InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina. Muore Hebe de Bonafini, storica presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo e simbolo mondiale della lotta per i diritti umani

La presidente delle Madri di Plaza de Mayo, Hebe de Bonafini, è morta domenica all’età di 93 anni, secondo fonti vicine all’attivista per i diritti umani.

Tradotto da Resumen Latino Americano

Bonafini era stata dimessa dall’ospedale il 13 ottobre dopo tre giorni di ricovero all’Ospedale Italiano della città di La Plata per controlli medici. Ha continuato a sottoporsi a controlli medici per alcune settimane fino a quando, sabato 12 novembre, hanno deciso di ricoverarla nuovamente, secondo quanto riferito da fonti ufficiali che hanno seguito da vicino la salute della leader dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo.

Dopo la sua morte, il governo nazionale ha decretato tre giorni di lutto in “omaggio a Hebe, alla sua memoria e alla sua lotta, che sarà sempre presente come guida nei momenti difficili”. 

Il Presidente Alberto Fernández, secondo quanto riportato dal Twitter della Casa Rosada, “si congeda con profondo dolore e rispetto da Hebe de Bonafini, Madre di Plaza de Mayo e instancabile combattente per i diritti umani”.

“Carissima Hebe, Madre di Plaza de Mayo, simbolo mondiale della lotta per i diritti umani, orgoglio dell’Argentina. Dio vi ha chiamato nel giorno della sovranità nazionale… non deve essere un caso. Semplicemente grazie e arrivederci”, ha scritto la vicepresidente Cristina Fernández de Kirchner come saluto.

Il Presidente Alberto Fernández ha scritto sui suoi social network: “Rivendicando verità e giustizia insieme alle Madri e alle Nonne, ha affrontato i genocidi quando il senso comune collettivo andava in un’altra direzione. Con grande affetto e sincero dolore, le dico addio. Addio Hebe”.

La Segreteria per i Diritti Umani, da parte sua, ha condiviso in un thread su Twitter il suo “profondo dolore per la morte di Hebe de Bonafini, figura emblematica della lotta per i diritti umani in Argentina e nel mondo”. 

Dalla scomparsa di due dei suoi figli durante l’ultima dittatura civile-militare, ha ricordato l’organizzazione, “Hebe ha condiviso con le Madri un destino che le ha unite nella lotta contro l’impunità per i crimini del terrorismo di Stato, resistendo al silenzio e all’oblio”.

“La sua vita e il suo lavoro, il suo esempio di impegno e dedizione alle cause popolari, costituiscono un’eredità che ci accompagnerà per sempre, guidandoci sul cammino della difesa dei Diritti Umani e della Memoria, della Verità e della Giustizia, ma anche della lotta contro l’impunità e il neoliberismo”, ha aggiunto Horacio Pietragalla. 

Bonafini è nata nel 1928 in un quartiere popolare della città di Ensenada e avrebbe compiuto 94 anni il 4 dicembre.

Il 29 dicembre 1942, all’età di 14 anni, sposò Humberto Alfredo Bonafini, dal quale ebbe tre figli: Jorge Omar, Raúl Alfredo e María Alejandra. 

L’8 febbraio 1977, durante l’ultima dittatura civile-militare, suo figlio Jorge Omar fu rapito e scomparve a La Plata. Il 6 dicembre dello stesso anno, la stessa cosa accadde a Raúl Alfredo, a Berazategui. Un anno dopo, il 25 maggio 1978, la dittatura militare rapì e fece sparire anche la nuora, María Elena Bugnone Cepeda, moglie di Jorge.

Nel 1979 è diventata presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo e da allora è stata riconosciuta come un’instancabile attivista per i diritti umani.

Le ceneri di Hebe saranno deposte a Plaza de Mayo

L’Associazione Madri di Plaza de Mayo ha annunciato domenica che le ceneri della sua defunta direttrice, Hebe de Bonafini, riposeranno in Plaza de Mayo su richiesta della stessa leader.

“Addio Hebe. L’Associazione Madri di Plaza de Mayo annuncia che la nostra presidente, Hebe de Bonafini, è andata avanti, come ha sempre detto delle compagne che l’hanno preceduta nella partenza. Rimarrà per sempre in Plaza de Mayo, senza fare un passo indietro”, ha scritto l’organizzazione in un comunicato pubblicato sui suoi social network.

L’organizzazione ha dichiarato che “su richiesta della stessa Hebe, le sue ceneri riposeranno in Plaza de Mayo” e ha precisato che i dettagli di questa iniziativa saranno resi noti in seguito. “Ci hai insegnato a camminare, ora seguiremo le tue orme. #HebeEterna”, conclude il post del gruppo che Bonafini guida dal 1979.

Comunicato stampa della famiglia

È con grande dolore che vi informiamo che oggi alle 9.20 è venuta a mancare Hebe de Bonafini. Siamo enormemente grati per le dimostrazioni di amore, sostegno e preoccupazione che mia madre ha ricevuto durante questi giorni di ricovero nell’Ospedale Italiano della città di La Plata, così come durante tutta il suo percorso di militante.

Sono momenti molto difficili e di profonda tristezza e comprendiamo l’amore della gente per Hebe, ma in questo momento come famiglia abbiamo la necessità di piangere la Madre di Plaza de Mayo, Hebe, in intimità, quindi da domani comunicheremo quali saranno gli spazi per gli omaggi e i ricordi.

