InfoAut
Immagine di copertina per il post

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Di Antudo da NapoliMonitor

Disegno di sam3

Il varco 4, quello più vicino all’Humanity One, in men che non si dica si colma di solidali. Quel messaggio di poche parole si trasforma in un presidio che stazionerà nel porto di Catania per giorni, fino a che l’Humanity One e la Geo Barents – altra nave sbarcata poco dopo, con a bordo cinquecento persone – non riprenderanno il largo senza nessuno a bordo. 

Quasi subito arrivano anche giornalisti e politici: il caso diventa nazionale e la posta in gioco sembra alzarsi. L’indicazione che arriva dal governo è di far sbarcare solo i soggetti “vulnerabili” della Humanity One: donne in gravidanza, minori e persone con disabilità. A queste indicazioni seguirà un decreto interministeriale che dispone l’allontanamento della nave dal porto, disatteso però da capitano ed equipaggio. Nessuno ha intenzione di muoversi e a rompere il silenzio sono singoli, collettivi studenteschi, associazioni e antirazzisti di tutte le età. Dalla nave rispondono lanciando richieste di aiuto mentre il presidio cresce sempre di più. Nel pomeriggio della domenica ad attraccare è la Geo Barents che sbarca duecentosettanta persone su cinquecento, secondo gli arbitrari criteri di “vulnerabilità” applicati il giorno prima. Anche il varco 10 si riempie di cartelli, striscioni e cori.

Un grande cancello e un grosso dispiegamento di polizia dividono i solidali dai migranti. Se ne accorgono tutti, anche chi ancora è sulla nave. “Help us!” è il grido di protesta e il testo che si legge nei cartelli che vengono esposti. “Freedom! Hurrya! Libertà!” si risponde dall’altro lato. La tensione sale: ancora una volta l’ordine di allontanarsi dato alle navi, ancora una volta il rifiuto. 

Martedì 8 è il giorno del paradosso. Viene richiesto al presidio di spostarsi: lì dove ci sono gli attivisti e i solidali deve attraccare una nave da crociera. È così che si segna ancora di più quella linea di divisione tra migranti da respingere – o accogliere secondo i criteri più stringenti – e turisti da ospitare in quello che deve essere uno scenario pacificato e da vetrina – una qualunque città mediterranea da consumare, priva di conflitti. Nello stesso giorno si tengono anche le procedure sanitarie atte a verificare lo stato di salute fisico e mentale dei naufraghi a bordo della Geo Barents. Si tratta delle uniche procedure che renderebbero a questo punto autorizzabile lo sbarco di tutte e tutti. Dopo vari rimpalli di responsabilità tra livelli decisionali, i medici consegnano l’esito della loro missione a bordo: le condizioni di salute sono drammatiche e bisogna autorizzare lo sbarco.

Il presidio non molla fino alla fine: sono le 23 di martedì 8 novembre e siamo ancora in centinaia al porto quando a dividerci dai migranti, finalmente a terra, è solo il vetro dell’autobus e un sorriso di speranza e di forza.

Dopo quattro giorni, la vicenda delle due navi delle Ong bloccate al porto di Catania ha avuto un lieto fine. Tutti i migranti presenti a bordo, soccorsi in decine di operazioni di salvataggio nel Mar Mediterraneo centrale nelle ultime due settimane, sono stati fatti scendere a terra. Adesso potranno accedere alla procedura per la richiesta di protezione internazionale, un diritto riconosciuto dalle convenzioni internazionali sui rifugiati che lo stato italiano ha illegittimamente negato loro per ben settantadue ore. In precedenza, il ministero dell’interno aveva ostinatamente negato persino l’assegnazione di un porto sicuro alle navi umanitarie in attesa in alto mare da giorni, dopo aver soccorso e imbarcazioni di fortuna in difficoltà, con le quali i migranti erano partiti da Libia e Tunisia.

Nel frattempo, a dimostrazione della strumentalità della posizione del governo, nei porti di Augusta, Pozzallo, Lampedusa e Reggio Calabria sono approdate sul suolo italiano, autonomamente, con piccole imbarcazioni o soccorse dalla Guardia Costiera italiana, oltre diecimila persone. Abbiamo assistito, così, alla prima presa di posizione del nuovo governo sul tema dell’immigrazione – da sempre serbatoio per le fortune elettorali di tutti gli schieramenti – contraddistinta da questa inedita e giuridicamente bizzarra procedura di selezione tra i migranti, sulla base della loro fragilità sotto il profilo sanitario. Come era chiaro a tutti fin dall’inizio, questa nuova prassi introdotta con un decreto interministeriale d’urgenza, ed emanato ad hoc per le Ong, non presenta alcun requisito giuridico che ne giustifichi l’operatività. D’altronde, la violazione dei principi giuridici e umanitari di base in tema di rifugiati, e più generalmente di fenomeni migratori, sembra essere un tratto distintivo dei governi italiani di ogni colore politico. Tutti gli interventi che hanno animato il presidio permanente hanno ricordato la complicità italiana con le milizie libiche, la gestione criminale dei centri di accoglienza e dei centri di trattenimento per il rimpatrio, i decreti sicurezza di Salvini e le altre misure – di ogni colore – che hanno segnato le politiche governative degli ultimi anni. 

