InfoAut
Immagine di copertina per il post

Violenze contro gli studenti: andare oltre l’indignazione, per un presente più giusto

||||

Fioccano le espressioni di indignazione per quanto successo venerdì scorso durante i cortei degli studenti e delle studentesse scesi in piazza a seguito della morte di Lorenzo all’ultimo giorno di stage in alternanza scuola-lavoro. A Torino, Roma e Milano la polizia ha messo in campo una gestione dell’ordine pubblico che ha previsto cariche, manganellate, teste rotte senza alcuna remora.

Non è la prima volta che accade che giovani e giovanissimi vengano picchiati duramente per impedire loro di praticare forme di protesta. Questa volta, in particolare la gestione del questore di Torino, ha implicato un salto di livello, impedendo in qualsiasi modo la partenza del corteo rendendo impossibile uscire dalla piazza stessa. Le cariche a più riprese e le loro conseguenze, dalle dita rotte, alle teste insanguinate sino a casi ben più gravi, come quanto accaduto a un ragazzo ancora ricoverato in neurologia per monitorare un’emoraggia non ancora riassorbita, hanno scatenato un legittimo e – finalmente – diffuso moto di rabbia dalle più inaspettate parti. Dal segretario del PD Enrico Letta a Selvaggia Lucarelli passando per i vari assessori e giornalisti che accusano la Lamorgese, fino a La Stampa che scrive addirittura un editoriale dal titolo “La vergogna dei manganelli sugli studenti”.

Non si può negare che faccia piacere che venga scaricata un po’ di responsabilità su chi agisce in questo modo e che un po’ di sana collera contro la polizia soppianti le solite parole di solidarietà alle forze dell’ordine, che sia ristabilita un po’ di giustizia aumenta ancor più la voglia di riscatto. D’altra parte, è sempre curioso quando viene posto il tema della condanna alle violenze della polizia come centrale nel dibattito pubblico, soprattutto quando questo venga fatto da chi certo non è mai stato dalla nostra parte. Il fatto però è che è morto un ragazzo e semplicemente l’indignazione non basta, soprattutto se a indignarsi è chi come il PD è stato fautore dell’introduzione dell’alternanza scuola-lavoro. Questa morte è il risultato di un sistema che anche nella scuola riproduce standard di produttività e sfruttamento, ma non solo. Il tema è quanto la scuola sia l’ennesima agenzia di formazione all’idea che sia giusto ammazzarsi di lavoro, che sia normale accettare determinate condizioni a costo della vita perché la società in cui viviamo impone che il senso lo si trovi soltanto nel lavoro che si fa. Ci sarebbe più di un Mea Culpa da fare.

Quello che non torna è che questa morte sia stata trattata come un’eccezione, così come la condanna alle violenze della polizia significa che si sarebbe dovuta fare un’eccezione, almeno per questa volta. Invece la morte di Lorenzo deve far dire basta all’alternanza scuola-lavoro, senza eccezioni. Gli studenti e le studentesse scesi in piazza hanno ben chiara questa priorità. L’idea che la propria valorizzazione passi attraverso il mettersi a disposizione all’interno di itinerari capitalistici pure fallimentari, l’idea che si debbano riformare alcuni elementi per rendere più sopportabile l’idea di rischiare la vita per il lavoro, l’idea di legalizzare certe forme di sfruttamento sono già state buttate via lasciando spazio alla semplice pretesa di una vita più bella e giusta.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAALTERNANZA SCUOLALAVOROcorteistudenti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Quattro studenti da sette mesi ai domiciliari. Lo Stato che odia i giovani

Di seguito riportiamo una riflessione studentesca a più di sette mesi dagli arresti di quattro studenti per il corteo del 18 febbraio a Torino. Buona lettura!

Immagine di copertina per il post
Formazione

Una mini-leva militare con bonus per i giovani. La storia della “Naja” e il merito armato del governo Meloni

Si torna a parlare di leva militare, della cosìdetta “naja”, abolita in italia agli inizi del 2000. Questo perchè il presidente del Senato Ignazio La Russa, a margine delle celebrazioni degli Alpini per i caduti in guerra in piazza duomo a Milano, ha annunciato di aver predisposto un disegno di legge che sarà presentato in Parlamento da Fratelli d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuole armate o scuole disarmate?

