InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cosa sta succedendo in Arabia Saudita?

||||

A cavallo delle ultime settimane, in una grande accelerazione, si sono verificati in Arabia Saudita una serie di eventi straordinari la cui importanza non può che saltare subito all’occhio.

Tra il 4 e il 5 novembre una commissione anti-corruzione, istituita appositamente alcuni giorni prima, ha reso esecutivo il mandato di arresto per undici membri della famiglia reale di Riyad e trentotto alti rappresentanti dell’elite nazionale, nella maggior parte ministri o ex ministri.

Tra questi, accanto a volti meno noti al mainstream occidentale, spicca la figura di Alwaleed Bin Talal, uno degli uomini più ricchi del paese, i cui affari comprendono la partecipazione con quote importanti a colossi del calibro di News Corp e Twitter. Il giorno sucessivo alcuni importanti funzionari statali, tra cui il figlio dell’ex principe ereditario, sono morti in un misterioso incidente aereo le cui cause permangono tuttora ignote.

Un’escalation di questo tipo non può che avere conseguenze più che rilevanti per il futuro dell’Arabia Saudita e, di conseguenza, dell’intero Medio Oriente, per la qual ragione conviene fin da subito avviare in merito una riflessione. In primo luogo i fatti degli ultimi giorni hanno direttamente a che fare con ragioni strettamente interne al sistema di potere saudita, relativamente alla delicata questione della sucessione al trono.

Il giovanissimo principe Mohamed Bin Salman, infatti, pur considerato ormai quasi inevitabilemente destinato a ricoprire il trono reale allorchè l’ormai anziano padre lo lasciasse vacante, sembra intenzionato a rafforzare fin da subito il proprio ruolo, mettendo con le spalle al muro tutti i potenziali ostacoli che teme possano rallentare la sua ascesa al potere.

Dietro la durezza dell’operazione di Bin Salman – di fatto già reggente del trono dello stato arabo – non va visto tuttavia solo il cinismo di un aspirante erede al trono, ma un vero e proprio spaccato del nuovo volto dell’Arabia Saudita, per come se la prospetta il suo quasi certamente futuro re. Asfissiata da una serie di problematiche interne ed esterne, strutturali e congiunturali, nella prospettiva politica di Bin Salman l’Arabia Saudita ha più che mai la necessità di recuperare una certa assertività, che possa permetterle di riconquistare un ruolo di primo piano nella regione Medio Orientale.

Le conseguenze del rivolgimento delle sorti del conflitto siriano, con relativo rafforzamento dello storico rivale iraniano, la delicatissima questione libanese, il sempre più complesso scenario di guerra civile in Yemen, le problematiche connesse alla dipendenza dell’economia dal petrolio, nello scenario di diminuzione inesorabile delle riserve di oro nero e del presente abbassamento del costo al barile, rappresentanto tutte ragioni di pesante preoccupazione per l’oligarchia saudita.

Per tutte queste ragioni Bin Salman ritiene sia giunto il momento di restituire un ruolo di primo piano al proprio paese. L’atteggiamento estremamente duro nei confronti del Qatar, la rinnovata intesa con Washington in chiave anti iraniana, il lancio del progetto Vision 2030, che dovrebbe in prospettiva ridurre crescentemente la dipendenza dell’economia saudita dal business del petrolio, rappresentano passi convinti in questa direzione. Il giovane principe tuttavia sa che per poter realizzare le proprie ambizioni ha la necessità vitale di rafforzare il proprio potere in seno all’oligarchia del paese e il proprio consenso tra le masse popolari.

In quest’ottica non può apparire un caso che per colpire i propri avversari politici il giovane rampollo della casa reale abbia scelto lo strumento della commissioni anti corruzione. Come a suo tempo dimostrò il Marocco negli anni delle primavere arabe, la rivoluzione dall’alto eseguita tramite una graduale apertura alle istanze del malcontento popolare può essere un efficace deterrente nei confronti del dissenso strisciante nella prospettiva di disinnescare preventivamente il conflitto. Anche la storica scelta di permettere per la prima volta alle donne saudite di ottenere la patente non può che far riflettere sull’investimento che Bin Salman sta facendo nella costruzione della propria immagine pubblica.

