InfoAut
Immagine di copertina per il post

Aprile indigeno occupa Brasilia

||||

In questo articolo l’autrice si fa eco delle mobilitazioni che da 17 anni i popoli indigeni del Brasile hanno effettuato nell’Accampamento Terra Libera.

L’Accampamento Terra Libera, organizzato dalle comunità indigene a Brasilia, fa parte di una trama di azioni che si stanno già convocando da 17 anni durante il cosiddetto “Aprile Indigeno”, uno dei principali riferimenti di mobilitazioni popolari del paese. Sono due settimane intere di marce, dibattiti e proteste, nelle quali gli indigeni occupano la capitale brasiliana per rivendicare i diritti garantiti nella Costituzione del 1988. Nemmeno la pandemia ha raffreddato gli animi delle comunità e nel 2020 gli indigeni sono stati i primi a realizzare una programmazione intera nello spazio virtuale, mantenendo così la mobilitazione e la tradizione di lotta. Anche con tutto il dramma dell’abbandono durante questi due anni di battaglia contro il covid-19, non c’è stato un minuto di riposo poiché dalla vittoria di Bolsonaro gli indigeni stanno venendo attaccati con molta più forza, sia mediante la tradizionale violenza dei pistoleri o per mezzo dello stesso governo, che chiude un occhio sui crimini e incentiva l’occupazione delle terre indigene.

Ora, nel 2022, l’accampamento ha recuperato la sua edizione in presenza e sta riunendo a Brasilia più di settemila indigeni, che rappresentano più di 300 etnie che sopravvivono in Brasile. Il punto centrale di quest’anno è la lotta contro la PEC 191, presentata dal governo federale, che fissa nuove regole per l’attività mineraria nelle terre originarie.

I dati del 2021, divulgati dall’Istituto Socioambientale dicono che attualmente le terre indigene corrispondono a 725 terre in differenti fasi del procedimento di demarcazione. Raggiungono i 114 milioni di ettari e formano il 13,8% del territorio nazionale. In generale sono spazi ecologicamente preservati, dove le comunità ne fanno un uso sostenibile, e ricchi di biodiversità e minerali, fatto che li rende terre molto bramate da parte delle imprese minerarie e di latifondisti. Giustamente è per questa ragione che il governo federale, per rispettare le promesse della campagna elettorale, ha presentato al Congresso una Proposta di Emendamento Costituzionale (PEC) che prevede l’attività mineraria nelle aree indigene, senza che le comunità possano esercitare il diritto di veto. Complice di questo attacco contro gli indigeni, la maggioranza dei congressisti ha votato per inoltrare la legge in modo urgente, eludendo in questo modo la fase di discussione e dibattito nelle commissioni. La PEC sarà portata direttamente in plenaria. Una plenaria che è in maggioranza favorevole a tutto quello che propone il governo.

La Costituzione del 1988 è stata un ambito importante per le comunità indigene, precisamente per il fatto che ha imposto alcune condizioni normative all’estrazione dei minerali nelle terre che le appartengono. Dice l’articolo 176, paragrafo 1°: “L’indagine e l’estrazione di risorse minerali e l’utilizzo delle potenzialità a cui fa riferimento l’introduzione di questo articolo, potranno essere effettuati solo mediante un’autorizzazione o concessione dell’Unione, nell’interesse nazionale, da brasiliani o imprese costituite attraverso leggi brasiliane e che abbiano la propria sede e amministrazione nel Paese, nella forma che stabilisce la legge, che stabilirà le condizioni specifiche quando queste attività si svilupperanno in spazi di frontiera o in terre indigene”. E anche se è di interesse nazionale, qualsiasi estrazione deve passare attraverso una consultazione delle stesse comunità. Ora, con la PEC proposta da Bolsonaro, questo diritto di veto scompare. Questo significa che i popoli indigeni non avranno alcun controllo sull’attività mineraria nelle proprie terre. Il progetto prevede che le comunità potranno avere un profitto sull’attività mineraria, ma la partecipazione ai benefici rimane limitata ad un unico 1,75% delle entrate nette dell’impresa mineraria. Non sono considerati i danni ambientali e umani che verranno dall’estrazione, in genere predatrice, che distrugge l’ambiente, il modo di vita e la stessa esistenza delle comunità.