La città di Catania era già stata teatro di sceneggiate politiche di questo tipo. Come già successo nell’estate 2018 con la vicenda della nave Diciotti, il governo ha cinicamente agitato la questione politica a livello europeo giocando la propria partita sulla pelle di poche centinaia di naufraghi sacrificati sull’altare della propaganda, salvo dovere alla fine capitolare in seguito alle mobilitazioni e all’inconsistenza dei provvedimenti emanati. Festeggiamo questa vittoria, quindi, pur consapevoli che la questione antirazzista è molto più ampia e non può fermarsi alle risposte agli attacchi ai diritti dei migranti che il governo di volta in volta propone a fini di visibilità mediatica. Tuttavia, rimaniamo critici su come si sono svolti i fatti e pensiamo che questa rimanga un’importante vittoria umanitaria, ma non di certo politica. È chiaro che la tendenza dei governi sarà quella di operare continue divisioni e frazionamenti, distinguendo sempre più arbitrariamente tra chi merita di sbarcare a terra e chi no. L’attenzione verso questo precedente deve rimanere dunque alta. L’obiettivo ultimo resta quello di rompere i confini imposti dagli stati e romperli proprio lì dove stridono di più: nelle terre di confine, nei luoghi di accoglienza, nelle nostre città meridionali. Romperli in una terra, la Sicilia, teatro di una mobilità “selettiva” imposta dalla ferocia di un modello di sviluppo che vorrebbe attirare un turismo predatorio e respingere chi guarda a queste coste come la prima speranza di sopravvivenza. 

Per questo motivo per la giornata di sabato 12 novembre, alle ore 16, è stata indetta una manifestazione regionale che partirà direttamente dal porto di Catania. In questa fase è importante tornare a riempire le strade della città con la solidarietà e l’accoglienza che hanno caratterizzato questi ultimi giorni. (antudo)

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

cataniaconfinimigrantisolidarietà

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bogotà: scoppia la protesta dopo l’ennesimo abuso sessuale contro una giovane

Giovedì scorso ha avuto luogo a Bogotà una manifestazione femminista dopo l’ennesimo abuso sessuale nei confronti di una ragazza minorenne alla stazione degli autobus della compagnia Transmilenio.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non una di Meno: verso il 26 novembre a Roma

In un quadro di crescente incredulità rispetto alle prime mosse del governo entrante, il week end appena trascorso a Reggio Emilia rappresenta uno spazio di confronto e di possibilità di lotta transfemminista in vista della grande manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nel silenzio è stato rinnovato il Memorandum della vergogna con la Libia

L’Italia condanna i migranti con il silenzio. Quando celebreremo il Giorno della Memoria ricordiamo anche gli accordi con la Libia sui lager per profughi e migranti, voluti dai governi di centro sinistra e rinnovati oggi dal governo di destra.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Convergenze e Intersezionalità: verso il 26 Novembre!

Ad unire i tre tavoli tematici – violenze e autodeterminazione, guerra ed ecologie politiche – vi è stato il filo rosso delle convergenze e dell’intersezionalità. L’esigenza del movimento transfemminista risulta quella di ribadire la capacità trasformativa e la trasversalità che tale ottica ha sulle istanze del nostro tempo, mostrando il nesso tra lotta al capitalismo e lotta al patriarcato, superando l’idea che la lotta di classe sia slegata da quella femminista e tranfemminista.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza in residenza Edisu a Torino.

Sulla violenza subita dalla studentessa all’interno della residenza Edisu a Torino vi sono già molti articoli e dichiarazioni da parte di politici, istituzioni e sciacalli di ogni tipo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tunisia: proseguono le proteste contro le politiche del presidente e per avere verità per i morti di Zarzis

Nel mirino in particolare l’accordo con l’Fmi, che prevede fondi per tagliare il debito statale a fronte degli ennesimi sacrifici per le classi più popolari.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Le gang dei “minori stranieri”: teppisti o nuovo soggetto operaio?

“La violenza è intesa così come la mediazione principale. L’uomo colonizzato si libera nella e per la violenza”. (F. Fanon, I dannati della terra) Di Emilio Quadrelli da Carmilla La “grana” era nell’aria da tempo, che la “questione dei minori stranieri non accompagnati” dovesse prima o poi esplodere era solo questione di giorni. Di ciò […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

A Gradisca si muore: sappiamo chi è Stato.

Due giorni fa, il 31 agosto 2022, un ventottenne pakistano del quale non sappiamo il nome si è ammazzato nel Cpr di Gradisca d’Isonzo. Era entrato un’ora prima.  Si è ammazzato in camera; l’hanno trovato i suoi compagni di reclusione. Voci da dietro al muro Da dietro le mura del CPR ci gridano che il […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Il razzismo del sistema di accoglienza greco: lo sgombero del campo di Eleonas ad Atene e la resistenza

In Grecia le persone migranti, in particolare i richiedenti asilo, sono costrette a sottostare a un sistema di “accoglienza” militarizzato e razzista, che prevede la loro ghettizzazione in campi su isole dalle quali non possono uscire o in posti dell’entroterra lontanissimi dalle città. Questa condizione comporta chiaramente forte isolamento sociale, aumento della povertà e condizioni […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Verità e giustizia per Douda!

Sono passate più di due settimane dalla scomparsa di Douda, compagno sindacalista dell’Usb di Ragusa.  Douda nei giorni precedenti la sua scomparsa ha denunciato attraverso dei video e con il sindacato le condizioni di sfruttamento estremo a cui lui e altri lavoratori sono sottoposti nei cementifici della zona. Dal momento della sua scomparsa, i braccianti […]