InfoAut
Immagine di copertina per il post

La norma anti-rave non è altro che l’ennesimo attacco al dissenso sociale

Il decreto legge del Governo Meloni non riguarda solo i rave-party, ma tra le casistiche che potrebbero rientrare al suo interno vi sono anche molte pratiche che fanno parte della storia della protesta e del dissenso sociale nel nostro paese, dalle occupazioni delle università e delle scuole, alle manifestazioni non autorizzate.

Il meccanismo è sempre lo stesso, viene mediatizzato un evento tutto sommato maginale a livello di notiziabilità, che arriva a diventare il titolo di testa del TG della principale rete pubblica. Si tenta di far crescere la percezione di insicurezza nell’opinione pubblica e poi si legifera non solo attorno al fatto specifico (il che già di per sé è grave), ma facendovi rientrare all’interno una serie di casistiche che hanno a che fare con la libertà di dissenso ed in questo caso di riunione dando ampia discrezionalità a prefetture, procure e forze dell’ordine di prevenire e perseguire pratiche che fanno parte della normale dialettica della protesta.

Il cosiddetto decreto anti-rave è uno di questi classici cavalli di Troia.

La norma introduce una nuova fattispecie di reato inserendo nel codice penale l’articolo 434-bis: “Invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica”.

Ecco cosa prevede il testo:

1. Dopo l’articolo 434 del codice penale è inserito il seguente: Art. 434-bis – Invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica:  L’ invasione per raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica consiste nell’invasione arbitraria di terreni o edifici altrui, pubblici o privati, commessa da un numero di persone superiore a cinquanta, allo scopo di organizzare un raduno, quando dallo stesso può derivare un pericolo per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica. Chiunque organizza o promuove l’invasione di cui al primo comma è punito con la pena della reclusione da tre a sei anni e con la multa da euro 1.000 a euro 10.000. Per il solo fatto di partecipare all’invasione la pena è diminuita. È sempre ordinata la confisca ai sensi dell’articolo 240, secondo comma, del codice penale, delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato di cui al primo comma nonché di quelle utilizzate nei medesimi casi per realizzare le finalità dell’occupazione.

2. All’articolo 4, comma 1, del Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, dopo la lettera i-ter), è aggiunta la seguente: “i-quater) ai soggetti indiziati del delitto di cui all’articolo 434-bis del codice penale”.

Ci sono più elementi da sottolineare: innanzitutto l’assurdità delle pene che verrebbero comminate in caso di commissione di questo reato. Per capirci il reato di corruzione, che ci pare un fenomeno molto più preoccupante nel nostro paese delle feste autorganizzate, prevede una pena da uno a sei anni. In sostanza chi è accusato di aver organizzato una festa in un luogo abbandonato può vedersi inflitta una pena peggiore di chi ha rubato i soldi di tutti per i propri interessi.

In secondo luogo chi decide che un raduno può essere un pericolo per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica? E su quali basi?

Una occupazione universitaria o una manifestazione non autorizzata promossa da lavoratori in sciopero o contro il caro bollette possono di per sé rientrare in questa fattispecie di reato perchè rappresentano un turbamento dell’ordine pubblico a fronte di una Prefettura particolarmente zelante?

Infine vediamo nuovamente l’utilizzo del Codice Antimafia nei confronti di soggetti e fenomeni che nulla hanno a che fare con la criminalità organizzata; anche qui la protesta sociale e l’autorganizzazione vengono trattate come materie delinquenziali e non come leggittime forme di espressione o di dissenso.

Vediamo farsi dottrina giuridica quanto già emergeva con la ripetuta serie di inchieste per associazione a delinquere nei confronti dei sindacati conflittuali, dei disoccupati organizzati e del movimento No Tav.

