InfoAut
Immagine di copertina per il post

Brasile: indigeni sono repressi dalla Polizia Militare in un blocco stradale a San Paolo

Il blocco della strada Bandeirantes faceva parte di una mobilitazione nazionale contro l’approvazione del Progetto di Legge 490/07.

Martedì (30) non era ancora spuntato il sole quando la fila di copertoni bruciati, al suono dei canti sacri di centinaia di indigeni del popolo guaraní mbya, della Terra Indigena Jaraguá, ha bloccato la strada Bandeirantes. La manifestazione pacifica degli indigeni sarebbe continuata verso la litoranea di Tietê, ma è stata interrotta dalla repressione della Polizia Militare, che ha lanciato gas lacrimogeni, getti d’acqua e ha sparato proiettili di gomma contro i manifestanti.

La protesta a San Paolo fa parte di una mobilitazione nazionale contro l’approvazione del Progetto di Legge (PL) 490/07 che, tra gli altri passi indietro relativi ai diritti dei popoli indigeni, stabilisce un termine. Mercoledì scorso (24), la Camera dei Deputati ha approvato l’esame del PL con carattere d’urgenza e, secondo il presidente della camera, Arthur Lira (PP), dovrebbe essere votato questo martedì (30).

La tesi del quadro temporale, da approvarsi, limita il diritto di demarcazione delle terre unicamente agli indigeni che occupavano il loro territorio tradizionale nel 1988, anno di approvazione della Costituzione Federale.

La manifestazione ha camminato lungo la corsia verso il fiume Tietê, lasciando libera una corsia della strada, come era stato concordato con la Polizia Militare. Nonostante ciò, alle 8.39 am, le forze di sicurezza dello stato hanno iniziato la repressione.

Dopo circa 20 minuti di resistenza con scudi di bambù, i manifestanti si sono ritirati dalla via e la Polizia Militare ha effettuato una specie di inseguimento fino all’entrata del centro abitato. Dall’alto del viadotto, i poliziotti non hanno aspettato nemmeno che una indigena che si era sentita male fosse caricata dai suoi compagni, continuando a sparare.

Un elicottero della Polizia Militare è sceso così vicino alle persone che camminavano verso l’entrata del paese che, per il vento che ha provocato, ha spezzato a circa 5 metri d’altezza grossi rami di un albero che sono caduti. Anche dopo che tutti si erano rifugiati nel paese, l’elicottero continuava a sorvolare la comunità. Almeno cinque indigeni sono rimasti feriti. Tra loro, uno ha ricevuto un proiettile di gomma in fronte.

“Tarcísio, il nostro governatore, è anti indigeno”, precisa ad Arapoty Guarani Mbya. “Con questi attacchi, bombe, gas al peperoncino, proiettili di gomma, gli antisommossa che sono la sicurezza del governatore, ci hanno aggrediti, ci hanno fatto allontanare. Ma non rimarrà così. Andiamo alla resistenza, vendicarsi”, dice.

In un’intervista con Brasil de Fato, Thiago Karai Djekupe spiega che nelle ultime settimane il Congresso Nazionale ha concentrato i propri sforzi per creare progetti che violano le leggi sulla conservazione del Bosco Atlantico e la protezione delle terre indigene.

“Il Congresso ha fatto un grave passo indietro relativamente alle politiche indigene, ha anche attaccato il Ministero dei Popoli Indigeni per minare i nostri processi di demarcazione e ha anche sottoposto a votazione d’urgenza il PL 490, che comporta la tesi del quadro temporale come progetto di legge, anche il termine è già programmato per andare in giudizio nel STF (Supremo Tribunale Federale) il giorno 7. Il Congresso ha messo su una strategia per creare una situazione di conflitto e di pressione nella votazione sul termine ed esporci ad una situazione di violenza”, ha aggiunto.

“#PL 490 não” è stato lo striscione che precedeva la manifestazione indigena, come attualizzazione della lotta che, secoli addietro, resistette allo sterminio praticato dal gruppo sertanista paolista che onora la strada. Un altro striscione, rosso, con le parole “demarcare Yvyrupa”, fa riferimento all’espressione che, in guaraní, designa la struttura che sostiene la terra.