Uno scenario drammatico che si è sovrapposto a quello della scuola italiana nell’ultima decade, dove accanto alla privatizzazione e precarizzazione del sistema educativo si è assistito alla militarizzazione degli istituti e degli stessi contenuti culturali e formativi.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Il governo Meloni abolisce 18app, il bonus studenti: “Toglierlo non significa fare scuola del merito ma azzerare le possibilità”

Il governo a guida Meloni procede spedito nella cancellazione degli ultimi (rari e insufficienti) bonus a sostegno di precari e studenti. Ora l’addio è all’App 18, il bonus ai 18enni per usufruire dell’accesso ai teatri, cinema, spettacoli dal vivo, libri, abbonamenti a quotidiani e periodici, musei, concerti e mostre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Defend Kurdistan: conclusa l’occupazione dell’università di Pisa e la mobilitazione continua

Assemblea a palazzo Ricci martedì 6 dicembre. Si è conclusa ieri sera l’occupazione del Polo Carmignani dichiarata giovedì 1 dicembre dallә studentә dell’Università appartenenti alla rete di Rise Up for Rojava Pisa. Momenti di confronto, di organizzazione, di azione, di socialità e condivisione: questo sono stati questi giorni al Polo Carmignani. Fin dal primo momento assembleare […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Alternanza Scuola-Caserma in Sicilia: adesso pure alla Stazione Elicotteri della Marina Militare di Catania

Dopo il Protocollo firmato dall’Esercito italiano e l’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia per i PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali) nelle principali caserme siciliane, arriva l’Alternanza Scuola-Lavoro nelle grandi basi della Marina Militare.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Una scuola di merito e disciplina

Oggi in tutta Italia studenti e studentesse sono scese in piazza portando discorsi lucidi in un presente e in una scuola assuefatti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Giornata di sciopero e cortei studenteschi in tutta Italia contro il governo Meloni e il Ministero del Merito

Giornata di sciopero e mobilitazioni studentesche in tutta Italia. Oltre 25 città da Nord a Sud sono scese in piazza contro il governo Meloni e il Ministero del Merito.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: sgombero in corso di Via Oberdan 16. “Università sfrattatrice”

Da questa mattina all’alba è in corso lo sgombero di Via Oberdan 16 a Bologna. L’occupazione era avvenuta subito dopo il corteo della Convergenza per porre l’accento sulla condizione abitativa di migliaia di studenti e studentesse che si confrontano con un mercato immobiliare drogato e fuori controllo.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Invalsi conferma la schedatura di massa degli studenti fragili. A insaputa dei genitori

Invalsi, per bocca del suo Presidente Roberto Ricci, conferma che nelle scuole italiane, è in atto una schedatura di massa degli studenti fragili.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Santa Maria Capua Vetere: a processo iniziato agenti riabilitati e dirigenti promossi

Ricordiamo tutti la mattanza compiuta all’interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere quando 283 agenti di polizia entrarono all’interno del reparto Nilo del carcere Francesco Uccella armati di caschi, manganelli, alcuni a volto coperto, irrompendo nelle celle dei detenuti e prestando chiunque fosse presente.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torino, associarsi per resistere: Sara, Emiliano, Jacopo e Francesco sono liber*.

Riceviamo una bella notizia: i quattro giovani studenti arrestati l’11 maggio scorso a Torino, a seguito della manifestazione che indicava in Confindustria la responsabilità della morte di Giuseppe e Lorenzo in alternanza scuola-lavoro, sono finalmente liberi.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Ancora archiviazioni per le violenze poliziesche, il doppio standard del tribunale di Torino

Da un pò non si sente più parlare di archiviazioni. Ricordate ARCHIVIATO, il documentario con cui denunciavamo gli abusi delle FF.OO. e la complicità della magistratura nel coprirli?

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Il caso Hasib Omerovic e la polizia “parallela”

L’ordinanza del giudice istruttore Ezio Damizia che ha portato all’arresto dell’agente Andrea Pellegrini e alla notifica di avvisi di garanzia per i reati di falso ideologico e depistaggio nei confronti di altri quattro agenti del commissariato di Primavalle non giunge inaspettata.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La selezione (in)naturale della scuola del Merito

Siamo sull’orlo di una tragedia e questa politica non fa altro che tentare di mascherare la crociata ai poveri come un lavoro pedagogico verso le classi meno abbienti. Loro non ci tolgono diritti, ci insegnano a faticare e a lottare per un obiettivo, dicono…

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere: Antigone “Oltre 200 gli operatori penitenziari indagati per tortura e violenze avvenute nelle carceri italiane”

Sono 45 gli indagati tra appartenenti alla polizia penitenziaria, medici, funzionari e direttori pro-tempore del carcere di Ivrea nell’ambito di una nuova inchiesta, coordinata dalla procura, in merito ai pestaggi subiti dai detenuti della casa circondariale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: La polizia reprime una marcia in onore di un dirigente mapuche assassinato dai carabinieri nel 2018

La Polizia di Santiago (Cile) ha utilizzato la violenza per reprimere e disperdere le manifestazioni realizzate questo lunedì per il quarto anniversario dell’assassinio del comunero mapuche Camilo Catrillanca, che morì dopo che i carabinieri gli spararono alle spalle.