E’ una criminalizzazione volta a colpire e disciplinare i più giovani che può avere ricadute su tutti e tutte noi. Oggi le opposizioni istituzionali che hanno aperto la strada a questa gestione dell’ordine pubblico piangono lacrime di coccodrillo, ma l’unico modo per rispondere a questa stretta alla libertà di dissenso è violarla in massa, saturarla e renderla inapplicabile. Si tratta di non piegarsi, ma rilanciare perché la libertà è tutto!

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

#libertàdidissensoMinistero dell'InternooccupazioniPiantedosirave party

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Giocano sull’orlo del baratro

L’incidente al confine tra Polonia ed Ucraina per un momento ha aperto la finestra su un coinvolgimento diretto, sul campo, della NATO nel conflitto. E ci mostra quanto sia fragile la membrana che separa il presente da una guerra militare totale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa abbiamo visto nella piazza per la Pace del 5 novembre a Roma

Siamo “andati a vedere” con sguardo curioso la piazza per la Pace del cinque novembre a Roma: ne abbiamo tratto alcuni elementi interessanti, altri meno, ma che crediamo meritino un’ampia riflessione. Abbiamo provato a sistematizzare alcuni ragionamenti a caldo in questo breve reportage che condividiamo di seguito.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Si vis pacem para bellum — La nuova semantica di guerra

Questi giochi di capovolgimento semantico diventano pericolosi nel momento in cui si concretizzano nei piani di guerra NATO (vedi la nuova dottrina “first strike”), e in una generale fase di riarmo delle principali potenze globali.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Guido Crosetto: il ministro delle armi e la “pace” orwelliana

Guido Crosetto, ministro della Difesa e consigliere di Giorgia Meloni, è un politico di lungo corso, dalla Democrazia Cristiana, a Forza Italia, per approdare infine in Fratelli d’Italia, ma meno nota è l’altra sua carriera, quella nell’industria militare.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Fare informazione per il movimento, che significa oggi?

Esortiamo chi possa avere competenze o interessi rispetto ad ambiti specifici, chi fa parte di collettivi che hanno piacere a utilizzare un canale di informazione come InfoAut per diffondere i propri contenuti e iniziative, a contattarci per poter pubblicare nella sezione Contributi.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

E lo rifamo? Avoja!

Alcune considerazioni a caldo sulla manifestazione del 22 ottobre rivolte in primo luogo a compagn di Bologna. Per rilanciare un dibattito collettivo di cui ci pare ci sia urgenza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il nuovo governo e le contingenze del Cav.

Prende forma il governo Meloni, secondo governo “democraticamente” eletto dal 2018, anno terribile per la democratura italica, in cui i 5 stelle con la stampella leghista diedero l’assalto ai palazzi dei “poteri forti”, per poi uscirne decimati dopo poco.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Fare movimento per il movimento in un mondo complesso. Infoaut si rinnova!

Come avrete notato da qualche giorno Infoaut è cambiato. Non si tratta semplicemente di un restyling grafico per stare al passo con i tempi, ma di una trasformazione che è in diretta relazione con quanto sta succedendo nelle nostre vite, nella società e nel mondo per come lo conosciamo.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il tritacarne del profitto uccide un altro giovane in Alternanza Scuola-Lavoro

A Noventa di Piave un ragazzo di 18 anni è morto durante uno stage nella BC Service una fabbrica specializzata in metallo. Secondo le ricostruzioni il giovane è stato colpito da una lastra che gli ha schiacciato le gambe e che era caduta dai cavalletti ai quali era appoggiata. Dopo Lorenzo e Giuseppe è il […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

MOBILITAZIONI STUDENTESCHE: UNA VALUTAZIONE SUL PRIMO CICLO DI LOTTE, OCCUPAZIONI E VOGLIA DI “RISCATTO”

Nelle scuole la mobilitazione di studenti e studentesse non si ferma. Aumentano di giorno in giorno le occupazioni, soprattutto nelle grandi città come Milano, Bologna e Torino. I temi caldi sui quali i ragazzi si stanno battendo dopo due anni di pandemia sono quelli dell’alternanza scuola-lavoro, della seconda prova all’esame di maturità, della didattica a […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

