InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina: Il governo ha fatto un accordo con il FMI

||||

Alla fine è stata svelata l’incognita e tra oggi e l’inizio della prossima settimana si cancellano 1,1 miliardi di dollari verso il FMI, per scadenze di capitale e interessi.

Julio C. Gambina

Questo avviene perché si è concordato con i negoziatori del FMI un “prestito agevolato esteso”, della durata di 10 anni, la cui prima scadenza sarà tra 4 anni e mezzo, ossia, a metà del 2026, con cancellazione prevista nel 2031. Come dire, lo stand by di Mauricio Macri del 2018 con scadenza nel 2024, si trasforma in un altro prestito per un identico ammontare in Diritti Speciali di Giro (DEG) con scadenza nel 2031. L’ipoteca continua.

Si allude al DEG, la cui quotazione coinvolge varie monete a circolazione internazionale, in un momento in cui il dollaro sta svalutandosi. Allora questo implica che sono necessari più dollari per pagare i DEG sborsati dal FMI. L’ammontare da restituire è maggiori dei 44,5 miliardi di dollari della quotazione del 2018. Tutto questo comporta una maggiore necessità per rimborsare il prestito del FMI.

L’accordo

Quanto concordato dovrà essere trattato nel Congresso Nazionale e nel Direttorio del FMI. Per sottoscrivere manca ancora l’accordo finale e ora viene il dibattito locale e nell’organismo internazionale.

L’ipotesi è di trattamento e approvazione rapida, prima delle scadenze di febbraio e marzo, impossibili da cancellare senza pagamenti del FMI. La convocazione del governo punta ad ottenere il sostegno parlamentare dei partiti di governo e dell’opposizione.

Prevedibile sarà il voto di rifiuto della sinistra, che con diverse argomentazioni potrà allargarsi ad altri settori politici. È un dibattito che gioca nella disputa elettorale verso il 2023.

Secondo quanto dichiarato dal Ministro Martín Guzmán, una volta sottoscritti gli accordi, con i relativi memorandum tecnici, il FMI sborserà trimestralmente, previa revisione del rispetto dello “schema di politiche macroeconomiche” e delle “misure di politica economica” rischiose, a medio termine, che puntano ad una duratura stabilizzazione dell’economia locale.

In buon romanzo, il FMI effettuerà ogni trimestre una revisione contabile dell’evoluzione economica locale e ci sarà l’accordo se si realizzeranno gli esborsi, e se no, cade l’accordo. Il FMI si trasforma nel controllore dell’economia locale. Chiaro che l’accordo si presenta come un risultato a difesa della decisione sovrana di mantenere il percorso di crescita della produzione e dell’occupazione.

Quanto concordato è un programma di 2 anni e mezzo, come dire, il tempo che rimane per cancellare lo stand by del governo Macri.

Il FMI si impegna a sborsare l’equivalente delle scadenze, incluso quanto già cancellato con il FMI in questo periodo, qualcosa di più di 5 miliardi di dollari, secondo quanto ha detto Guzmán. Secondo quanto dichiarato ci sarebbe la meta di accrescere le riserve internazionali a 5 miliardi di dollari, che possono essere integrate con questi fondi recuperati dal FMI.

Gli impegni puntano ad abbassare il deficit fiscale a -2,5% del PIL nel 2022 (il Bilancio suggerirebbe -3,3%), abbassare a -1,9% nel 2023 e a -0,9% nel 2024, senza precisare dettagli, segnalando solo un “moderato” intervento sulla crescita della spesa e un “miglioramento” nell’amministrazione di riscossione. Si tratta di vedere concretamente lo stato dei conti sull’aggiustamento per spese ed entrate.

È un tema di allarme in materia di aggiustamenti fiscali. Il governo si impegna a ridurre il finanziamento della BCRA (Banca Centrale della Repubblica Argentina) al tesoro fino praticamente ad eliminarlo verso il 2024, con una riduzione delle emissioni monetarie e rafforzando il mercato di capitali in moneta locale, cambiando il bilancio del debito pubblico in divise a pesos.

Si è informato che non ci saranno riforme lavorative o pensionistiche, né incoraggiamenti a privatizzazioni, anche se continua il piano di ridurre i sussidi per i servizi pubblici.

La scommessa è crescere produttivamente sulla base delle esportazioni e che si generino sufficienti divise per far fronte agli impegni di cui ci si farà carico.

