InfoAut
Immagine di copertina per il post

Francia: I “Robin Hood” offrono gas contro la riforma delle pensioni

Nella regione marsigliese, Paul* e Marcel*, tecnici del gas della GRDF,  hanno concatenato giorni di sciopero e manifestazioni. Ma non è tutto. Manomettono i contatori del gas in modo che gli utenti paghino solo la metà del loro consumo, o niente.

Marsiglia (Bocche del Rodano). – Vestiti di nero, mascherati, guantati e discreti, annunciano il programma, con gli occhi che ridono: “Oggi è il funzionamento del gas gratis! »

di Khedidja Zerouali

Chiameremo il primo Paul, il secondo Marcel. “Come Paul Marcel, il nostro modello”, ridono i due gasisti, riferendosi al ministro comunista della produzione industriale, all’origine della creazione di EDF-GDF e della nazionalizzazione dell’energia nel 1946. È anche colui che creerà le opere sociali di EDF-GDF, care a Marcel e Paul. “È stato lui a lasciarci in eredità lo status di cui godiamo ancora oggi e che il governo continua ad attaccare. Si ricorda che la riforma delle pensioni prevede la fine del regime speciale per i lavoratori del settore elettrico e del gas.

L’incontro è fissato per le 6:15 di questa domenica 12 febbraio, davanti al caffè chiuso in una piazzetta molto piccola, con appena un altro negozio e una farmacia, nella regione di Marsiglia.

I due gasisti arrivano su un’auto che non è la loro, il bagagliaio pieno di adesivi CGT, bandiere e altri megafoni. “Le persone ci prestano la loro macchina quando facciamo queste azioni in modo da non venire con i nostri veicoli ed essere riconosciuti direttamente”, dice Paul, cercando di evitare il più possibile le telecamere nel quartiere… Compito piuttosto facile per i due che conoscono molto bene i vicoli, le tenute, i gabinetti del locale visto che è anche lì che lavorano.

In caso di dubbio, nemmeno il GPS. Durante le azioni di “Robin Hood”, tutti lasciano a casa il cellulare.

Operazione – 50% di sconto sul gas nei quartieri popolari

Marcel è il piccolo, Paul il grande e, ognuno col suo giratubi, aprono le bombole del gas del quartiere, ci infilano dentro le mani per qualche secondo, le richiudono subito prima di appiccicarvi sopra un bollino blu che annuncia: “Elettricità e gas aumentati! Potere d’acquisto amputato! Finanzieri ripieni! Agenti arrabbiati”.

È il nostro granello di sabbia, è quello che possiamo fare al nostro livello per il bene comune.

Ogni casella contrassegnata dal quadrato blu rappresenta solo la metà del gas utilizzato dagli abitanti. Meglio ancora, le scatole senza la “scatola gialla” che fornisce le telecomunicazioni tra le scatole e le reti possono essere completamente tagliate senza che GRDF se ne accorga: “Operazione 100% gratuita per gli abitanti di questo settore! E il nostro datore di lavoro non se ne accorgerà finché non manderà un agente a leggere i contatori, tra sei mesi o più”.

“Questo non li tirerà fuori dal casino, ma è già così. È il nostro granello di sabbia, è quello che possiamo fare al nostro livello per il bene comune, ed è sempre quel meno nelle tasche di chi specula sull’energia”, affermano d’accordo Marcel e Paul.

Il sole del sud non è ancora sorto, i due complici continuano ad aprire i rubinetti, percorrendo velocemente i vicoli della città per non essere interrotti. “Se gli abitanti ci chiedono cosa stiamo facendo noi glielo diciamo, ma se incontriamo la polizia mentiamo loro”, sorride Paul. Il silenzio è completo, rare sono le anime già sveglie.

Le azioni “Robin des Bois” sono state realizzate dal 2004

Queste azioni, realizzate dagli agenti mobilitati delle industrie dell’elettricità e del gas, non sono nuove. Dal 2004, quando lo status di EDF-GDF è cambiato e il suo capitale è stato aperto agli investitori privati, gli agenti hanno ripreso il controllo del loro strumento di lavoro per opporsi a determinate riforme, protestare contro l’aumento dei prezzi dell’energia o per chiedere aumenti salariali.

“Da allora abbiamo continuato, ricorda Fabrice Coudour, segretario generale della CGT Mines-Énergie. Ogni giorno gli agenti svolgono questo tipo di azione “Robin Hood”, ma ce ne sono molti di più quando saremo mobilitati e continueremo a dimostrare loro che abbiamo le mani sullo strumento produttivo, dall’inizio alla fine”.