Malgrado tutte le sicurezze del giovane principe, tuttavia, gli eventi degli ultimi giorni non possono dare che un’immagine di momentanea debolezza del regno saudita, per la qual ragione non si può fare a meno che ritenere quanto la situazione del paese rimanga aperta, parzialmente instabile e certamente da monitorare con grande attenzione.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

arabia sauditamedio oriente

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

Di seguito pubblichiamo alcuni contributi che provengono delle occupazioni studentesche avvenute ieri a Torino e Pisa e aggiornamenti dalle altre università italiane occupate.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Salone del Libro: come è fatta la vera censura

Riprendiamo il comunicato del Coordinamento cittadino Torino per Gaza su quanto accaduto ieri al Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il popolo ribelle che abita lo Yemen

Continuare a considerare quegli yemeniti, una minoranza che ha comunque una storia che risale all’VIII secolo, un “gruppo di fanatici ribelli” dal nome buffo sarebbe un imperdonabile errore, oltre che l’ennessima dimostrazione di una presunta arroganza eurocentrica che ha già fatto ridere (e piangere) abbastanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tra Libano e Medioriente a 100 giorni dall’Alluvione al-Aqsa

In questa intervista abbiamo chiesto al giornalista freelance Luca Foschi di farci un quadro della situazione in Libano, anche in rapporto agli alleati arabi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: il governo israeliano cerca l’allargamento del conflitto coinvolgendo Libano ed Iran

L’omicidio mirato di Saleh Al-Arouri, alto dirigente di Hamas, a Beirut e l’attentato che è avvenuto in Iran durante la manifestazione per il generale Soleimani, con almeno 95 vittime, parlano chiaro rispetto alla stategia del governo di Netanyahu: la destabilizzazione del Medio Oriente al fine di coinvolgere USA ed UE in un conflitto regionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Yemen: navi cargo attaccate dagli Houthi nel Mar Rosso. Navi della marina militare degli Stati Uniti convergono in zona

Sono ormai numerose le imbarcazioni commerciali in navigazione nel Mar Rosso, che vengono colpite da droni e missili lanciati dallo Yemen dai ribelli Houthi che avevano annunciato di fermare i mercantili diretti in Israele se non cessano i bombardamenti su Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestinesi e sauditi si uniscono contro la normalizzazione con l’apartheid israeliano

Il Comitato Nazionale Palestinese BDS (BNC) si schiera con la maggioranza del popolo fraterno dell’Arabia Saudita nella sua schiacciante condanna degli sforzi di normalizzazione tra la dittatura saudita e l’apartheid israeliano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’abuso dei poteri delle leggi “antiterrorismo” soffoca la libertà della società civile in Medio Oriente.

L’uso improprio della retorica e delle autorità antiterrorismo stanno incoraggiando gli Stati autoritari, contribuendo a un regresso democratico e diminuendo la nostra sicurezza collettiva.    In tutto il mondo, assistiamo a una pratica costante di abuso del linguaggio e delle leggi antiterrorismo per prendere di mira, mettere a tacere e danneggiare la società civile e […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Medio Oriente. Il fumetto per raccontare le storture della guerra

“Marmellata con laban” della fumettista libanese Lena Merhej raccontato da Maria Rosaria Greco, curatrice dell’edizione italiana e della rassegna Mediterraneo Contemporaneo: “Il fumetto diventa lo strumento ideale per esprimere con leggerezza e ironia il disagio più intimo, la memoria individuale e collettiva, ma anche la militanza, il dissenso” di Maria Rosaria Greco* Roma, 26 novembre […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Virano d’Arabia assicura da Dubai: Il TAV è 100% sostenibile

Negli anni il reparto pubbliche relazioni di TELT ha preso proporzioni sempre più ciclopiche. Sondaggi truccati, giornalisti prezzolati e fanfaroniche kermesse sono solo alcuni dei mezzi di basso marketing messi in campo per vendere un prodotto scadente (il TAV) a dei clienti presi per gonzi. Il tutto ovviamente è a spese dei contribuenti, compresi quelli […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dal Rojava: “la resistenza non può essere sconfitta”

Riceviamo e pubblichiamo. La notte tra il 24 e 25 Aprile di un anno fa la zona di Karackok fu bombardata dall’esercito turco. Il comando generale dello Ypg fu distrutto dalle bombe, ci furono 30 martiri. Come molti internazionali ci trovavamo all’accademia dello YPG, alle 2 di notte fummo svegliati da un forte boato, solo a […]