InfoAut
Immagine di copertina per il post

Bergamo, blitz nella sede della Lega Nord

Sangue Nostrum

Nella notte tra sabato e domenica un barcone proveniente dalle coste del nord Africa si è rovesciato nel canale di Sicilia. Si stimano
siano tra le 700 e le 900 le persone annegate. Al macabro conteggio vanno aggiunte le circa 400 persone di un barcone disperso pochi giorni fa e di cui non si ha più traccia. Ma i numeri sono tragicamente maggiori: migliaia di uomini, donne e bambini, giacciono sul fondo di quel tratto di mare che ci separa dal nord Africa, e che negli anni si è trasformato in un cimitero a cielo aperto. Uomini, donne e bambini, il più delle volte in fuga verso un desiderio di pace, tranquillità, o semplicemente di vivere una vita diversa, di soddisfare i propri bisogni, i propri desideri: girare il mondo, che per un occidentale assume tratti di avventura romantica, per la maggior parte degli abitanti del pianeta si traduce in frontiere, controlli e morte.

Ci si aspetterebbe che il ruolo da cerniera tra nord e il sud del mondo che riveste il nostro paese abbia garantito quantomeno un’attenzione particolare alla tematica migratoria; la triste realtà è che questo tema è stato unicamente trattato ad uso e consumo di sciacalli e assassini che, ancora con le mani sporche di sangue, non trovano la decenza di tacere. Tra tutti, spicca per responsabilità e indegnità la Lega Nord. Certo non i soli responsabili, ma i primi che negli anni hanno fondato un’imprenditoria politica sulla contrapposizione ai migranti, generando una narrazione tossica indubbiamente colpevole dei tanti morti nel Mediterraneo. E ancora, nel più spregevole dei gesti, quello di dimenticare, di perdere memoria anche di tragedie successe solo pochi anni fa, tornando a parlare di blocchi navali, immemori del fatto che un blocco già fu imposto nel 1997.

Quella volta si parlava di Albania, e a soli due giorni dalla sua indizione, lo speronamento della nave Kater i Rades da parte di un mezzo della marina militare provocò la morte di 81 persone e 27 dispersi. In quei giorni al governo c’era l’Ulivo con Prodi e la Lega faceva da opposizione. Nei governi a seguire, saldamente ancorata alle poltrone di Roma, la Lega fu promotrice delle più scellerate legislazioni in materia di migrazione che la storia repubblicana ricordi, e che portarono alla situazione attuale. Dalla Bossi-⁠Fini, al favoreggiamento del sistema mafioso di accoglienza dell’emergenza a seguito della caduta del regime tunisino, al reato di clandestinità, alle tante ordinanze sindacali dei comuni a giunta leghista, discriminatorie e persecutive nei confronti dei migranti.

Poche le voci di contrasto negli anni, con una destra che cavalca odio e paura verso i migranti, e una “sinistra” tesa all’insegumento con il terrore di perdere consenso: chi si ricorda la Turco-⁠Napolitano (QUEL Napolitano), progenitrice dei CPT/⁠CIE?

Anche dopo queste ennesime morti lo scenario è ripetitivamente terrificante nella sua inadeguatezza e ottusità: il premier Renzi, a fianco di generali in divisa, dovendosi districare tra l’intervento di terra in Libia e il blocco navale, sceglie di appellarsi all’Europa, quella di FRONTEX per intenderci, riducendo tutto ad un’operazione di polizia internazionale contro il traffico di uomini.

In sostanza quello che l’Unione Europea già sta facendo da anni e che non ha portato a soluzioni concrete. Blocchi navali, interventi di terra, accordi bilaterali tra stati, e via dicendo, sono misure fallimentari che produrranno solo più morti e più soldi nelle mani degli scafisti.

L’unica soluzione possibile è l’apertura immediata di un corridoio umanitario, permessi di soggiorno slegati dal lavoro, percorsi di inserimento sui territori reali e non a vantaggio delle strutture di accoglienza, immediata apertura dei confini interni all’Europa anche per i non comunitari.

Il diritto alla mobilità non può essere fermato dai confini, siano essi tra gli stati o negli immaginari di sciacalli e razzisti.

PER LA LIBERTÀ DI MOVIMENTO
NO ALLA FORTEZZA EUROPA

c.s.a. Pacì Paciana

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

bergamolega nordmigrantirenzisalvini

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’Ungheria è vicina

Mentre la polizia manganella studenti e ambientalisti e trattiene in questura dimostranti e giornalisti durante le manifestazioni, la maggioranza prepara una nuova stretta repressiva prevedendo il carcere fino a 25 anni per il reato di resistenza in manifestazioni contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fino a 25 anni di carcere a chi manifesta per “impedire di realizzare un’opera pubblica”

Con un emendamento presentato al ddl sicurezza dal deputato Igor Iezzi, attualmente in discussione in commissione Affari Costituzionali, la Lega propone l’inserimento di una nuova aggravante dei reati contro la pubblica incolumità che sembra ritagliata sulla variegata rete di attivisti che da anni protestano contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messina: l’inganno del ponte

Mark Twain ha detto un giorno che «è molto più facile ingannare la gente, che convincerla che è stata ingannata».

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’accusa si basa su testimoni compromessi – Il processo Iuventa si sgretola!

L’audizione ha contribuito a far emergere i secondi fini e la assoluta mancanza di credibilità dei testimoni su cui l’accusa ha costruito l’intero caso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

27 gennaio: in Italia cortei per la Palestina vietati, confermati o…posticipati

In Italia ieri, sabato 27 gennaio 2024, diverse manifestazioni per il popolo palestinese, come accade costantemente ormai dall’ottobre 2023. In mezzo ci sono le Questure che hanno disposto, con prescrizioni, il divieto dei cortei.