Stiamo rischiando i nostri posti di lavoro e azioni legali, facendo questo. Ma lo facciamo per ottenere il ritiro della riforma.

I motivi della rabbia sono tanti. Marcel e Paul, tra due colpi di giratubi, ricordano l’impennata senza precedenti dei prezzi dell’energia, l’inflazione che ha preso per il collo agenti e utenti, la distruzione del servizio pubblico dell’energia, i profitti record realizzati dalle loro aziende, con un netto utile di circa 3,7 miliardi di euro per Engie secondo i dati di febbraio 2022.

Dall’inizio del movimento contro la riforma delle pensioni, hanno scioperato ad ogni convocazione intersindacale e intendono non tornare più al lavoro dopo il 7 marzo, data in cui i sindacati promettono una giornata di sciopero a tutto campo, in tutti i settori…

Pur continuando le loro attività notturne sulla rete.

“Rischiamo il nostro lavoro e i procedimenti legali in questo modo, ricorda, sotto la maschera, Marcel. Ma lo stiamo facendo perché se non costiamo caro a questo governo, non otterremo mai la revoca della riforma delle pensioni. Troviamo scandaloso anche il prezzo a cui le persone pagano l’elettricità e il gas. Per noi questo è un bene comune, è necessario che le persone vivano con dignità e non deve essere soggetto alla legge del mercato”. Paul annuisce.

Questa domenica, 12 febbraio, Paul e Marcel hanno manomesso una quindicina di contatori del gas, che rappresentano diverse centinaia di case.

Dopo gli insiemi, i lavoratori del gas si dirigono verso le grandi torri: venti piani, cinque appartamenti per pianerottolo. Alcuni non sono dotati della “scatola gialla” che garantisce la comunicazione con GRDF: “C’è il jackpot, entusiasmano i tecnici. A poco più di un centinaio di case abbiamo appena dato gas gratuito, solo su questa torre. Due adesivi rossi e neri della sezione marsigliese della CGT Énergie adornano ora il palco.

Dall’inizio del movimento abbiamo rimosso una sessantina di box legati ai contatori Linky.

“Dall’inizio del movimento, in termini di elettricità, abbiamo rimosso una sessantina di scatole collegate ai contatori Linky, il che significa che abbiamo disconnesso circa 60.000 residenti di Marsiglia”, conta Renaud Henry, segretario generale della CGT Énergie di Marsiglia, nella sua sede sindacale. Sul tavolo, volantini a difesa del regime speciale per elettricisti e lavoratori del gas e nell’armadio un grande sacchetto di carta McDo in cui c’è il bottino: le 60 scatole recuperate dalla rete dagli scioperanti.

Per questi circa 60.000 marsigliesi, Enedis non potrà più ridurre al minimo l’energia elettrica per chi non riesce più a pagare le bollette. Loro dovrebbero godere di corrente normalmente, e non dei 1000 watt concessi ai più poveri. Un alimentatore che non consente, ad esempio, di collegare contemporaneamente una macchina del caffè e un frigorifero.

«Se Enedis vuole ancora togliergli la corrente, dovranno mandare degli agenti sul posto», continua l’operatore della CGT. Abbiamo chiesto ai nostri agenti di non rispondere più a questi ordini”.

La sezione marsigliese della Cgt Energie rivendica anche il passaggio all’aliquota ridotta di diversi fornai e piccoli commercianti, nonché l’esercizio del gas a -50%, anche gas gratis, per due quartieri popolari della città.

A livello nazionale, la Federazione nazionale delle miniere e dell’energia Cgt non limita il suo piacere nell’elencare le cifre: «Una trentina di strutture sanitarie non pagano più l’elettricità, sono circa 500 le famiglie precarie a cui è stata ripristinata l’elettricità dopo che erano state tagliate. Tra le 300 e le 400 piccole imprese ora pagano l’elettricità a tariffa ridotta e più di 100.000 famiglie, i cui contatori Linky sono stati tagliati fuori dalla rete, non possono più subire un calo di carico se non pagano mai. Ci sono anche alcune hotline di deputati macronisti, a sostegno della riforma, che abbiamo privato del potere”, elenca Fabrice Coudour.

Ore 7:00, fine dell’azione

Nella regione di Marsiglia, Paul e Marcel si concedono una sigaretta. Sono le 7 del mattino, i primi inquilini escono di casa, qualche macchina gira, è ora di fare le valigie ma promettono di tornare nei giorni successivi, “per finire il lavoro”. “Due non è male”, incoraggia Paul.

In meno di un’ora hanno aperto i rubinetti di una quindicina di box, dando gas gratis a centinaia di residenti o permettendo loro di pagare solo la metà del prezzo del loro consumo.

