InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina. Muore Hebe de Bonafini, storica presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo e simbolo mondiale della lotta per i diritti umani

La presidente delle Madri di Plaza de Mayo, Hebe de Bonafini, è morta domenica all’età di 93 anni, secondo fonti vicine all’attivista per i diritti umani.

Tradotto da Resumen Latino Americano

Bonafini era stata dimessa dall’ospedale il 13 ottobre dopo tre giorni di ricovero all’Ospedale Italiano della città di La Plata per controlli medici. Ha continuato a sottoporsi a controlli medici per alcune settimane fino a quando, sabato 12 novembre, hanno deciso di ricoverarla nuovamente, secondo quanto riferito da fonti ufficiali che hanno seguito da vicino la salute della leader dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo.

Dopo la sua morte, il governo nazionale ha decretato tre giorni di lutto in “omaggio a Hebe, alla sua memoria e alla sua lotta, che sarà sempre presente come guida nei momenti difficili”. 

Il Presidente Alberto Fernández, secondo quanto riportato dal Twitter della Casa Rosada, “si congeda con profondo dolore e rispetto da Hebe de Bonafini, Madre di Plaza de Mayo e instancabile combattente per i diritti umani”.

“Carissima Hebe, Madre di Plaza de Mayo, simbolo mondiale della lotta per i diritti umani, orgoglio dell’Argentina. Dio vi ha chiamato nel giorno della sovranità nazionale… non deve essere un caso. Semplicemente grazie e arrivederci”, ha scritto la vicepresidente Cristina Fernández de Kirchner come saluto.

Il Presidente Alberto Fernández ha scritto sui suoi social network: “Rivendicando verità e giustizia insieme alle Madri e alle Nonne, ha affrontato i genocidi quando il senso comune collettivo andava in un’altra direzione. Con grande affetto e sincero dolore, le dico addio. Addio Hebe”.

La Segreteria per i Diritti Umani, da parte sua, ha condiviso in un thread su Twitter il suo “profondo dolore per la morte di Hebe de Bonafini, figura emblematica della lotta per i diritti umani in Argentina e nel mondo”. 

Dalla scomparsa di due dei suoi figli durante l’ultima dittatura civile-militare, ha ricordato l’organizzazione, “Hebe ha condiviso con le Madri un destino che le ha unite nella lotta contro l’impunità per i crimini del terrorismo di Stato, resistendo al silenzio e all’oblio”.

“La sua vita e il suo lavoro, il suo esempio di impegno e dedizione alle cause popolari, costituiscono un’eredità che ci accompagnerà per sempre, guidandoci sul cammino della difesa dei Diritti Umani e della Memoria, della Verità e della Giustizia, ma anche della lotta contro l’impunità e il neoliberismo”, ha aggiunto Horacio Pietragalla. 

Bonafini è nata nel 1928 in un quartiere popolare della città di Ensenada e avrebbe compiuto 94 anni il 4 dicembre.

Il 29 dicembre 1942, all’età di 14 anni, sposò Humberto Alfredo Bonafini, dal quale ebbe tre figli: Jorge Omar, Raúl Alfredo e María Alejandra. 

L’8 febbraio 1977, durante l’ultima dittatura civile-militare, suo figlio Jorge Omar fu rapito e scomparve a La Plata. Il 6 dicembre dello stesso anno, la stessa cosa accadde a Raúl Alfredo, a Berazategui. Un anno dopo, il 25 maggio 1978, la dittatura militare rapì e fece sparire anche la nuora, María Elena Bugnone Cepeda, moglie di Jorge.

Nel 1979 è diventata presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo e da allora è stata riconosciuta come un’instancabile attivista per i diritti umani.

Le ceneri di Hebe saranno deposte a Plaza de Mayo

L’Associazione Madri di Plaza de Mayo ha annunciato domenica che le ceneri della sua defunta direttrice, Hebe de Bonafini, riposeranno in Plaza de Mayo su richiesta della stessa leader.

“Addio Hebe. L’Associazione Madri di Plaza de Mayo annuncia che la nostra presidente, Hebe de Bonafini, è andata avanti, come ha sempre detto delle compagne che l’hanno preceduta nella partenza. Rimarrà per sempre in Plaza de Mayo, senza fare un passo indietro”, ha scritto l’organizzazione in un comunicato pubblicato sui suoi social network.

L’organizzazione ha dichiarato che “su richiesta della stessa Hebe, le sue ceneri riposeranno in Plaza de Mayo” e ha precisato che i dettagli di questa iniziativa saranno resi noti in seguito. “Ci hai insegnato a camminare, ora seguiremo le tue orme. #HebeEterna”, conclude il post del gruppo che Bonafini guida dal 1979.

