InfoAut
Immagine di copertina per il post

Giustizia per Youns: Manifestazione a Biella

||||

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo articolo che tratta della manifestazione a Biella di sabato scorso e contiene alcune riflessioni sulla vicenda dell’omicidio di Voghera. Se in generale l’articolo ci pare cogliere alcuni importanti elementi e spunti, dall’altro lato le conclusioni propongono concetti come “umanità” e “società civile” su cui sarebbe necessario discutere ancora rispetto a quanto successo.

Manifestazione a Biella indetta dall’associazione Al Huda, intervengono anche i familiari dell’uomo.

Sabato 31 luglio alle ore 16 si è tenuta la seconda manifestazione, indetta questa volta dall’associazione Al Huda, in ricordo di Youns El Bossettaoui, l’uomo ucciso a Voghera da un colpo di pistola sparato dall’assessore alla Sicurezza del paese, il leghista Massimo Adriatici. Nonostante la pioggia battente, più di cento persone si sono riunite in piazza Vittorio Veneto a Biella, città dove Youns era cresciuto e nella quale aveva vissuto fino al 2012. Oltre agli interventi di solidarietà di esponenti di forze politiche e civili locali, ad urlare la propria rabbia e a chiedere giustizia al microfono sono soprattutto tanti tra fratelli e amici del defunto.

Proprio nella dimensione così intima e personale della manifestazione, aggettivi raramente affiancati a un contesto di conflitto e lotta, sta il reale valore politico della giornata: vedere i parenti, gli amici, le persone con le quali una persona è cresciuto, restituisce a Youns l’umanità che, all’interno del fagocitante dibattito nazionale sulla legittima difesa, viene spesso a mancare.

Youns aveva infatti la sfortuna di impersonare due figure, “l’immigrato” e “il pazzo”, sapientemente plasmate negli anni dal mondo politico e dai mass media per  diventare simbolo del degrado, della criminalità e del pericolo imprevedibile. Un fenomeno che si può vedere molto bene ogni volta che si presentano situazioni simili: il tabaccaio di Ivrea, il gioielliere di Grinzane e tanti altri casi nei quali, ancora prima di sapere come si siano svolti i fatti, ci si lancia in accorati discorsi di solidarietà verso l’assassino o ci si butta su del facile cerchiobottismo, affermando che alla fine quel giorno ci sono state due vittime o che il vero problema è il controllo delle armi. Sarebbe interessante se tale profondità di pensiero venisse applicata sempre, anche per tutti quei reati meno gravi per i quali si invocano così facilmente pene sempre più dure.

Più oneste a questo punto le parole dell’assessore leghista di Porcari Massimo Della Nina, cha ha definito. Youns un “rifiuto umano”, qualcuno senza il quale “il mondo è un posto più pulito”. Più oneste perché sotto tutta la retorica della difesa sempre legittima e della lotta al degrado, si nasconde spesso il desiderio reazionario e idiota di risolvere i problemi sociali non eliminando le cause delle diseguaglianze, ma con la forza e la repressione. Espellendo, arrestando, ammazzando persone per strada se necessario.

Certo è più difficile definire qualcuno un rifiuto umano quando si ascoltano le persone che lo hanno conosciuto e che gli hanno voluto bene. Quando si vedono le foto, distribuite durante la manifestazione, che lo ritraggono felice durante la vita di tutti i giorni. Quando qualcuno ti indica il negozio di telefonia che gestiva. Quando si sentono le voci rotte dei fratelli che chiedono giustizia. Quando si sente il messaggio vocale della figlia di otto anni, che chiede preoccupata alla nonna perché papà non gli risponda al telefono.  Non è facile definire una persona  un rifiuto quando vedi la sua umanità, quando la senti diventare viva e reale, non solo “l’immigrato con problemi mentali” che viene fuori dai titoli dei giornali.

Youns andava sicuramente aiutato, una cosa che ha fatto solo la famiglia con estremo sforzo, poiché nessuna delle istituzione che avrebbero avuto il dovere di farlo (e alle quali la famiglia aveva chiesto aiuto) se n’è  mai occupata. Perché alla fine era solo un immigrato con problemi mentali, qualcuno colpevole a priori.    

Mettersi nei panni di qualcuno del genere è faticoso, anche solo a pensarci. Costringe a mettere in discussione troppe cose della realtà quotidiana, troppe piccole ingiustizie alle quali siamo abituati. Molto più facile  mettersi nei panni dell’assessore dal grilletto facile, che gira con la pistola e il colpo in canna vantandosene pure in tutta la città. Un ex agente di polizia che, dopo aver appena sparato a un uomo, si muove indisturbato per la scena del crimine, facendo pressione sui testimoni, senza che nessuno dei carabinieri accorsi paia trovare la scena, se non palesemente criminale, perlomeno di cattivo gusto.

