InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il compimento della storia e il Comunismo nelle parole di un Ministro

Gli economisti e gli ideologi del trionfante liberalismo democratico – glorificato nel 1991 da Fukuyama per aver compiuto il fine della storia quando crolló il muro di Berlino e la fine del Comunismo in Europa – hanno in questi tempi una fifa tremenda. E si ricorre ad un umile professore universitario, ora Ministro della Istruzione e Merito del neo governo Meloni, per farsi coraggio.

Di Noi non abbiamo patria

Una crisi inarrestabile di un modo di produzione storico esce fuori dai pori della vita plasmata dal capitalismo reale. Diviene palpabile che lo stesso modo di produzione fa della sua crisi una merce e la vende come valore di scambio a chi ha come bisogno reale quello di esorcizzare la paura per un mondo che vacilla e si sgretola nelle sue relazioni reali. Perchè l’accumulazione è una bestia dis-umana ed anche la propria malattia storica puó fruttare guadagno e profitto, laddove guardare in faccia alla propria fine diviene un bisogno sociale.
Basterebbe guardare il Triangolo della Tristezza al cinema (Triangle of Sadness) nel quale il miraggio del miglior mondo possibile cola a picco con tutti i suoi valori, le sue luccicanti merci per il consumo di massa ed il conseguente capovolgimento delle relazioni di potere nel gruppo sociale sopravvissuto. L’epilogo del film descrive un Comunismo possibile? No il film descrive una crisi generale inevitabile che si vuole esorcizzare.

Ha poca importanza sul piano della critica storica scientifica discernere se il Comunismo non vide mai luce o non potè venire alla luce o fu un “disastro dell’utopia”. Caro signor Ministro, avete da festeggiare solo le vostre macerie passate, presenti e future.

Se dopo 31 anni dal trionfo del liberalismo democratico contro il “comunismo reale” o contro ogni tentativo di sviluppare lo stesso modo di produzione unitario in maniera “alternativa” al liberalismo – per necessità di quelle nazioni arrivate in ritardo a svilupparlo -, si rispolvera l’odio sostanziale contro il comunismo è perchè qui hic rodus, hic salta. Il modo di produzione capitalistico annaspa e il declino impaurito dell’Occidente e dell’Europa ne sono il volano.

L’Ottobre e Lenin sono odiati perchè tradirono la guerra, consegnarono la terra ai contadini, ma quando questi voltarono le spalle ai bolscevichi (perchè sui contadini valeva l’avvertimento di Rosa), quelli abolirono il parlamentarismo e misero al centro di tutto la forza dei soviet, nella illusione storicamente determinata dalle contraddizioni reali che la leva del potere politico potesse piegare il movimento di un modo di produzione determinato in direzione del comunismo e della rivoluzione internazionale e non in quello avvolto dal moto unitario del mercato mondiale.

Ossia si odia il Comunismo perchè ostinatamente il bolscevismo voleva anticipare un tempo nella prospettiva storica a venire. Altrimenti la storia capitalistica gli avrebbe riservato il giudizio dato nei confronti di Robespierre, che in Vandea dichiaró guerra alla campagna per ingrassare la città borghese, il privilegio di classe ed il saccheggio coloniale razzista, mentre Lenin ed il bolscevismo vollero sviluppare le forze produttive capitalistiche contro le borghesie ed il capitale finanziario internazionale realizzando il collegamento con l’insorgenza dei popoli di colore e dell’Oriente contro l’imperialismo.

Non si contrasta e si odia il bolscevismo per essersi illuso, bensì per averci provato in un preciso solco delle contraddizioni della storia.