Comunicato stampa della famiglia

È con grande dolore che vi informiamo che oggi alle 9.20 è venuta a mancare Hebe de Bonafini. Siamo enormemente grati per le dimostrazioni di amore, sostegno e preoccupazione che mia madre ha ricevuto durante questi giorni di ricovero nell’Ospedale Italiano della città di La Plata, così come durante tutta il suo percorso di militante.

Sono momenti molto difficili e di profonda tristezza e comprendiamo l’amore della gente per Hebe, ma in questo momento come famiglia abbiamo la necessità di piangere la Madre di Plaza de Mayo, Hebe, in intimità, quindi da domani comunicheremo quali saranno gli spazi per gli omaggi e i ricordi.

Non ci sono parole che possano veramente esprimere la mia più profonda gratitudine all’équipe medica che per tanti anni l’ha assistita e curata, così come all’équipe medica, agli infermieri, agli assistenti e ai direttori dell’Ospedale Italiano di La Plata, che durante i giorni del suo ricovero sono stati al fianco di mia madre, curandola con tanto amore e rispetto.

Continueremo a incontrare Hebe nella Plaza e nelle lotte del popolo!

Alejandra Bonafini

Hasta Siempre

H.I.J.O.S. Red Nacional le ha dato l’addio con un testo accorato: “Oggi, le figlie e i figli di tutto il Paese, riuniti nel Congresso Nazionale, hanno ricevuto la dolorosa notizia che non volevamo sentire: la morte di Hebe de Bonafini, la madre di tutti, una compagna instancabile che con la sua tenacia e coerenza ha segnato per noi il cammino della lotta”.

Ha aggiunto: “Hebe, come tutte le nostre Madri, non ha mai speculato, non ha mai tradito, si è sempre confrontata con il potere, denunciando le ingiustizie e le disuguaglianze prima di qualsiasi governo, mettendo sempre in gioco il suo corpo. Nel bel mezzo della dittatura, ha affrontato i genocidi. Si è battuta per far apparire vivi i desaparecidos, contro l’impunità e le politiche della fame nel 2001. Insieme alle Madri, organizzava la marcia ogni giovedì, come modo per incontrare le 30.000 donne e uomini. Ha cucinato per noi, spiegandoci perché hanno socializzato la maternità. Era alla porta di ogni stazione di polizia per chiedere la libertà quando c’erano dei detenuti”.

Il comunicato si concludeva dicendo che “con la sua solita chiarezza nel suo ultimo discorso, ci ha invitato ad affrontare nelle strade la corporazione giudiziaria, che è quella che attacca i diritti del popolo. Hebe continuerà ad essere presente illuminando ognuna delle nostre lotte fino a quando tutto sarà come abbiamo sognato. Ci stringiamo alle Madri dell’Associazione Plaza de Mayo in questo momento di dolore, fino alla vittoria di sempre, compagna Hebe Pastor de Bonafini”.

Tra salute e militanza

In ottobre, Hebe è stata ricoverata all’Ospedale Italiano della città di La Plata per controlli medici. “Dopo tre giorni di ricovero in un reparto generale e diversi studi per il riadattamento del trattamento delle sue malattie croniche, con un ottimo umore e l’impagabile forza che la caratterizza, la Grande Ebe torna a casa”, ha riferito il 13 ottobre il ministro della Sanità di Buenos Aires, Nicolás Kreplak.

La settimana precedente al ricovero, la leader aveva guidato la marcia che svolge ogni giovedì, e in quell’occasione aveva invitato gli studenti delle scuole superiori a tenere una presentazione sulla presa di possesso delle scuole nella città di Buenos Aires.

Il giorno prima di questa attività, mercoledì 5 ottobre, la Bonafini aveva partecipato all’inaugurazione di una mostra fotografica presso il Centro Culturale Kirchner (CCK), che presentava le immagini della sua biografia, intitolata “Hebe de Bonafini, una madre in rivolta”.

Durante la presentazione, ha ricordato la sua storia e quella della sua famiglia e ha espresso la sua gratitudine nel vedere le foto che hanno immortalato momenti della sua vita e di quella dei suoi figli Jorge Omar e Raúl Alfredo, rapiti e scomparsi durante la dittatura civile-militare. “Ho dimenticato chi ero il giorno in cui sono scomparsi, non ho più pensato a me stessa”, ha detto all’epoca.

Ripercorrendo la sua biografia, ha detto che i genitori e la nonna gli hanno insegnato “il valore del lavoro”, mentre i figli scomparsi gli hanno insegnato “cos’è la politica”.

