InfoAut

Quarto comandamento: non istituzionalizzarti!

È venuto il momento di trattare la vicenda di Quarto al di fuori della cronaca e dei campi narrativi esistenti. Che Rosa Capuozzo sia indagata o vittima, che abbia avvisato o meno i vertici del M5s, non è infatti questione che ci appassioni. È un altro il dato che qui ci interessa analizzare, ossia l’espulsione della sindaca come rito sacrificale nel nome dell’astratto principio di Legalità. Con questa mossa Grillo e la sua dirigenza rischiano di favorire la crisi del M5s, con contraccolpi che nell’immediato si faranno sentire sulle prossime amministrative e probabilmente più avanti nella tornata elettorale nazionale.

Di questo esultano Renzi, Orfini e i loro compari democratici, di sinistra e di destra: avete visto che anche loro fanno quello che noi abbiamo sempre fatto? Grillo controbatte: macché, noi siamo puliti e trasparenti, proprio per questo sacrifichiamo l’agnello Capuozzo. Ma il punto per noi, che abbiamo come obiettivo la distruzione delle istituzioni esistenti e non una marcetta al suo interno, non è capire se abbiano ragione gli uni o gli altri: hanno chiaramente entrambi torto, perché è il campo a essere sbagliato.

Ancora una volta, dunque, il punto di vista va rovesciato: guardiamo la vicenda non a partire dagli equilibri istituzionali, bensì dalla composizione sociale che quegli equilibri li subisce e tenta di combatterli. Vediamo allora che una buona parte degli attivisti e degli elettori del M5s lo hanno scelto perché non era come gli altri, nel senso che non era un putrido attore istituzionale, una struttura parassitaria impegnata nella spartizione di poltrone e potere, nella riproduzione di ceti dirigenti e funzionariali, immaginandolo al contrario come una forza utilizzabile per un protagonismo diretto e una trasformazione concreta, come un cuneo piantato nel cuore di istituzioni marce. Rispetto a questa scelta, l’espressione legalitaria è una sovrastruttura ideologica, deriva dalla frustrazione per le condizioni di vita nella crisi e non viceversa. È cioè una mistificazione, che occulta e stravolge i reali interessi sociali e di classe che sono alla radice dello scontro. Quando la legalità smette di essere principio astratto e si concretizza, del resto, assume sempre il volto feroce del potere e mai di chi è stufo di esserne oppresso. È la legalità che molti attivisti ed elettori del M5s si trovano contro nelle lotte territoriali cui partecipano, che sostiene gli interessi dei padroni sui posti di lavoro, nelle fabbriche sociali dello sfruttamento, della precarietà e dell’impoverimento. È la legalità del sistema bancario, che rapina i piccoli risparmiatori, famiglie operaie e ceti medi che hanno lavorato tutta una vita per mettere qualche soldo da parte. Banca Etruria non è uno scandalo, ma il normale funzionamento del capitalismo finanziario: sono i mercati che ce lo chiedono, e la legalità esegue la sentenza!

Facendo di quella frustrazione il centro della propria attività e l’oggetto della propria purezza, la dirigenza del M5s ha buttato via il bambino e ha messo al centro l’acqua sporca. Ha quindi accettato il campo di gioco di quella casta politica a cui si dichiarava estranea e ostile, assumendone implicitamente norme di comportamento, lessici e lineamenti rappresentativi. Lo vediamo nella figura tragicomica di Luigi Di Maio, volto di un’impostata seriosità burocratica così lontano dall’originario spirito anti-politica istituzionale, magari ambiguo, certamente ingenuo, nondimeno genuino.

Dalla possibile crisi del M5s, la sinistra (quella “moderata” e quella “radicale”, quella di governo e quella (centro) socialista che a ogni tornata elettorale punta su una listina da prefissi telefonici) spera di recuperare un bacino elettorale da tradurre in voti e poltrone. È l’ennesima illusione. Quella composizione, infatti, non è recuperabile dalle strutture e dai lessici della sinistra, dalle sue posture ideologiche e dalle sue movenze concrete. Il M5s nasce in parte dalla fuga e in parte dalla completa estraneità a quella storia, e il processo è irreversibile. La composizione sociale a cui la sinistra si rivolge, infatti, vive in larga parte tra compromissione e sconfitta, non affronta mai le contraddizioni materiali che vive ma accetta l’esistente e tutt’al più si rifugia nei buoni sentimenti dell’opinione pubblica. È in buona misura – non del tutto, su una sua minoranza bisogna ancora scommettere – irrecuperabile al conflitto, laddove invece le tracce dei possibili conflitti a venire le possiamo in parte trovare nell’ambiguità soggettiva di vari pezzi della composizione del M5s e perfino tra chi oggi può essere attratto per esasperazione dalle sirene della demagogia salviniana. E ancor di più, crediamo, nella grande maggiornaza del paese che dalla “politica” non si aspetta più niente…

Ecco allora il punto su cui dobbiamo attaccare il M5s: non l’illegalità, ma al contrario l’istituzionalizzazione; non la mancanza di trasparenza bensì il cittadinismo, perché il cittadino non esiste, esistono invece gli sfruttati e gli sfruttatori, chi comanda e chi non vuole più obbedire. Bisogna scegliere da che parte stare. Seguendo la strada percorsa sui fatti di Quarto il M5s diventa un attore istituzionale come un altro: in un certo senso, quindi, Renzi e compari rischiano di avere ragione, ma per motivi contrari a quelli che sostengono. La corruzione non appartiene infatti a singoli comportamenti: è funzionale al sistema. Se si vuole combattere la corruzione, bisogna innanzitutto combattere il sistema, di cui magistrati e procure sono parte integrante.

