InfoAut
Immagine di copertina per il post

Francia: Madame 49.3 parte, Monsieur SNU arriva

Dopo aver giocato con i media e con i suoi stessi ministri come il manager perverso e tirannico che è, Macron ha emesso il suo verdetto. Per guidare il suo governo nel 2024, licenzierà Elisabeth Borne e nominerà il suo protetto Gabriel Attal.

tradotto da Contre Attaque

Il bilancio di Borne a Matignon è uno dei più preoccupanti della Quinta Repubblica: 23 utilizzi del 49.3 (ndr secondo tale disposizione, il Primo ministro «può, previa deliberazione del Consiglio dei ministri,impegnare la responsabilità del Governo dinanzi all’Assemblea nazionale sul voto di un projet de loi de finances o di un projet de loi de financement de la sécurité sociale. In tal caso, questo projetsi considera adottato) in un anno e mezzo, un record assoluto in così poco tempo, per imporre i peggiori contraccolpi sociali dalla Liberazione, rendere i più poveri ancora più precari, distruggere le pensioni e persino imporre una legge razzista direttamente ispirata al programma di Jean-Marie Le Pen. Élisabeth Borne significa la fine del sistema parlamentare, la continuazione della violenza poliziesca e il voto per un finanziamento senza precedenti della polizia e del suo arsenale. Élisabeth Borne ha rubato anni di vita a pensionati, disoccupati e immigrati.

Questa politologa ha fatto carriera nel microcosmo degli alti funzionari, quella nobiltà di Stato senza valori morali. Prima di entrare in politica, ha trascorso un periodo nel settore privato, poi è diventata prefetto della regione Poitou-Charentes e presidente della RATP.

Quando Macron è stato eletto, ha abbandonato le sue reti di PS per entrare nel governo. Come ministro dei Trasporti, nel 2018 ha organizzato una riforma della SNCF, privatizzando la rete ferroviaria e distruggendo lo status dei ferrovieri, con le conseguenze che tutti conosciamo. Come ministro dell’Occupazione, ha portato avanti una prima riforma scellerata dell’assicurazione contro la disoccupazione, tagliando i sussidi. Come Ministro della “Transizione”, ha approvato il rinvio di 10 anni della fine del nucleare, aprendo la strada alla rinuclearizzazione della Francia. Durante la pandemia, ha organizzato la sospensione di massa del personale sanitario.

In qualità di Primo Ministro, alla cena di Natale del 2022 a Matignon, Élisabeth Borne ha indossato una maglietta da calcio con i numeri 49.3 per divertire la folla. Queste persone sanno come divertirsi con le sofferenze che infliggono al loro stesso popolo.

Dopo diversi anni di fedele servizio al neoliberismo autoritario, è stata gettata via come un pezzo di spazzatura dal suo capo, che si diverte con i suoi vassalli. Dopo le sue dimissioni, Borne ha dichiarato che era “più che mai necessario continuare le riforme”, spinta da un fanatismo di distruzione. Si è ben guadagnata una pensione dorata in un consiglio di fabbrica o come lobbista in qualche istituzione. L’unico rammarico per la sua partenza è che i nostri zii della CGT non potranno più fare battute su “Borne out”.


Al suo posto arriva Gabriel Attal de Couriss, rampollo di una famiglia aristocratica, la famiglia de Couriss, con la madre produttrice di film aziendali e il padre avvocato e produttore cinematografico.

Primo ministro di Francia all’età di 34 anni, Gabriel Attal ha realizzato l’impresa di non aver mai lavorato un giorno in vita sua. Non ha mai messo piede in una scuola pubblica, ma questo non gli ha impedito di diventare per breve tempo Ministro dell’Istruzione. Ha frequentato una scuola privata a Parigi, l’Ecole Alsacienne, e ha studiato a Science Po prima di entrare in politica. Milionario dall’età di 25 anni, è l’incarnazione stessa della ricchezza e del dominio senza alcun merito. Nella primavera del 2023, ha detto dei manifestanti contro la riforma delle pensioni: “non sono i francesi che lavorano”. Una vera e propria testa parlante.

Spinto dal suo compagno Stéphane Séjourné, macronista convinto e stretto consigliere del Presidente, è stato promosso a Ministro dell’Istruzione nel 2023. Il suo piano era semplice: privatizzazione, militarizzazione, islamofobia. Dichiara regolarmente che le scuole devono insegnare ai bambini l’obbedienza e l'”autorità”. Si dice “favorevole” alla sperimentazione delle uniformi nelle scuole. È anche il promotore del Servizio Nazionale Universale, che mira a inviare gli adolescenti a corsi di formazione militare dove praticano il lavaggio del cervello, la marcia e l’alzabandiera. All’inizio del nuovo anno scolastico, ha inscenato una disgustosa caccia alle studentesse con le maniche lunghe, mentre migliaia di posti di insegnante non venivano assegnati.