L’addio nelle reti sociali

Questa domenica i social network si sono riempiti di messaggi di addio e di gratitudine per la storica attivista.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinacordoglioHebe Bonafinimadri di plaza de mayo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: le forze israeliane attaccano e demoliscono scuole. A Hebron aggrediti brutalmente studenti e insegnanti

L’apartheid israeliana ha molti volti. Uno di questi è quello della persecuzione contro i giovani e giovanissimi palestinesi e l’attacco agli istituti della loro formazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bombardamenti turchi in Rojava e Iraq contro il Confederalismo Democratico

Gli aerei da guerra dello Stato turco hanno bombardato la parte occidentale della Siria settentrionale e orientale: Kobanê e il villaggio di Belûniyê a Shehba, a sud-ovest di Kobanê. E’ stato colpito anche il villaggio di Teqil Beqil, vicino a Qereçox a Dêrik, nella parte orientale del Rojava e i magazzini di grano di Dehir Ereb, a nord-est di Zirgan.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: La polizia reprime una marcia in onore di un dirigente mapuche assassinato dai carabinieri nel 2018

La Polizia di Santiago (Cile) ha utilizzato la violenza per reprimere e disperdere le manifestazioni realizzate questo lunedì per il quarto anniversario dell’assassinio del comunero mapuche Camilo Catrillanca, che morì dopo che i carabinieri gli spararono alle spalle.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Inflazione e lotta delle classi

L’inflazione continua ad essere un tema strutturale, non più solo della congiuntura dell’Argentina. È un tema strategico, di lotta delle classi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Un’affollata mobilitazione a Plaza de Mayo contro la fame e gli aggiustamenti provocati dall’accordo tra il Governo e il FMI

Questo 9 di luglio, mentre il governo commemora il Giorno dell’Indipendenza pagando quasi 700 milioni di dollari di interessi ai possessori di buoni di stato, in un’Argentina che soffre una spietata corsa dei cambi valutari e un’inflazione fuori controllo, a migliaia hanno occupato le strade di tutto il paese per opporsi al patto per gli […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Argentina: Una impressionante marea piquetera, la Marcia Federale è arrivata nella Capitale

La gigantesca Marcia Federale che giovedì scorso è giunta a Buenos Aires dopo aver percorso il paese ora si è trasformata in un fatto storico. Nessuno che pensi in chiave politica se ne può disinteressare, e meno questo governo amico del FMI, delle transnazionali e soprattutto degli yankee e di Israele. Di Carlos Aznárez I […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Conflitto per la terra e repressione contro la comunità Tonokoté a Santiago del Estero

La Polizia di Santiago del Estero ha represso le famiglie contadine e indigene che protestavano insieme all’UTT per l’arresto di un produttore e la persecuzione di altri quattro membri della comunità. L’impresario Jorge Simón Karan, con la complicità del Potere Giudiziario, li accusa di “usurpare” le terre che sono comunitarie. La Polizia di Santiago del […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Centinaia di migliaia di manifestanti hanno rifiutato a Plaza de Mayo l’accordo con il FMI

Questo martedì 8 febbraio, organizzazioni sociali, sindacali, studentesche, dei Diritti Umani e partiti di sinistra hanno marciato con la parola d’ordine “No al patto del governo con il FMI!”. Nella Città di Buenos Aires a partire dalle 17.00, all’Obelisco, c’è stata una radio aperta e dopo, alle 18.00, un’affollata marcia fino a Plaza de Mayo. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Oceanazo nella capitale contro l’estrattivismo delle imprese petrolifere

Questo 4 febbraio è stato realizzato l’ #oceanazo, un’azione globale a difesa dei mari e degli oceani. In tutto il mondo si ripete il modello ecocida delle industrie petrolifere come Shell, Repsol, Wintershall o Equinor e, negli ultimi giorni, è avvenuto un disastro nelle coste devaste di Perú, Ecuador, Tailandia, Brasile, Messico, e la lista […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il governo ha fatto un accordo con il FMI

Alla fine è stata svelata l’incognita e tra oggi e l’inizio della prossima settimana si cancellano 1,1 miliardi di dollari verso il FMI, per scadenze di capitale e interessi. Julio C. Gambina Questo avviene perché si è concordato con i negoziatori del FMI un “prestito agevolato esteso”, della durata di 10 anni, la cui prima […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chubut: è vittoria popolare contro il potere estrattivista

Dopo sei giorni di proteste, accompagnate dalla dura repressione delle forze di polizia, la popolazione del Chubut segna una prima vittoria contro in modello estrattivista: la legge emanata dal parlamento di Rawson è stata ritirata. Le strade si sono riempite della popolazione festante dopo che la notizia dell’abrogazione della legge che autorizzava l’estrazione di minerali […]