Secondo studi fatti da Ana Carolina Reginatto e Luiz Jardín Wanderley nel libro “Chi è chi nel dibattito sull’attività mineraria nelle terre indigene?”, da quando Bolsonaro si è insediato nel governo del paese, nel 2019, le richieste di attività mineraria in terre indigene sono passate da 57 nel 2018 a 82 l’anno seguente e a 214 nel 2020, la maggiore registrazione di richieste in 24 anni, più di quattro volte la media annuale. L’Agenzia Nazionale dell’attività Mineraria ha concesso, inoltre, in modo incostituzionale, 59 ordini di estrazione ed esplorazione in terre indigene senza l’autorizzazione delle comunità, fatto che ha causato innumerevoli situazioni di violenza contro gli indigeni.

Lo studio indica anche le principali imprese che stanno intervenendo nelle terre indigene, solo le seguenti: Anglo American, Guanhãos, Río Verde e altre decine di differenti cooperative di garimpeios (minatori). Tra i popoli più minacciati ci sono i Kayapó, Nambikwára, Munduruku, Yanomami, Paresí e Apurinã, oltre agli indigeni che vivono in terre isolate, che nemmeno sono rimasti fuori dalla portata della PEC.

È di fronte a questa congiuntura che i popoli originari hanno occupato Brasilia in un nuovo “Aprile Indigeno”, visitando ministeri, protestando nel Congresso, di fronte al Palazzo presidenziale, rendendo evidente con fermezza la propria protesta contro questo nuovo attacco che è sul punto di essere sostenuto dal Congresso Nazionale. A questa mobilitazione si uniscono i movimenti sociali legati alle questioni indigene, studenti, sindacalisti e altri movimenti popolari di lotta per un paese migliore.

Da parte sua, mentre aspetta la risposta positiva del Congresso, il governo ha esaudito le richieste dei lobbisti dell’attività mineraria illegale, smantellando gli organi di controllo, distruggendo la Funai, ricevendo i minatori illegali in udienze amichevoli e garantendogli che il governo non distruggerà le loro attrezzature che sono già installate nelle terre indigene. Agendo così continua a sostenere le azioni criminali che sistematicamente si presentano contro le comunità, incentivando ancor di più gli attacchi e la violenza contro i popoli indigeni.

Le attività dei popoli originari a Brasilia, anche se grandiose, sono totalmente ignorate dalla maggioranza dei mezzi di comunicazione, che gli dedica appena delle note a pié di pagina, senza garantire un’informazione veritiera ai brasiliani. In questo gigantesco Brasile, i nemici degli indigeni sono potenti, come ha già detto il grande Ailton Krenak, gli indigeni stanno resistendo da più di 500 anni e non si fermeranno.

Con loro, andiamo anche noi in questa lotta senza fine…

Foto: Marcia dell’Aprile indigeno a Brasilia, concessa dall’autrice, @oliverninja.

Tradotto dal portoghese in spagnolo  per Rebelión da Alfredo Iglesias Diéguez.

15/04/2022

Rebelión

Da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

brasileindigeni in lottaPOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Di base in base. La fitta rete militare Usa-Nato in Italia

Alea iacta est. Il dado è tratto. Le nuove bombe nucleari USA a caduta libera saranno dislocate in Europa entro la fine del 2022 con tre mesi di anticipo sul cronogramma fissato da Washington con i partner NATO.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele: nasce il governo più a destra di sempre. Proteste fuori dalla Knesset

Al via dentro la Knesset, il Parlamento di Tel Aviv, il dibattito che porterà alla nascita del governo israeliano più a destra di sempre, fondato sull’accordo tra il Likud di Netanyahu (di nuovo premier), l’ultradestra religiosa e di quella, ancora più a destra, di Potere Ebraico e Sionismo Religioso, espressione politica dei coloni più oltranzisti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Tana dei Leoni non è un fenomeno transitorio: si profila una rivolta armata

Disincantati dal modello politico fallito dell’Autorità Palestinese e sempre più impressionati dalla resistenza armata a Gaza, una ribellione armata in Cisgiordania è semplicemente una questione di tempo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Per Lucha Indígena “Lo stato è il problema”

“La mobilitazione sociale in Perù è contro il potere economico che ha occupato lo stato. Per questo chiediamo la chiusura del congresso e l’inizio di un Governo Provvisorio delle organizzazioni popolari oggi in lotta di resistenza contro il neofascismo”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Capodanno turco: continuano gli attacchi chimici alla rivoluzione curda