SCUOLA: A BOLOGNA OCCUPATO IL LICEO COPERNICO

A Bologna studentesse e studenti hanno occupato il Liceo Copernico di via Garavaglia. Protestano contro la mancanza di un impianto di riscaldamento adeguato e per riavere il giardino della scuola, attualmente utilizzato come parcheggio e completamente occupato da automobili. “Non è accettabile che dopo anni di lamentele, manifestazioni e scioperi il sistema di riscaldamento della […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SVIZZERA: RI-OCCUPATO LO STORICO CENTRO SOCIALE IL MOLINO DI LUGANO. ARRIVA LA POLIZIA

A Lugano, Svizzera Italiana, rioccupato mercoledì 29 dicembre 2021 l’ex Macello di viale Cassarate 8, sede – fino al 29 maggio 2021, giusto sette mesi – dello storico centro sociale Il Molino, attivo in città fin dal 1996 Attiviste e attivisti, verso mezzogiorno, sono tornati nei locali sgomberati a fine maggio e lasciati, da allora, […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

IN DUE MESI QUARANTA SCUOLE OCCUPATE A ROMA. STUDENTI FERMATI E MANGANELLATI DALLA POLIZIA (NEL SILENZIO DI MEDIA E ISTITUZIONI)

Inizio settimana di occupazioni negli istituti superiori romani, come ormai da due mesi a questa parte: oggi, lunedì 13 dicembre, gli studenti si sono barricati al classico Augusto di via Gela, zona Appio Tuscolano così come al liceo Farnesina. Più o meno negli stessi minuti anche il Montale, classico e linguistico di Bravetta, porta a […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Iniziano le occupazioni dei teatri da parte di lavoratori e lavoratrici dello spettacolo anche in Italia

Oltralpe sono ormai diverse decine i luoghi della cultura e dello spettacolo occupati da lavoratori e lavoratrici. In questi giorni la pratica delle occupazioni ha iniziato a diffondersi anche alle nostre latitudini. Ad aprire le danze il tentativo di occupazione di giovedì del Teatro Mercadante a Napoli. Lavoratori e lavoratrici dello spettacolo avevano trovato cordoni […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Calvairate: quartiere cinto d’assedio per sgomberare sei appartamenti

Ieri mattina più di 100 carabinieri, con supporto di un elicottero e altre forze dell’ordine hanno preso d’assalto il quartiere di Calvairate per sgomberare 6 appartamenti occupati anche da famiglie con bambini. Calvairate è una delle zone di Milano dove si vive una condizione socialmente esplosiva, un quartiere popolare con un’alta concentrazione di povertà, abbandonato […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sulle grandi opere vi accordate ma i diritti li negate

Occupazione simbolica a Cosenza contro le minacce di sgombero di due occupazioni abitative.  Oggi, abbiamo deciso di occupare simbolicamente l’Ex Hotel Jolly, emblema degli accordi sulla città stretti tra Regione Calabria e Comune di Cosenza. Intesa su metro, ovovia, parco del benessere, ma nessuna risposta strutturale all’emergenza abitativa che attanaglia il nostro territorio. Siamo alla […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Boston, le lotte per la casa nei quartieri afroamericani e latinos

Su un foglio sono elencati tutti i modi in cui i volontari possono collaborare con l’associazione, secondo il tempo di cui dispongono e il tipo di aiuto che possono offrire. Abituato ai movimenti politici del sud Europa, City Life mi è sembrata da subito molto strutturata, tanto da dubitare che si trattasse di una rete […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Livorno: 20 famiglie occupano la Torre della Cigna

Un palazzo di 19 piani completamente abbandonato di proprietà, sembra, di alcune banche. All’interno ci sono circa 100 appartamenti dislocati in varie zone dello stabile. Di seguito il comunicato di Asia-Usb: Ancora una volta nessuna alternativa alla strada. Nelle ultime settimane Livorno è stata interessata da una vera e propria ondata di sfratti per morosità […]