Allora, per la composizione su cui il M5s si basa e di cui si alimenta, il Quarto comandamento non è onorare il padre Stato e la madre Costituzione, ma combatterli per cambiare le insopportabili condizioni di vita che quei genitori mostruosi hanno partorito e allevato.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

5 stelleantagonismopdpolitica istituzionalequartosinistra

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Palestina, il “senso storico” e noi

Quanto sta accadendo in Palestina crediamo sia un elemento chiarificatore. Lo è sicuramente per le masse che si sono messe in movimento per sostenere la popolazione di Gaza non solo nel mondo arabo, ma anche in tutto l’Occidente.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Salvini: una vita al servizio dei potenti

La nuova trovata di Salvini: una campagna d’odio verso l’islam per distrarre l’opinione pubblica dal genocidio in corso a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Caselle: la propaganda di guerra uccide

Lo schianto della Freccia Tricolore che ha ucciso una bambina di cinque anni ha scosso il paese. Quanto avvenuto però merita una riflessione più profonda sulla militarizzazione della società e sul concetto di sicurezza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Quale futuro ci aspettiamo?

Come incidere in questo scenario? Come porre una rigidità nei confronti delle dirigenze occidentali, a partire dal nostro governo, per frenare l’escalation bellica alla quale stiamo assistendo? Assumendosi il compito di non voler fare parte di chi può essere sacrificabile e, con noi, la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

SPECIALE BANLIEUE | Toute la symphonie ardente

Apriamo questa nuova pagina di approfondimento rispetto alla vicina Francia, per comprendere quanto sta accadendo e per trarne alcuni spunti interessanti da convogliare nella nostra riflessione in questa fase e nel nostro agire.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa ci dicono le banlieue…

Quello che sta succedendo in Francia rende più esplicito il ruolo dello Stato e del suo apparato militare all’interno degli agglomerati urbani. Utilizziamo questi giorni di fuoco francesi e le analisi di chi li osserva da un punto di vista critico per andare più in profondità su alcune questioni.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Le mezze verità di Lagarde

L’inflazione è colpa delle imprese, ma paghiamo sempre noi…

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La sinistra inesistente

La prendiamo alta. La crisi senza fine della sinistra ripete i suoi rituali, in Spagna come in Italia. Dopo l’ennesima sonora batosta si fa l’analisi della sconfitta, si dà la colpa al vento che spira forte e qualcuno viene preso dallo sconforto, qualcuno sorride amaramente.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Gli sradicati

La sera accendi il telegiornale e senti parlare della terza guerra mondiale – così, come uno scenario plausibile, una notiziola tra le altre.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Regionali: tra voto per censo e vuoti politici

Il dato delle Regionali in Lombardia e Lazio conferma la tendenza che si è aperta con le ultime elezioni politiche: un deficit di rappresentanza sempre più allargato. La politica istituzionale ormai interessa per censo e lavora consapevolmente o meno alla soppressione del voto povero.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il Ritorno del Capitone

Il sorrisetto beffardo di Salvini al fianco della neo-Governatrice della regione Umbria Tesei, commenta bene l’esito delle elezioni regionali. La Lega è al 36.9%, Fratelli d’Italia al 10,4% e Forza Italia al 5,5. Il Pd sta al 22,3%, il M5s fermo al 7,4. Un trionfo del Capitone, che con buona pace di Giuseppi, sorride fiero, […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Caro amico ti scrivo..

La lettera che Atlantia, la holding della famiglia Benetton, attuale concessionaria di Autostrade per l’Italia (anche dopo la strage di Ponte Morandi) ha inviato al ministro dello sviluppo economico, è una semplice sollecitazione al Pd, di nuovo al governo, di rispettare i consueti scambi di favori. Infatti, l’impatto delle ripetute dichiarazioni di caducazione della concessione […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav non c’entra con il 1 maggio?

La CGIL «Il primo maggio è la festa del lavoro e non va assolutamente strumentalizzata» La CGIL «Siamo certi che la polizia e i carabinieri garantiranno a tutti di manifestare serenamente» Il PD Torinese: «Si profila un corteo in cui l’attenzione sarà monopolizzata da un tema divisivo come la Tav, relegando sullo sfondo i temi […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Un cane morto chiamato PD

La studiata combinazione che ha visto inseguirsi lo scorso weekend la manifestazione milanese antirazzista e lo spettacolino delle primarie ha riportato l’attenzione sul Partito Democratico. La nomina di Zingaretti a segretario è stata narrata come la svolta progressista di un partito intenzionato a riportare nel suo alveo i delusi dal regno renziano.   Ma alcune […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La sinistra rivoluzionaria in Turchia

  Quella dei movimenti rivoluzionari comunisti in Turchia è una storia lunga e complessa. Una storia che si innesta nelle dinamiche politiche interne alla nazione turca e che si interseca, fin dagli albori, con le più conosciute vicende della comunità curda e delle sue sollevazioni. Per quanto in Europa questo fenomeno sia stato trattato come […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Continua a crescere il potere delle banche

Non basta aver accolto in modo del tutto strumentale la tanto contestata direttiva europea sui mutui, accorciando i tempi a favore delle banche per quanto riguarda la gestione degli immobili delle persone morose, colpevoli o non colpevoli. Il Governo Renzi fa di più. All’interno del DDL sulla concorrenza, in discussione al Senato, c’è la volontà […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino. La lotta per la casa non si ferma, contestato il sindaco Fassino

Terza giornata di festeggiamenti per il decennale dalle Olimpiadi 2006. Decine di famiglie sfrattate, senza casa e occupanti dello Spazio Popolare Neruda si è recata questa mattina al Centro Italiano per la Fotografia (Camera) di Torino per ricordare al Sindaco Fassino che non c’è molto da festeggiare. La situazione abitativa torinese è al limite e […]