Prendendo a un caffè ristretto senza zucchero, calano la mascherina, i guanti, il cappello. “In modo che il fornaio non pensi che la deruberemo. Paul e Marcel ritengono che l’allungamento del periodo contributivo, il rapporto tra l’età pensionabile legale, l’abolizione dei regimi speciali di protezione non siano solo misure tecniche ma scelte politiche violente.

“Vogliono abolire il nostro regime quando è in pareggio e ha anche un surplus al punto da versare parte dei nostri contributi al regime generale”, esordisce uno. “E poiché non si adatta alla loro narrativa che il nostro regime è in eccedenza, cercano di farci come la SNCF: aumentano il numero di lavoratori temporanei per avere meno dipendenti statutari che contribuiscono al regime speciale, il che significa che finirà per prenderti a calci in culo”, aggiunge l’altro.

Lunedì, appuntamento con il deputato LREM

Non sorprende che vorrebbero che il loro regime di protezione fosse applicato a tutti i lavoratori. “Se non è possibile così com’è, potremmo almeno generalizzare l’idea di solidarietà che sta alla base del nostro sistema, e che vuole che ogni agente contribuisca secondo i propri mezzi”, sogna Paul, le perle di zucchero della sua brioche sulle dita.

Loro ne sono consapevoli, le loro azioni di questo tipo sono popolari. Tuttavia, “Robin Hood”, che Marcel, Paul e gli altri affermano di essere, non ridistribuisce solo ai poveri: arranca anche i potenti. Gli elettricisti e le società del gas di Marsiglia intendono fare lo stesso questa settimana. Nessun nome, nessun luogo, nessuna precisione ma lo assicurano: “Agiremo in questi giorni, perché capiscono solo quello, l’equilibrio di potere”

Lunedì 13 febbraio, gli agenti mobilitati visiteranno Claire Pitollat, deputata LRM (partito Macron) di Marsiglia ed ex agente EDF. “Abbiamo un appuntamento, prima di discutere, assicura Renaud Henry, della CGT Energy locale. E poi vedremo cosa fare in base all’accoglienza che ci riserva e alle sue risposte alle nostre domande”.

da mediapart.fr

traduzione a cura di Turi Palidda

da Osservatorio Repressione

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

CRISI ENERGETICAFranciariforma delle pensionisciopero

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Commercio di armi: Leonardo Spa partecipa al massacro dei Palestinesi

L’alleanza tra Leonardo Spa, azienda italiana a partecipazione pubblica che è attiva nella produzione e fornitura di tecnologie e armi a livello mondiale nonchè primo produttore di armi nell’Unione Europea, e Israele è consolidata da decenni ed è florida.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

No alla disumanizzazione! Fermiamo il genocidio!

Pubblichiamo di seguito l’appello alla mobilitazione in solidarietà alla Palestina lanciato dal coordinamento Torino per Gaza per domani sabato 2 marzo rivolto a tutte le piazze italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il boomerang della transizione energetica mette l’Europa in panne

Una politica climatica temeraria, incurante delle contraddizioni reali derivanti dai cambiamenti occorsi sulla scena mondiale, ha finito per scontentare sia la classe imprenditoriale che i ceti sociali più esposti alle conseguenze della transizione energetica.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sciopero degli addetti al settore cargo di Malpensa

Sciopero all’aeroporto di Milano Malpensa degli addetti al settore cargo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: i migliori slogan visti sui trattori

Ma la rabbia degli agricoltori va ben oltre le semplici richieste sul diesel o sugli standard ecologici, come vorrebbe farci credere la FNSEA. Per molti, si tratta di una rabbia per la dignità, per una paga equa e per la fine del neoliberismo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Proteste degli agricoltori in tutta Europa. In Francia una giovane donna investita durante un blocco

Dopo le mobilitazioni degli agricoltori in Germania il movimento si estende in Francia, in particolare nella regione dell’Occitanie. Bloccata la A64 a Carbonne, i blocchi si moltiplicano a macchia d’olio intorno a Tolosa nella Haute-Garonne, bloccata anche l’autostrada A20 di Montauban.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: Olimpiadi del colonialismo e della pulizia etnica

Lo stato coloniale, che sta commettendo attualmente una pulizia etnica contro il popolo palestinese, sarà comunque presente alla cerimonia di apertura.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La quadratura della rete: criminalizzazione e sorveglianza tecnologica

Analiziamo alcuni dei passaggi chiave che hanno attraversato la societa’ francese a partire dagli attentati di Parigi del 2015 per capire come hanno influenzato il sistema di sorveglianza tecnologica fino ad arrivare ai piu’ recenti processi a carico di attivist*.