InfoAut
Immagine di copertina per il post

Grecia: il tallone del governo tripartito sul mondo della formazione

Un appuntamento che, al grido di “Oggi io, domani tutti!”, è stato costruito attorno al rifiuto dei tagli all’istruzione ed al decreto di precettazione varato dal governo, che entrerà in vigore dal 15 maggio – una misura già usata in passato, nell’inazione dei sindacati confederali, contro le lotte dei lavoratori del municipio di Atene, del trasporto pubblico e della marineria.

Già nei mesi scorsi era stata l’università a finire nel mirino del governo tripartito. Un settore a lungo risparmiato dalle misure di austerity più violente in virtù del tributo di sangue versato dagli studenti contro la dittatura dei colonnelli – che aveva portato all’inscrizione nella Costituzione dell’inalienabilità dell’istruzione a tutti i livelli ed alla sua gratuità. Ma che lo scorso marzo ha subito un drastico rovescio. Con l’approvazione della legge Athena in parlamento si è varato un piano di dismissioni ed accorpamenti di istituti universitari e politecnici – che si stima lascerà dalla prossima stagione un sesto delle medie-grandi città greche senza facoltà, licenziandone tutto il personale e costringendo gli studenti ad abbandonare gli studi o a trasferirsi altrove.

Le nuove misure dell’esecutivo Samaras contro la scuola superiore ampliano il piano dello scontro a tutto il mondo della formazione, connettendolo alle lotte di altri segmenti sociali rispetto alle draconiane misure imposte dalla Troika. Da una parte con le politiche di austerità e deterioramento delle condizioni di lavoro: si parla di licenziamenti di almeno 10.000 insegnanti di ruolo ed altre migliaia di supplenti, blocco delle assunzioni, trasferimenti forzati annui dei docenti, taglio degli stipendi fino al 30% nello scorso anno, aumento delle ore lavorative, aumento del numero di studenti per classe, erogazione di rimborsi al posto dei già insufficienti salari, aziendalizzazione degli istituti.

Dall’altra in termini di erosione dei diritti sociali, con gli attacchi sempre più frequenti e deliberati al diritto di sciopero tramite il già citato ricorso alla precettazione. Un istituto che già dal nome (in greco suona come “mobilitazione civile”) richiama periodi e forme di disciplinamento eccezionali, e che non era mai stato convocato in maniera anticipata rispetto ad uno sciopero. Non solo esso, secondo la legge greca, comporta il licenziamento, l’arresto e il carcere fino a cinque anni in caso di astensione dal lavoro; ma, se non revocato, impedisce qualsiasi azione di sciopero futura.

Il vero banco di prova si avrà tuttavia il 17 maggio, data per cui è stato indetto da parte degli insegnanti lo sciopero generale di settore in occasione degli esami di ammissione all’università. Uno stato di agitazione che potrebbe protrarsi per tutto il mese – e rappresentare un osso troppo duro persino per i più accaniti mastini della macelleria sociale.


Per comunicare dichiarazioni ed iniziative di solidarietà:

https://educationsresistance.wordpress.com/category/english/

 

Ultim’ora – le assemblee di base fino a questo momento votano per lo sciopero a grande maggioranza. Nel frattempo gli sbirri iniziano a consegnare i fogli di precettazione, in anticipo rispetto a quanto previsto dal decreto…la risposta dalle assemblee è secca: “Questi fogli di precettazione, li bruceremo!”

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

Greciainsegnantiprecettazione

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: ampia mobilitazione delle università, occupati la maggior parte degli Atenei contro la creazione di poli privati

Grecia. La lotta del mondo accademico e universitario ellenico si intensifica di giorno in giorno in vista della presentazione del controverso disegno di legge per la creazione di università private.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Grecia: università occupate contro la legge che equipara gli atenei privati a quelli statali

Più della metà delle facoltà della Grecia sono occupate da studentesse e studenti contro la scelta del governo conservatore di Kyriakos Mītsotakīs di aprire alle università private con una legge che le equiparerà agli atenei statali. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Grecia: l’attacco finale dello Stato contro il Rouvikonas

Da alcuni anni i militanti del collettivo vengono inquisiti sulla base di accuse false o pretestuose, che hanno come obiettivo la criminalizzazione dei movimenti e delle lotte sociali.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Trasporti: Salvini precetta lo sciopero del sindacalismo di base che replica “Confermiamo l’astensione e siamo pronti ad azioni di piazza”

Come era prevedibile l’incontro con il ministro dei Trasporti Salvini del 12 dicembre 2023 “si è concluso con un nulla di fatto” e di fronte all’ordinanza del leghista di ridurre la mobilitazione da 24 a 4 ore si  “conferma lo sciopero”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Grecia: migliaia in corteo ad Atene a 50 anni dalla rivolta del Politecnico contro i colonnelli fascisti

La Grecia si ferma venerdì 17 novembre 2023 per il 50mo anniversario della Rivolta studentesca del Politecnico di Atene contro la dittatura fascista dei Colonnelli, nel novembre del 1973, repressa nel sangue dai militari con almeno 24 studenti uccisi, decine di feriti e incarcerati.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lavoro: vittoria contro il sistema di reclutamento di insegnanti con l’algoritmo. Un tribunale da’ ragione ad un docente

Il Tribunale del Lavoro di Milano dà ragione ad un docente “saltato” dall’algoritmo che assegna le supplenze e condanna il Miur a risarcire al lavoratore lo stipendio non percepito, i contributi, il tfr e l’aggiornamento del punteggio perso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Riforma del lavoro in Grecia: spolpare le ossa di lavoratori e lavoratrici

La scorsa settimana in Grecia è stata approvata la nuova riforma del lavoro. Un ulteriore attacco diretto alle vite di lavoratori e lavoratrici da parte del governo conservatore di Mitsikatis, rieletto a giugno.