Il silenzio internazionale si fa scudo del presunto ruolo di mediatore di questo paese nella guerra tra Russia e Ucraina. Nel frattempo, la Turchia viola i trattati, usa armi illegali e colpisce con i droni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Caucaso: 60mila persone in piazza in Artsakh contro il blocco azero del corridoio verso l’Armenia

Dal 12 dicembre l’unica strada che collega Artsakh e Armenia è stata occupata dagli azeri, che – nonostante la presenza di truppe russe a controllo del corridoio – impediscono il transito dei beni di prima necessità: cibo, riscaldamento e anche farmaci.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Miti e misfatti dell’attuale crisi energetica

Con la distruzione dei gasdotti Nord Stream 1 e 2 (avvenuta lo scorso 26 settembre), L’Europa ha tagliato i ponti dietro se stessa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: “I nostri prigionieri non hanno commesso delitti, c’è una chiara persecuzione politica”

Per comprendere lo sciopero della fame di cui sono protagonisti i prigionieri politici mapuche del Coordinamento Arauco Malleco, parliamo con il portavoce del CAM, Rafael Pichún Collonao, che ci ha dichiarato che nonostante la criminalizzazione che subiscono da parte dello stato cileno, “loro sono decisi e in lotta”. di Carlos Aznárez e María Torrellas -Descrivici […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attentato di Parigi: un video dimostra che la polizia ha mentito sull’arresto dell’aggressore

La polizia ha detto di aver catturato l’aggressore e le autorità si sono congratulate con loro perché lo hanno catturato “rapidamente”. Tuttavia, il filmato mostra che l’aggressore è stato neutralizzato dai negozianti e che la polizia è arrivata sulla scena molto tardi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: attacco contro il centro culturale curdo Ahmet-Kaya, proteste e scontri di piazza

Dopo l’attacco, centinaia di giovani curdi e solidali si sono radunati attorno al Centro culturale dell’X arrondissement, dando vita a durissimi scontri con la polizia tra sanpietrini, lacrimogeni e cariche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Lettera del Movimento dei Senza Terra al popolo brasiliano

Il Brasile vive la peggiore crisi della sua storia, che si manifesta nell’economia, nella società, nell’aumento della disuguaglianza sociale, nei crimini ambientali, la fame, la disperazione e la mancanza di prospettiva che affligge più di 70 milioni di lavoratori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Appello urgente di solidarietà verso il popolo Mapuche e il CAM

Il fondo del conflitto tra il popolo Mapuche e lo Stato del Cile è in relazione alle terre in disputa che oggi sono in grande proporzione nelle mani di un sistema di produzione forestale a carattere estrattivista, avallato e sussidiato dallo stato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Chiesti 25 anni di carcere per il dirigente mapuche Héctor Llaitul

La Procura Regionale dell’Araucanía, in Cile, venerdì ha sollecitato una pena di 25 anni di privazione della libertà contro il dirigente e portavoce del Coordinamento Arauco Malleco (CAM), Héctor Llaitul, nell’ambito della Legge di Sicurezza dello Stato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Gigante dell’agronegozio promuove un attacco armato contro gli indigeni nel Pará

Dei membri del popolo Tembé, del nordest del Pará, sono stati vittime di una violenta azione realizzata martedì (29) da guardie di sicurezza privata dell’impresa Brasil Bio Fuels (BBF), la maggiore produttrice di olio di palma dell’America Latina, che rifornisce gli impianti di biodiesel.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Neocolonialismo nell’Amazzonia brasiliana: il caso del colonialismo del carbonio a Portel

Un nuovo studio illustra il caso di un’iniziativa nel comune di Portel, nello stato del Pará, nell’Amazzonia brasiliana, che indica quello che può essere definito “colonialismo del carbonio”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Gli sport da combattimento e Bolsonaro

Un punto di vista interessante sulla questione è sicuramente quello offerto dagli endorsement ricevuti in campagna elettorale dall’ex presidente Bolsonaro da parte di atleti di diverse discipline.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lula è di nuovo presidente del Brasile

Il paese è spaccato anche geograficamente: Lula si è imposto in 13 Stati brasiliani, tutti nel nord e nord est, zone più rurali e povere, mentre Bolsonaro in 14, tutti nel sud e sud-ovest, storicamente più ricchi.