È questa forse la parte peggiore di tutta questa vicenda, la palese disparità di forze tra la vittima, uno dei tanti ultimi della società, e il carnefice, uno dei tanti piccoli uomini di potere, uno che invoca il daspo urbano per i senzatetto in nome del decoro e della sicurezza, della legalità e della giustizia. Una giustizia solo di nome, diversa da quella richiesta a gran voce da parenti, amici e solidali di Youns in piazza a Biella, nel tentativo di restituire dignità e umanità a un uomo, ucciso a sangue freddo da un rappresentante di quella stessa società “civile” che avrebbe dovuto aiutarlo.           

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

biellarazzismovogheraYOUNS

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

No agli antiabortisti nelle strutture pubbliche!

Giovedì 11 luglio alle ore 12 si terrà una conferenza stampa davanti all’Ospedale Sant’Anna a Torino (ingresso via Ventimiglia) organizzata dal Comitato per il Diritto alla Tutela della Salute e alle Cure – Piemonte.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Le donne africane e la difesa della terra e dei beni comuni

Due articoli tratti dalla WoMin African Alliance, scritti in occasione della Giornata della Terra (22 aprile) e della Giornata internazionale della biodiversità (22 maggio).

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sbaraggiamoci delle armi!

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo invito alla mobilitazione contro la guerra e alla presenza militare sul nostro territorio, in particolare nella base poligono del biellese.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Ventimiglia: manifestazione in memoria di Moussa Balde. Contro frontiere, razzismo e violenza istituzionale

Moussa Balde muore nella notte tra il 22 e il 23 maggio 2021 in una cella dell’area d’isolamento, denominata Ospedaletto, del CPR di Torino.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

“Fascismo, razzismo e sfruttamento: non sulla nostra pelle”. A migliaia in corteo a Roma

Migliaia di persone migranti, e solidali, in corteo a Roma per la manifestazione nazionale contro le politiche del governo Meloni sull’immigrazione (tra cui il decreto Cutro), per rivendicare documenti e permessi di soggiorno per tutte e tutti, ma anche per chiedere risposte immediate su temi sociali come casa e lavoro, “Non sulla nostra pelle”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Ventimiglia: Assemblea per la libertà di movimento, contro frontiere, razzismo e violenza istituzionale

Dopo sette anni di chiusura della frontiera da parte del governo francese, che ha causato la morte diretta di almeno 42 persone e devastato la vita di altre migliaia, la situazione è oggettivamente disastrosa.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torture al carcere di Biella. Lo Stato protegge i suoi apparati.

È di questi giorni la notizia che un agente della polizia penitenziaria di Biella sia stato arrestato e altri 27 sospesi dal servizio per ordine della Procura della provincia piemontese, per il reato di tortura sui detenuti nella casa circondariale di via dei Tigli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Uno stato per alcuni cittadini soltanto: la saga del soldato nero prigioniero evidenzia il razzismo in Israele

“Per quanto tempo sarò in cattività? Dopo tanti anni, dove sono lo Stato e il popolo di Israele? Queste le parole, pronunciate in ebraico, di una persona ritenuta Avera Mengistu, un soldato israeliano di origine etiope catturato e trattenuto a Gaza dal 2014.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atlanta: attivista ucciso dalla polizia durante una violenta irruzione nell’accampamento di protesta contro “Cop City”

Un attivista è stato ucciso dalla polizia mercoledì durante una violenta irruzione nell’accampamento di protesta e spazio di aggregazione della comunità che ha bloccato la costruzione di un’enorme struttura di addestramento della polizia, nota come “Cop City”, su circa 100 acri di foresta pubblica nel sud-est di Atlanta.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Padova: Il “caso Oussama Ben Rebha” il controllo poliziale selettivo

Aperta un’inchiesta sulla morte del ragazzo di 23 anni annegato nel Brenta, dove si era tuffato per sfuggire all’inseguimento degli agenti del commissariato Stanga. Succede ancora, come nel caso di Khadim Khole nel giugno 2021.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Io, sorvegliato speciale

Intervista a Simone Ficicchia, vent’anni, che ha partecipato ad alcune azioni di protesta nonviolenta per il collasso eco-climatico con Ultima generazione e ora la Procura di Pavia ha chiesto per lui un anno di “sorveglianza speciale”, provvedimento riservato a chi è sospettato di avere contatti con la criminalità organizzata, insomma mafiosi e terroristi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Voghera: il razzismo come strumento di governo della provincia

Tempo fa l’omicidio, avvenuto a Voghera, di Younes El Boussettaoui da parte del locale assessore alla sicurezza Adriatici non ci era parso un fulmine a ciel sereno, ma un l’esito inarrestabile di dinamiche sociali che stavamo cercando, attraverso i percorsi di lotta, di analizzare.