Nell’agosto 2022, un collaboratore del governo ha dichiarato alla stampa: “Alla scuola del vizio, Gabriel avrebbe dovuto essere il valedictorian”.

Questa nomina è il trionfo della Francia delle start-up e dei manager senza talento né umanità. È un ibrido tra il neoliberismo più schietto, che mette il denaro al di sopra di tutto, e il neofascismo più rozzo.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Franciamacronultraliberismo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Contestati i ministri della guerra al Politecnico di Torino

Riceviamo e ricondividiamo il comunicato del CUA di Torino sulla contestazione di ieri al convegno istituzionale tenutosi alla sede del Valentino del Politecnico. Ieri mattina un gruppo di student3 dell’Università di Torino ha contestato il convegno a porte chiuse che si è tenuto al castello del Valentino su tecnoscienza e intelligenza artificiale, con ospiti di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Milano: 25 Aprile con la resistenza palestinese

Milano – Per un 25 Aprile con la Palestina, Piazza Duomo h. 13:30.
La Resistenza non è soltanto memoria, ma è oggi. Palestina libera!

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Protezione Civile: 2.000 palestinesi scomparsi a seguito del ritiro delle forze israeliane da alcune aree di Gaza

La Difesa civile della Striscia di Gaza ha rivelato in un comunicato divulgato domenica che circa duemila palestinesi sono stati dichiarati dispersi in varie aree dell’enclave dopo il ritiro delle forze di occupazione israeliane (IOF) da esse.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un documento trapelato dal New York Times su Gaza dice ai giornalisti di evitare le parole: “Genocidio”, “Pulizia Etnica” e “Territorio Occupato”

Nel mezzo della battaglia interna sulla copertura del New York Times riguardo la guerra di Israele, i principali redattori hanno emanato una serie di direttive.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA per la Palestina: dipendenti Google licenziati e studenti alla Columbia University sgomberati dalla polizia

Negli Stati Uniti proteste in corso a sostegno del popolo palestinese, per il quale diversi settori della società civile si sono mobilitati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione per il clima e a sostegno della Palestina.

Da Nord a Sud Italia questa mattina lo sciopero climatico lanciato da Fridays For Future ha riempito le piazze di giovani e giovanissimi che hanno ribadito le connessioni stringenti tra la devastazione dei territori e le guerre, rappresentando un forte grido in sostegno alla Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco iraniano a Israele: quali conseguenze per il Libano?

Lo Stato ebraico potrebbe intensificare la lotta contro Hezbollah, ma secondo gli esperti una guerra aperta sul territorio libanese è improbabile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: sostegno alle 17 persone arrestate dalla polizia antiterrorismo in seguito alla campagna di azione nazionale contro il mondo del cemento

Lunedì 8 aprile, 17 persone sono state arrestate in Normandia e nell’Ile de France in un’operazione condotta dalla Sottodirezione antiterrorismo. Alcuni di loro sono stati portati nella sede di Levallois-Perret e potrebbero rimanerci per 96 ore.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: i migliori slogan visti sui trattori

Ma la rabbia degli agricoltori va ben oltre le semplici richieste sul diesel o sugli standard ecologici, come vorrebbe farci credere la FNSEA. Per molti, si tratta di una rabbia per la dignità, per una paga equa e per la fine del neoliberismo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Proteste degli agricoltori in tutta Europa. In Francia una giovane donna investita durante un blocco

Dopo le mobilitazioni degli agricoltori in Germania il movimento si estende in Francia, in particolare nella regione dell’Occitanie. Bloccata la A64 a Carbonne, i blocchi si moltiplicano a macchia d’olio intorno a Tolosa nella Haute-Garonne, bloccata anche l’autostrada A20 di Montauban.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: Olimpiadi del colonialismo e della pulizia etnica

Lo stato coloniale, che sta commettendo attualmente una pulizia etnica contro il popolo palestinese, sarà comunque presente alla cerimonia di apertura.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La quadratura della rete: criminalizzazione e sorveglianza tecnologica

Analiziamo alcuni dei passaggi chiave che hanno attraversato la societa’ francese a partire dagli attentati di Parigi del 2015 per capire come hanno influenzato il sistema di sorveglianza tecnologica fino ad arrivare ai piu’ recenti processi a carico di attivist*.