“Il popolo guaraní sta lottando qui per la vita e dicendo ‘no’ ai rovesci che vengono ad ucciderci. Il nostro popolo originario era qui prima dell’arrivo dei colonizzatori”, dichiara l’indigeno Tamikuã Txihi Kerexu. “Allora, stare qui oggi, in questo luogo che porta il nome di un pioniere che tagliò la terra indigena per fare una strada, è simbolico. Siamo qui per la nostra madre terra, per la natura, per la nostra gente, per i nostri bambini che sono il nostro futuro”, ha spiegato a Brasil de Fato.

“Siamo trattati dallo stato brasiliano, da più di 523 anni, come invasori di territori. Non stiamo invadendo, siamo figli di questa terra, la nostra stirpe e i nostri antenati stavano qui e per questo stiamo resistendo”, ha argomentato Tamikuã Txihi Kerexu. “Stiamo dando una risposta al Congresso che ha votato contro i popoli originari. Per questo diciamo ‘no’ a questo PL che è per la distruzione. Una volta di più lo stato brasiliano, insieme a questo vertice, vuole proteggerci mediante il PL, non è sufficiente averci uccisi durante questo periodo di cinque secoli”, ha aggiunto.

Pressione ruralista

Il PL 490 era rimasto arenato alla Camera dal novembre del 2021 ed è tornato in agenda, realizzando i desideri del gruppo ruralista per essere votato in tutta fretta, prima che il medesimo tema sia esaminato dal Supremo Tribunale Federale (STF). Il verdetto della Corte Suprema sul termine è previsto per il prossimo 7 giugno, quando una mobilitazione organizzata dall’Articulação dos Povos Indígenas do Brasil (Apib) vuole riunire a Brasilia migliaia di indigeni.

Prima che il ministro Alexandre de Moraes avesse chiesto di essere visto, altri due sono giunti a votare. Il relatore Edson Fachin si è mostrato contro il termine e il ministro Nunes Marques, a favore. Il movimento indigeno ha chiamato questo il “verdetto del secolo”. Secondo il Consiglio Indigeno Missionario (Cimi), l’approvazione del termine, potrebbe colpire circa il 95% delle aree indigene.

Oltre a bloccare il processo di demarcazione di centinaia di territori tradizionali, il nuovo criterio può aprire uno spiraglio alla messa in discussione delle approvazioni già concluse nei tribunali. Secondo il Cimi, delle 1.393 terre indigene (TI) in Brasile, il 62% necessita ancora di una regolarizzazione.

Una di queste è la TI Jaraguá. Dei 532 ettari reclamati dai guaraníes mbya e già dichiarati di dominio indigeno, solo 1,7 ettari sono stati approvati (dal 1987). Occupando meno di due campi di calcio, l’estensione demarcata lo trasforma nel territorio indigeno più piccolo del paese.

“In questi ultimi sei anni abbiamo subito una violenza assurda da parte di persone non indigene”, ha detto Thiago Karai Djekupe, del popolo Guaraní Mbya, della TI Jaraguá.

“Abbiamo deciso, insieme al nostro popolo, anziani e anziane, guerrieri e guerriere, che è necessaria una risposta a questi attacchi promossi dalla politica di odio, anti indigena che agisce contro tutti gli studi e gli indizi dei disastri, e causa problemi di riscaldamento globale”, dice il manifesto del popolo guaraní mbya davanti alla votazione del PL 490.

30 maggio 2023

Brasil de fato / Resumen Latinoamericano

Traduzione di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

brasilePOPOLI INDIGENIscontri

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: la questione dei terreni e l’influenza politica nelle zone delle milizie hanno motivato l’assassinio di Marielle Franco

Secondo il documento, i fratelli Brazão decisero di assassinare Marielle Franco perché si opponeva alla votazione del Progetto di Legge (PL) 174/2016, di cui era autore Chiquinho Brazão, allora consigliere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Invasão Zero, paramilitari sotto il progressismo

Il 4 marzo è stato trovato morto con segni di strangolamento il capo indigeno Merong. Partecipò al recupero delle terre Kamaka Mongoió a Brumadinho, nella regione metropolitana di Belo Horizonte, nel Minas Gerais. 

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: la Via Istituzionale v/s Resistenza e Controllo Territoriale

Sotto uno stato capitalista e coloniale è impossibile garantire i diritti fondamentali dei popoli originari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ecuador: Una guerra contro il movimento indigeno

Il decreto di Conflitto Armato Interno emesso dal governo di Daniel Noboa “si inscrive in modo diretto nella Dottrina dello Shock come condizione di possibilità per l’aggiustamento economico”, sostiene l’economista ecuadoriano Pablo Dávalos.