È inevitabile che oggi il comunismo faccia più paura di 122 anni fa, mentre i nuovi storici chiariscono che lo spettro del bolscevismo nel dopo 1917 non avesse grandi chances all’epoca per potersi realizzare nel mondo delle democrazie occidentali ingrassate dalla continua rapina coloniale.
Ogni crisi successiva al 1917 fu il risultato catastrofico della estensione in profondità del mercato mondiale e della produzione del valore in una catena mondiale senza vincoli, pienamente interdipendente. In sostanza furono passaggi che segnarono la produzione della merce come unica risposta ai bisogni umani ed il successo di quelli che con la violenza storica si assicurarono il controllo delle capacità produttive migliori.

Il mondo reale della produzione di merci e basato sul suo valore di scambio non trova dove realizzarsi accarttocciandosi in un movimento distruttivo nel tempo del coronavirus.
Di fronte alla realtà della crisi di un modo di produzione si grida sguaiati “ce la faremo” perchè “possediamo i mezzi tecnici e scientifici” per risolvere qualsiasi crisi.

Ma se anche Credit Suisse arriva a dichiarare che i QE delle Banche Centrali (della FED o della BCE), stampare carta moneta, applicare delle politiche monetarie non dà da mangiare nè possibilità di riscaldarsi, questo sistema unitario o guarda verso uno svolto reazionario a sua conservazione (multipolarismo), oppure si culla nella utopia di trovare nuova linfa per il mercato mondiale e la produzione del valore nel cosmo, su marte e nella crescita infinita in fuga reale dal pianeta terra.

Quale è l’utopia che volge in tragedia se non la conservazione disperata di un modo di produzione che distrugge la vita?

Un nuovo mostro proletario uscirà dal guano nel quale il processo di produzione immediato del valore capitalistico e della accumulazione tende a vincolarlo. Saranno i passaggi della crisi storica che lo solleveranno costringendolo ad affrontare un nuovo assetto dei rapporti generali delle attività umane liberate dal giogo della produzione del valore e della merce.

Ma alcuni che conosciamo fanno il pesce nel barile pensando che salvare la barca che affonda sia anche nell’interesse proletario e dell’intera umanità, cercando un modo di risollevare il processo di produzione immediato sovrano dalla crisi della catena generale.

Nondimeno siamo in una fase di stravolgimento epocale e di rivoluzione.

P.S: per motivi familiari pensavamo di prendere una seconda auto, una roba piccola e che consumi poco. Una FIAT 500 modello base potrebbe essere disponibile non prima di 7 mesi, così mi dice il venditore concessionario.
C’è da rimanere a piedi contenti e soddisfatti, perchè una massa sempre crescente non puó consumare o non ha intenzione di consumare, e chi potrebbe farlo non trova la merce che risponde alle proprie necessità. Quando un esempio utilmente descrive il grado di inutilità raggiunto (oltre a quello di violenza e di ingiustizia propria) da un modo di produzione. OTTIMO.

pubblicato il in Contributidi redazioneTag correlati:

comunismoMinistero dell'istruzioneValditara

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Contributi

Il sonno della ragione genera mostri

Il movimentismo non è sembrato immune dal tracollo delle grandi ideologie novecentesche che hanno trascinato con sé anche la struttura analitica tipica di quel novecento gravido di conquiste.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Iran composito nella crisi

Sono più di 200 le giovani ragazze e ragazzi che sono rimasti uccisi durante quella che appare essere una diffusa sollevazione delle generazioni Z, che da un primo carattere di denuncia della “polizia morale” e mosse dalla richiesta nei confronti delle istituzioni che venga fatta “giustizia”, ora assumono un contorno composito.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Una vita nella lotta senza perdere la tenerezza

Riceviamo e pubblichiamo volentieri… di CSOA Officina99 Nella notte del 18 Ottobre 2022 il compagno Eduardo Sorvillo, da tutt* conosciuto come Pierino, se n’è andato dopo aver lottato strenuamente, per 13 anni, contro una terribile malattia. È stato troppo intenso il dolore di questi giorni, tanto da non permetterci di comunicare subito e in modo […]

