InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

Una cronaca a Constitución, dove giungono i lavoratori dalla Provincia.

di Fabián Restivo e Aien Nesci

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE (SUBE card, smart card per pagare il trasporto urbano, ndt). Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Alle sette del mattino nelle piattaforme c’erano solo i facilitatori. Di fronte a loro, coloro che saltavano i tornelli lo facevano in assoluta tranquillità. Il fatto è che alla fine tutti, i lavoratori della Ferrocarriles Argentinos e gli utenti, stanno subendo lo stesso piano di sterminio delle economie domestiche, e allora la solidarietà si impone in modo silenzioso.

L’arrivo dei poliziotti in borghese che non nascondono il loro stato di poliziotti non cambia lo scenario. I saltatori che guardano i guardiani e i poliziotti con sospetto si dividono in tre gruppi: i e le giovani che prendono la corsa e saltano, le madri con figli che prima fanno passare sotto i bambini e dopo si abbassano e passano loro, e le persone più anziane che parlano con i controllori fino a che questi li lasciano passare.

Anche il comportamento dei passeggeri di fronte a Buenos Aires/12 si divide: i più giovani passano di fronte alla telecamera facendo la “V” ridendo, ottenendo la rivincita. Le madri guardano con pena, vergognose di fronte a quello che “devono fare”. E i vecchi guardano e appena mormorano: “Le sembra che alla mia età debba chiedere di lasciarmi passare senza pagare? Che necessità avranno di farci passare attraverso questo… È indegno”.

Alle otto è stata annunciata un’operazione di controllo di polizia che prometteva di essere travolgente. Il clima si agita. I lavoratori incaricati della sicurezza della stazione si sono divisi in gruppi e tutto faceva prevedere una situazione violenta. Pochi agenti della Polizia Federale si sono appostati nei punti strategici, ma nemmeno così hanno evitato che i tornelli fossero saltati. In ogni caso, alcuni passeggeri sono stati persuasi a tornare indietro e a mettere la carta SUBE. Ma come ha detto una delle guardie della sicurezza della Ferrocarriles Argentinos, “Tutto lentamente e con affetto, perché la gente non lo fa perché vuole, questo lo sappiamo”. Ed è andato più in là: “Lo fa per necessità. Allora se gli si chiede per favore di pagare il passaggio e la gente comprende, torna indietro e mette la carta”.

Per ora, in conto della maggior parte degli utenti provenienti dal conurbano bonaerense, secondo le loro stesse testimonianze e le statistiche del trasporto pubblico, devono essere aggiunti almeno due autobus e un treno. Andata e ritorno: quattro biglietti quotidiani di autobus a $300,78 e almeno due biglietti di treno a $130, supponiamo tariffe minime e con la SUBE registrata. Un totale di $1463,12 al giorno, senza contare qualche metropolitana che aggiungerebbe circa altri $125 a viaggio, $250 andata e ritorno. Un totale di $37.000 mensili.

Durante il 2023, la Rete Ferroviaria dei Passeggeri dell’Area Metropolitana di Buenos Aires ha contato un totale di 335.662.181 passeggeri paganti. Circa 11.054.941 appartengono solo al mese di dicembre dell’anno 2023 della Linea Roca, che ha come capolinea di uno dei suoi rami Plaza Constitución. Per la distribuzione delle sue stazioni, questi 440.000 utenti quotidiani sono nella loro grande maggioranza bonaerensi del conurbano sud e di La Plata.

“A te lo hanno ordinato”

L’uomo con una vecchia e logora maglietta verde militare che si avvicina ha circa sessanta anni. Da questo lato del controllo c’è un giovane poliziotto. L’uomo giunge al tornello e gli dice che passerà e che non  nulla nella SUBE. Non domanda, solo lo dice al poliziotto che gli ordina di porre la carta. L’uomo con sguardo duro gli risponde: “sono un veterano delle Malvinas e il treno è pieno di quelle calcomanie che alla fine non servono a nulla, perché nulla fanno per noi. Guardati e guardami e pensa che farai e dirai, perché io ho le palle piene di tutto. Nessuno rispetta. Nessuno si ricorda. E io devo andare in ospedale dove mi aspetta una medica specialista, e vengo da Don Bosco e sono stanco, cosicché passerò, anche se ti hanno ordinato di dirmi che non posso passare. E io so chi te lo ha ordinato: quelli che se ne fregano delle Malvinas e di noi”. Il poliziotto lo ha guardato ed è arrivato a dirgli solo: “passi, per favore”.

Un lavoratore con un salario medio di $240.000 che vive nella Provincia di Buenos Aires destina più di 27 ore lavorate al mese per pagare quanto gli è costato andare al suo luogo di lavoro. Più di un milione di passeggeri quotidiani attraversavano i lettori tutti i giorni secondo i dati raccolti dal sostegno della SUBE. Con queste nuove tariffe, bisognerà contare i salti del tornello?