In sintesi, si approva la continuità degli impegni dello stato, anche quando il Capo di Gabinetto ha parlato della “irresponsabilità” del governo Macri nella sottoscrizione del prestito. Il Ministro Guzmán ha alluso al “fallimento” delle politiche rischiose e che il denaro è stato usato per cancellare un debito e far fuggire i capitali. Anche quando si allude alle molteplici cause dell’inflazione, le misure annunciate continuano nella direzione della stabilizzazione e degli aggiustamenti.

L’Argentina torna a perdere un’altra opportunità di indagare a fondo l’indebitamento e per agire di conseguenza nel rifiuto del debito illegale, illegittimo, fraudolento e odioso. La campagna per il rifiuto dell’accordo con il FMI, la sospensione dei pagamenti e la revisione dei conti dovrà approfondire la propria campagna per chiarire gli effetti dell’accordo favorevole a legittimare un debito odioso che ipoteca risorse pubbliche allontanando soluzioni richieste dalla società impoverita.

*Julio C. Gambina. Presidente della Fundación de Investigaciones Sociales y Políticas, FISYP.

31/01/2022

Rebelión

Da Comitato Carlos Fonseca

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinafmi

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Inflazione e lotta delle classi

L’inflazione continua ad essere un tema strutturale, non più solo della congiuntura dell’Argentina. È un tema strategico, di lotta delle classi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tunisia: proseguono le proteste contro le politiche del presidente e per avere verità per i morti di Zarzis

Nel mirino in particolare l’accordo con l’Fmi, che prevede fondi per tagliare il debito statale a fronte degli ennesimi sacrifici per le classi più popolari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Un’affollata mobilitazione a Plaza de Mayo contro la fame e gli aggiustamenti provocati dall’accordo tra il Governo e il FMI

Questo 9 di luglio, mentre il governo commemora il Giorno dell’Indipendenza pagando quasi 700 milioni di dollari di interessi ai possessori di buoni di stato, in un’Argentina che soffre una spietata corsa dei cambi valutari e un’inflazione fuori controllo, a migliaia hanno occupato le strade di tutto il paese per opporsi al patto per gli […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Argentina: Una impressionante marea piquetera, la Marcia Federale è arrivata nella Capitale

La gigantesca Marcia Federale che giovedì scorso è giunta a Buenos Aires dopo aver percorso il paese ora si è trasformata in un fatto storico. Nessuno che pensi in chiave politica se ne può disinteressare, e meno questo governo amico del FMI, delle transnazionali e soprattutto degli yankee e di Israele. Di Carlos Aznárez I […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Conflitto per la terra e repressione contro la comunità Tonokoté a Santiago del Estero

La Polizia di Santiago del Estero ha represso le famiglie contadine e indigene che protestavano insieme all’UTT per l’arresto di un produttore e la persecuzione di altri quattro membri della comunità. L’impresario Jorge Simón Karan, con la complicità del Potere Giudiziario, li accusa di “usurpare” le terre che sono comunitarie. La Polizia di Santiago del […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Centinaia di migliaia di manifestanti hanno rifiutato a Plaza de Mayo l’accordo con il FMI

Questo martedì 8 febbraio, organizzazioni sociali, sindacali, studentesche, dei Diritti Umani e partiti di sinistra hanno marciato con la parola d’ordine “No al patto del governo con il FMI!”. Nella Città di Buenos Aires a partire dalle 17.00, all’Obelisco, c’è stata una radio aperta e dopo, alle 18.00, un’affollata marcia fino a Plaza de Mayo. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Oceanazo nella capitale contro l’estrattivismo delle imprese petrolifere

Questo 4 febbraio è stato realizzato l’ #oceanazo, un’azione globale a difesa dei mari e degli oceani. In tutto il mondo si ripete il modello ecocida delle industrie petrolifere come Shell, Repsol, Wintershall o Equinor e, negli ultimi giorni, è avvenuto un disastro nelle coste devaste di Perú, Ecuador, Tailandia, Brasile, Messico, e la lista […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chubut: è vittoria popolare contro il potere estrattivista

Dopo sei giorni di proteste, accompagnate dalla dura repressione delle forze di polizia, la popolazione del Chubut segna una prima vittoria contro in modello estrattivista: la legge emanata dal parlamento di Rawson è stata ritirata. Le strade si sono riempite della popolazione festante dopo che la notizia dell’abrogazione della legge che autorizzava l’estrazione di minerali […]