Immagine di copertina per il post
Contributi

Tentato suicidio di un ragazzo nel carcere minorile di Torino

La caccia al ‘degrado’ imbastita dal comune si concretizza nel relegare i giovani verso zone sempre più periferiche per trovare una propria emancipazione economica.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Invalsi conferma la schedatura di massa degli studenti fragili. A insaputa dei genitori

Invalsi, per bocca del suo Presidente Roberto Ricci, conferma che nelle scuole italiane, è in atto una schedatura di massa degli studenti fragili.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’imbroglio della meritocrazia

Ha fatto molto discutere la scelta della Presidente del Consiglio di rinominare il ministero all’istruzione in chiave “meritocratica”, associando istruzione e merito in un unico dicastero.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ciao Valter, comunista e rivoluzionario.

Con immensa tristezza apprendiamo della morte del compagno Valter Ferrarato stroncato da una malattia bastarda. Chi ha attraversato le lotte degli ultimi anni a Torino non può non aver conosciuto Valter. Come compagne e compagni vogliamo soprattutto ricordare la sua immensa generosità e il suo odio fermo contro ogni ingiustizia. Valter era un comunista e […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

COVID Marx, per un comunismo pandemico

Pubblichiamo questo interessante intervento apparso su Carmilla di Fabio Ciabatti che riflette esplicitamente sullo scontro tra i concetti di libertà che oggi si giocano nel contesto della crisi da Covid, come vera crisi del comando capitalista, ma anche conseguentemente incrinatura della sua narrazione ideologica. L’autore sottolinea come riemergano i limiti “naturali” a ciò che l’uomo […]

Immagine di copertina per il post
Culture

“Un popolo rivoluzionario nel medio oriente”. Intervista ai redattori di Demokratik Modernite

Come è iniziato il progetto editoriale della rivista Demokratik Modernite e come consideri il suo ruolo nel movimento curdo? La rivista è un effetto degli scritti di Ocalan, che ci sono potuti arrivare dalla prigione di Imrali nella forma della sua difesa di fronte alla Corte Europea dei Diritti Umani. “Modernità democratica” è un concetto […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cicli e Circuiti di Lotta nel Capitalismo High-Tech (II)

  di Nick Witheford   La (non) riproduzione della natura: i rifiuti pericolosi La mobilitazione, da parte del capitale, di high-tech deriva dalla sua tendenza al controllo non soltanto dei luoghi di lavoro, e nemmeno della società nel suo insieme, ma della natura stessa. Per fabbricare merci c’è bisogno non soltanto di lavoratori, ma anche […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cicli e Circuiti di Lotta nel Capitalismo High-Tech (I)

  Cicli e Circuiti di Lotta nel Capitalismo High-Tech (I) di Nick Witheford Introduzione Questo scritto esplora un territorio che molti non credono esistere; il territorio della guerra di classe high-tech. Secondo i principali teorici della rivoluzione informatica, l’avvento dei computer, delle telecomunicazioni e delle biotecnologie ha fatto, del conflitto tra il capitale ed il […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Red-Plenty Platforms

Introduzione Poco dopo il grande crollo di Wall Street del 2008, un romanzo su degli eventi storici oscuri e remoti ha fornito un inatteso spunto di discussione sulla crisi in corso. Red Plenty (“Abbondanza rossa”) di Francis Spufford (2010) ha offerto un resoconto romanzato del fallito tentativo da parte dei cibernetici sovietici degli anni ’60 di […]

Immagine di copertina per il post
Culture

L’attualità di Rosa Luxembourg, 95 anni dopo il suo assassinio

La sera del 15 Gennaio 1919 verso le nove Karl Liebknecht, rampollo di Wilhelm, uno dei fondatori della socialdemocrazia tedesca nel 1875, e Rosa Luxembourg, entrambi dirigenti del Partito Comunista Tedesco-Lega di Spartaco, vennero arrestati insieme a Wilhelm Pieck nel loro ultimo rifugio berlinese da un drappello di soldati sotto il comando del sottotenente Lindner […]