InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il Tribunale di Torino assolve il poliziotto picchiatore e condanna le donne che non rimangono in silenzio.

||||

Ieri si è tenuta la sentenza a conclusione del processo che ha coinvolto Maya in qualità di parte lesa e imputata per aver ricevuto un pugno in faccia da un poliziotto durante un fermo nel 2017. A conclusione del processo la giudice ha assolto il poliziotto e condannato Maya per oltraggio a 4 mesi di reclusione e al rimborso di ingenti spese. Fuori dal Tribunale si è tenuto un presidio di solidali che al termine della sentenza ha deciso di bloccare l’entrata del tribunale con uno striscione che dichiarava “Il Tribunale assolve il poliziotto picchiatore e condanna le donne che denunciano. Questa violenza non l’accettiamo”. L’iniziativa è stato subito repressa dallo schieramento di forze dell’ordine poste a difesa del palazzo che hanno spintonato e caricato i presenti. In risposta è stato lanciato un appuntamento in solidarietà a Maya per la sera stessa nel luogo dove venne fermata all’epoca dei fatti. Qui, di fronte alla volontà di partire in una passeggiata per comunicare alle persone nei pressi quanto accaduto, la polizia ha caricato e bloccato i e le solidali. Dopo alcuni tentativi il corteo è partito per raggiungere il quartiere Vanchiglia e, durante tutto il tragitto, la polizia è stata arrogantemente con il fiato sul collo dei manifestanti spingendo e provando a impedire di percorrere alcune vie. 

Di seguito riportiamo il testo che commenta la giornata apparso sulla pagina #iostoconmaya.

Non si tratta di un caso isolato, non si tratta di un’eccezione, non si tratta di un “fraintendimento”. Eppure, queste sono le parole che le istituzioni incaricate di giudicare questa storia hanno utilizzato per descrivere la violenza agita da un uomo in divisa su una ragazza durante un fermo ingiustificato. Questa è la storia di Maya, una giovane da sempre pronta a lottare per cambiare una realtà ingiusta. Quando non ci si volta dall’altra parte però, si rischia di incorrere nelle maglie di un sodalizio marcio come quello tra la questura e la procura di Torino, sistema che si autoalimenta nel perseguire chi lotta e nel proteggere chi reprime.

Ieri la sentenza della giudice Costanza Goria ha dimostrato questa connivenza senza alcuna remora : se una ragazza denuncia una violenza subita dalle forze dell’ordine sarà lei ad essere punita e il poliziotto ad essere promosso e assolto. Il Pubblico Ministero nella persona di Manuela Pedrotta, nota per avere sulle spalle richieste equivalenti a centinaia di anni di reclusione nei confronti degli attivisti, ha parlato chiaro : il pugno ricevuto da Maya in commissariato fu frutto di un fraintendimento tra i due. Le parole della difesa del poliziotto Luigi Scarantino, tenuta dall’avvocato Gianaria, rappresentano tutto il disprezzo per le donne che osano non rimanere in silenzio. L’avvocato ha un solo consiglio per Maya “se fosse stata a casa quella sera nulla sarebbe successo”. In questo sistema marcio si aggiunge infatti un ulteriore strato di violenze, quelle delle istituzioni che difendono uomini violenti, quelle del ricatto, dell’infantilizzazione, della vergogna sistematicamente agite nei confronti delle donne che denunciano.

Denunciare in questo sistema non è mai scontanto, anzi, è evidentemente rischioso. Ma quello che ieri è stato dimostrato è anche che non è possibile accettare in silenzio. La vicenda di Maya dev’essere un esempio di coraggio e di forza. Durante la serata di ieri la questura di Torino ha agito ancora una volta in maniera sconsiderata di fronte alla solidarietà manifestata per Maya e alla volontà di attraversare le strade della città per comunicare quanto successo. Il presidio di solidali una volta mossosi è stato caricato, poi bloccato su un angolo di marciapiede perché anche incontrare le persone per dire dove sta la verità è qualcosa da impedire. Dopo svariati tentativi il corteo è partito, tanta era la rabbia e tanta era la convinzione di non fermarsi.

Questo è il riassunto di un caso che non è isolato, non è un’eccezione, non è un fraintendimento. Nonostante l’altezza della sfida resta fondamentale raccoglierla : davanti alla violenza patriarcale di un sistema di (in)giustizia volto alla strenua difesa degli oppressori si stagliano le storie di dignità e di tenacia di tutte quelle donne che scelgono di non tacere e di tutte quelle che lo faranno. La sentenza di ieri è l’ennesimo violento tentativo di farci pensare “era meglio se stavo zitta” e mettere un punto a questa storia. E come ribadiamo da mesi, questa violenza va ribaltata: c’è bisogno fin da subito di raccontare e far raccontare questa storia e continuare a seguirne gli sviluppi , di essere megafono per la voce di Maya e di tutte quelle che quotidianamente non vengono credute nelle aule dei tribunali, di schierarsi dalla parte giusta e alzare la voce, perché se non troviamo giustizia nei palazzi è solo rompendo insieme il silenzio che possiamo costruire una possibilità collettiva di riscatto.

Da: https://www.facebook.com/Iostoconmaya 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

MAYApoliziaTRIBUNALE DI TORINOviolenza sulle donne

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorgio e la sorveglianza speciale

Il 28 febbraio 2023 la Procura di Torino ha chiesto la sorveglianza speciale e l’obbligo di dimora nel luogo di residenza per quattro anni per Giorgio Rossetto, disposto a fine giugno 2023.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Balzerani, Di Cesare e la polizia del pensiero

Nel suo breve messaggio la professoressa Di Cesare aveva scritto: «La tua rivoluzione è stata anche la mia. Le vie diverse non cancellano le idee. Con malinconia un addio alla compagna Luna».

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sabato 13 gennaio: La logica della ferocia a Quarticciolo

“Forza a tutti coloro che lottano” è l’epiteto finale di uno dei libri di Mathieu Rigouste che facciamo nostro per affrontare un tema che riguarda la nostra quotidianità ed è il presupposto che ci serve per fuggire da una visione fatalista o
eroica nel confronto con le forze dell’ordine.