Non ci sono parole che possano veramente esprimere la mia più profonda gratitudine all’équipe medica che per tanti anni l’ha assistita e curata, così come all’équipe medica, agli infermieri, agli assistenti e ai direttori dell’Ospedale Italiano di La Plata, che durante i giorni del suo ricovero sono stati al fianco di mia madre, curandola con tanto amore e rispetto.

Continueremo a incontrare Hebe nella Plaza e nelle lotte del popolo!

Alejandra Bonafini

Hasta Siempre

H.I.J.O.S. Red Nacional le ha dato l’addio con un testo accorato: “Oggi, le figlie e i figli di tutto il Paese, riuniti nel Congresso Nazionale, hanno ricevuto la dolorosa notizia che non volevamo sentire: la morte di Hebe de Bonafini, la madre di tutti, una compagna instancabile che con la sua tenacia e coerenza ha segnato per noi il cammino della lotta”.

Ha aggiunto: “Hebe, come tutte le nostre Madri, non ha mai speculato, non ha mai tradito, si è sempre confrontata con il potere, denunciando le ingiustizie e le disuguaglianze prima di qualsiasi governo, mettendo sempre in gioco il suo corpo. Nel bel mezzo della dittatura, ha affrontato i genocidi. Si è battuta per far apparire vivi i desaparecidos, contro l’impunità e le politiche della fame nel 2001. Insieme alle Madri, organizzava la marcia ogni giovedì, come modo per incontrare le 30.000 donne e uomini. Ha cucinato per noi, spiegandoci perché hanno socializzato la maternità. Era alla porta di ogni stazione di polizia per chiedere la libertà quando c’erano dei detenuti”.

Il comunicato si concludeva dicendo che “con la sua solita chiarezza nel suo ultimo discorso, ci ha invitato ad affrontare nelle strade la corporazione giudiziaria, che è quella che attacca i diritti del popolo. Hebe continuerà ad essere presente illuminando ognuna delle nostre lotte fino a quando tutto sarà come abbiamo sognato. Ci stringiamo alle Madri dell’Associazione Plaza de Mayo in questo momento di dolore, fino alla vittoria di sempre, compagna Hebe Pastor de Bonafini”.

Tra salute e militanza

In ottobre, Hebe è stata ricoverata all’Ospedale Italiano della città di La Plata per controlli medici. “Dopo tre giorni di ricovero in un reparto generale e diversi studi per il riadattamento del trattamento delle sue malattie croniche, con un ottimo umore e l’impagabile forza che la caratterizza, la Grande Ebe torna a casa”, ha riferito il 13 ottobre il ministro della Sanità di Buenos Aires, Nicolás Kreplak.

La settimana precedente al ricovero, la leader aveva guidato la marcia che svolge ogni giovedì, e in quell’occasione aveva invitato gli studenti delle scuole superiori a tenere una presentazione sulla presa di possesso delle scuole nella città di Buenos Aires.

Il giorno prima di questa attività, mercoledì 5 ottobre, la Bonafini aveva partecipato all’inaugurazione di una mostra fotografica presso il Centro Culturale Kirchner (CCK), che presentava le immagini della sua biografia, intitolata “Hebe de Bonafini, una madre in rivolta”.

Durante la presentazione, ha ricordato la sua storia e quella della sua famiglia e ha espresso la sua gratitudine nel vedere le foto che hanno immortalato momenti della sua vita e di quella dei suoi figli Jorge Omar e Raúl Alfredo, rapiti e scomparsi durante la dittatura civile-militare. “Ho dimenticato chi ero il giorno in cui sono scomparsi, non ho più pensato a me stessa”, ha detto all’epoca.

Ripercorrendo la sua biografia, ha detto che i genitori e la nonna gli hanno insegnato “il valore del lavoro”, mentre i figli scomparsi gli hanno insegnato “cos’è la politica”.

L’addio nelle reti sociali

Questa domenica i social network si sono riempiti di messaggi di addio e di gratitudine per la storica attivista.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinacordoglioHebe Bonafinimadri di plaza de mayo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il primo sciopero generale contro Milei e lo smantellamento dello stato

Javier Milei ha affrontato il suo primo sciopero generale soltanto dopo sei settimane dall’essersi insediato alla presidenza con un piano di governo che punta ad una riduzione minima dello stato, stabilendo un nuovo primato, dopo aver superato il primato di tre mesi che ostentava Fernando de la Rúa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La dittatura mineraria in tempi di democrazia elettorale

Le politiche estrattiviste hanno attraversato la “democrazia” argentina sotto tutti i governi, indipendentemente dal segno politico.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Decine di migliaia di manifestanti hanno partecipato alla convocazione della CGT e dei movimenti sociali per protestare contro il DNU di Milei

Numerose organizzazioni di lavoratori e lavoratrici hanno marciato a Plaza Lavalle con la parola d’ordine “Abbasso il DNU” (Decreto di Necessità e Urgenza).

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per capire l’ascesa dell’estrema destra bisogna partire dai media

Processi di normalizzazione e sdoganamento nei media della politica di estrema destra dipendono dai media mainstream, più che dall’estrema destra stessa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La mobilitazione popolare ha riempito Plaza de Mayo

Le minacce repressive della ministra Bullrich e dello stesso Milei sono fallite.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: “Gli aggiustatori si affrontano in strada, lottando”

Le organizzazioni sociali hanno marciato a Buenos Aires verso il ministero dello Sviluppo Sociale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.