Non sapere

Dopo gli aumenti disposti dal governo di Javier Milei, oggi un biglietto minimo del treno costa $130 con carta SUBE registrata e $260 senza registrare la SUBE. Nella seconda sezione, la tariffa minima sale a $169 con carta SUBE e $338 senza registrare la SUBE. E per la terza sezione: $208 con SUBE e $416 senza registrare la SUBE. E sì, oggi: dal ministero del Trasporto hanno informato che, al di là di questo bel aumento di tariffe, mensilmente si continuerà ad aggiustare il biglietto per l’inflazione. Come dire, i lavoratori che già affrontano un aumento del 251% nel caso degli autobus e del 170% in quello dei treni, devono abituarsi a vivere nell’incertezza di non sapere quanto del loro magro salario il mese seguente dovranno destinare per viaggiare.

Deodorante rubato

Secondo quanto si può vedere sui distintivi dei vestiti, ci sono tre imprese di sicurezza privata, più la polizia, più il personale di sicurezza della Ferrocarriles Argentinos. Senza dubbio, il fatto che molta gente salti i tornelli ha acceso gli allarmi e hanno deciso di porre tutto il personale disponibile a controllare i passaggi. Questo ha fatto sì che anche altre aree che hanno bisogno di sicurezza sono state trascurate e succedono cose, che come aneddoti fanno ridere: “Ieri al primo controllo c’è stato un po’ di subbuglio ed è stato spostato qui perfino il personale dei bagni. Bene, si sono rubati un deodorante, come hanno fatto? Nessuna idea. Devi stare qui per sapere come è!”.

Più di 200 passeggeri per vagone, più di 2.000 per treno. Una marea umana eterogenea che arriva dopo che si sono stipati gli uni con gli altri, contro le pareti, i sedili, sedendosi sul pavimento. Persone storicamente accantonate ma ora sprovviste di tutto il salario indiretto a partire dalla privazione dei sussidi. Altre persone, di classe media che non solo non va più a comprare un’auto ma che deve perfino saltare il tornello del capolinea perché il suo salario svalutato lo ha spinto fuori dalla sua classe autopercepita, se non ci arriva, o solo si rifiuta di lasciare un quarto del proprio stipendio nella SUBE.

“L’esplosione può essere inevitabile”

Il clima della stazione Constitución rivela una certa tensione, con ancora una calcolata amabilità di guardie e poliziotti, che in una fila unica di fronte ai tornelli cercano di evitare i salti con la sola loro presenza. È noto che alcune volte guardano da un’altra parte, fatto che spinge a commentarlo con un funzionario della sicurezza. Risponde con un tono comprensivo che “a volte bisogna fare il tonto perché vedi quello che succede, succede perché non ha altra soluzione, perché non gli basta, non perché vuole. Ora, l’idea di mettere un controllo di polizia va bene, non dico di no, ma se fanno i rigorosi la gente si esaspera e quando la disperazione aumenta e sono tanti, l’esposizione può essere inevitabile. Fino a dove credono che la gente sopporterà la pressione?”.

foto: Fabián Restivo

23 febbraio 2024

Página/12

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinacosto della vitaINFLAZIONEtrasporti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: mobilitazioni di massa per la Palestina.

Lunedì 27 maggio, migliaia di persone sono scese spontaneamente in piazza a Parigi e in altre città per esprimere la loro rabbia contro il genocidio in corso a Gaza, all’indomani di atroci bombardamenti sulle tende dei rifugiati a Rafah

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gaza: Israele bombarda i campi profughi a Rafah. Strage di civili almeno 45 le vittime.

Almeno 45 morti e 250 feriti: questo il bilancio parziale dell’ultima strage compiuta dall’esercito israeliano a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Student* pront* al dialogo: ma il rettore dov’è?

Siamo al sedicesimo giorno di occupazione e blocco nella sede Unito di Palazzo Nuovo, collocandoci attivamente all’interno del movimento internazionale di Intifada Studentesca che, ormai da mesi, si sta mobilitando per il boicottaggio accademico..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La preghiera del venerdì a Palazzo Nuovo : un bel bagno di realtà.

Cosa ci insegna la Palestina. Questo è stato il contenuto politico del discorso di Brahim Baya a Palazzo Nuovo occupato all’interno del momento di preghiera di venerdì scorso tenutosi in Università.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Un’altra provocazione di Milei che annuncerà un indulto per i genocidi

Il presidente Javier Milei, su richiesta della sua vicepresidente Victoria Villarruel, ha deciso che il prossimo 24 marzo concederà un indulto a tutti i militari genocidi

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.