut
Immagine di copertina per il post

Berlino: terzo giorno di resistenza dei migranti sul tetto della scuola occupata

Oggi è il terzo giorno che diversi rifugiati e migranti resistono sul tetto della scuola che avevano occupato in precedenza a Berlino.

Martedì la polizia ha blindato completamente il quartiere, organizzando anche vari posti di blocco per controllare i documenti dei passanti, e ha tentato di sgomberare l’occupazione che da diverso tempo offriva una sistemazione ai migranti. Gli occupanti sono prontamente saliti sul tetto, minacciando che in caso di sgombero non esiteranno a darsi fuoco o lanciarsi dal tetto dell’edificio. Come hanno spiegato loro stessi, in questo caso è meglio andare incontro alla morte che affrontare la deportazione. Parole crude, ma che rappresentano bene la misera quotidianità i rifugiati e gli immigrati sono costretti a vivere in una fortezza Europa, sprezzante delle vite umane e che escogita leggi per rendere sempre più difficoltoso il percorso per ottenere lo status di rifugiato politico. Gli occupanti hanno fin da subito comunicato che non lasceranno l’edificio e non scenderanno dal tetto fino a quando le autorità non accetteranno di mettere fine agli interventi della polizia, a tutte le operazioni di sgombero e non applicheranno il comma 23 riguardo alla concessione dello status di asilo politico per tutti gli occupanti. Dal canto loro, le autorità hanno avanzato delle proposte che prevedono l’inserimento le persone coinvolte nelle strutture dei centri d’accoglienza e la valutazione di uno per uno i casi per la concessione dell’asilo politico. Delle proposte inaccettabili che mirano solamente a spezzare il legame collettivo di solidarietà e a reinserire i migranti in percorsi di vero e proprio disciplinamento sociale – dunque gli occupanti hanno rifiutato sul momento queste “soluzioni”indegne.

Nello stesso giorno a Berlino si sono tenute molte manifestazioni di solidarietà con gli immigrati e i rifugiati, ma anche in quest’occasione la polizia ha attaccato duramente i cortei e i presidi organizzati. A Kreuzberg un centinaio di agenti ha caricato il corteo e a Kotbusser Tor la polizia ha circondato i manifestanti con la tecnica del kessel. Scontri e fronteggiamenti tra le due parti si sono verificati fino a notte tarda. Anche a Bruxelles la polizia ha caricato e attaccato pesantemente il presidio davanti all’ambasciata tedesca, il quale chiedeva di incontrare l’ambasciatore. L’ambasciatore come risposta ha chiesto l’intervento delle forze dell’ordine, le quali hanno arrestato 23 persone, dimostrando ancora una volta la tolleranza della democrazia made in EU. Diverse testimonianze riportano che al commissariato gli attivisti sono stati pesantemente maltratti: uno di loro è stato malmenato fino a perdere coscienza, in un altro caso gli agenti hanno respinto la richiesta di fornire un po’ d’acqua.

Nonostante questi abusi e angherie, la solidarietà nei confronti dei migranti saliti sul tetto continua a crescere e loro stessi si sono detti determinati a proseguire la protesta fino quando le loro richieste non saranno accolte.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

asiloBerlinobruxelleseumigrantipoliziarifugiati

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

No agli antiabortisti nelle strutture pubbliche!

Giovedì 11 luglio alle ore 12 si terrà una conferenza stampa davanti all’Ospedale Sant’Anna a Torino (ingresso via Ventimiglia) organizzata dal Comitato per il Diritto alla Tutela della Salute e alle Cure – Piemonte.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Le donne africane e la difesa della terra e dei beni comuni

Due articoli tratti dalla WoMin African Alliance, scritti in occasione della Giornata della Terra (22 aprile) e della Giornata internazionale della biodiversità (22 maggio).

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Balzerani, Di Cesare e la polizia del pensiero

Nel suo breve messaggio la professoressa Di Cesare aveva scritto: «La tua rivoluzione è stata anche la mia. Le vie diverse non cancellano le idee. Con malinconia un addio alla compagna Luna».

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lacrimogeni e cannoni ad acqua: la rabbia degli agricoltori si riversa sulle strade di Bruxelles

A Bruxelles, un migliaio di trattori ha bloccato il quartiere europeo a margine di una riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE-27. Gli agricoltori hanno difeso un reddito equo, la fine del libero scambio e, in alcuni casi, le norme ambientali.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“