InfoAut
Immagine di copertina per il post

SPECIALE BANLIEUE Uno sguardo intersezionale sulle rivolte

Per questa puntata abbiamo intervistato Benzz, militante femminista e antifascista che vive da anni a Marsiglia. Un’intervista molto interessante che ci offre diversi spunti rispetto al nodo della colonialità e a come questo si intreccia con il tentativo di colpevolizzare le famiglie, ed in particolare le donne da parte dello Stato.

Qui la raccolta degli articoli dello Speciale Banlieue

Il 27 giugno 2023 Nahel è stato ucciso da un poliziotto. Il video che è stato girato mostra un poliziotto che, in un controllo in strada, segue e ferma una macchina con al volante Nahel, punta a qualche centimetro il suo fucile e gli dice che se non ubbidisce gli tira un colpo in testa. Il suo collega lo appoggia e gli dice “Dai, tiragli addosso”. Il ragazzino cerca di partire e il colpo di fucile parte. Altri ragazzini avrebbero potuto trovarsi al suo posto, o almeno hanno già avuto delle relazioni di disprezzo con la polizia. In Francia essere percepito come un giovane nero o arabo comporta un rischio venti volte maggiore di essere controllato dalla polizia. Quindi implica anche che gli uomini razzializzati corrono più rischi solo per il fatto di esistere. Secondo me chi scende in strada nelle rivolte in questi giorni sono dei potenziali Nahel, delle persone giovanissime (l’età media è di 17 anni) che hanno già avuto dure esperienze con la polizia che li controlla, li brutalizza, li traumatizza a partire dalle più giovani età. Io non sono cresciuta in un quartiere periferico di Francia, ma ho lavorato e fatto progetti in quei quartieri periferici e sono stata spesso testimone delle calate massive di poliziotti a tutte le ore del giorno e della notte che implicavano ragazzi, soprattutto adolescenti, neri ed arabi con intorno i bambini dei quartieri che assistevano al trattamento. Queste aggressioni avvengono soprattutto contro le persone razzializzate che crescono in zone di non-diritto. Voilà, qualche cifra che mostra il disprezzo istituzionale verso queste zone: cominciamo dalla scuola. La descolarizzazione è alle stelle in questi quartieri, il 50% dei giovani non finisce gli studi superiori, gli edifici scolastici sono in pessimo stato, i professori non sono stati sostituiti per lunghi periodi, gli orientamenti proposti ai giovani sono spessissimo professionali, come fare la segretaria, il muratore al fine di creare un sottoproletariato che lavora a poco prezzo. Non ci sono filiali generali come il liceo classico o scientifico. Può sembrare assurdo, ma in Francia è così. In questi quartieri più del 42% delle persone vive sotto la soglia di povertà, il 25% è disoccupato con picchi tra i giovani tra il 30 ed il 50%. Sono aree che mancano di servizi sociali e sanitari e di trasporti pubblici. Discriminazione al lavoro e agli stages. In questo stato di cose ingiuste è chiaro che la situazione è pronta ad esplodere in ogni momento. Come si è visto per Nahel, lui è stato dipinto dai media come un potenziale colpevole perché di Nanterre, cioè delle banlieue, perché potenzialmente delinquente, perché sicuramente era minaccioso, perché forse ha messo in pericolo la vita dei poliziotti, che è stata la prima versione che la polizia ha dato, prima che il video dell’assassinio circolasse. Nei media televisivi classici, come potrebbero essere Rai o Mediaset in Italia, i dibattiti erano a questi livelli e gli avvocati di Nahel hanno minacciato di denunciare a più riprese politici che non smettevano di dire che lui era conosciuto dai servizi di polizia o altre calunnie. Come se questo desse diritto ad uccidere. Per questo come afferma la sociologa Kaoutar Harchi Nahel era quindi “uccidibile”, i neri razzializzati rischiano perennemente la pena di morte. Quando non c’è giustizia non c’è pace si dice spesso in questi giorni, o come ha detto il rapper Médine in un tweet: “Quando la giustizia è violenta, la violenza è giustizia”.

Una grossa premessa di quanto è accaduto è stata la modifica di una legge che disciplina l’uso delle armi da fuoco da parte della polizia, equiparandola allo stesso livello dei gendarmi. Prima i dipendenti pubblici erano soggetti al codice penale e dovevano dimostrare l’autodifesa come qualsiasi altro cittadino. Quindi se la polizia utilizzava un’arma doveva dimostrare perché l’aveva fatto, invece con questa nuova legge del 2017 è stato specificato che l’uso delle armi è autorizzato solo in caso di assoluta necessità e in maniera proporzionata: ciò significa che se il poliziotto si sente in pericolo può colpire. Chiaramente il concetto di necessità e di pericolo sono completamente arbitrari, quindi il poliziotto lo sceglie in qualche secondo se può colpire o no. Da quando c’è questa legge i morti per mano della polizia sono aumentati del 40%. La maggioranza sono giovani, uomini e razzializzati.

Le rivolte sono esplose in periferia principalmente nelle grandi città, ma a differenza del 2005 anche nelle medie città ed in quelle più piccole. Un’altra differenza è che questa volta le persone hanno attaccato anche altri quartieri oltre a quelli dove abitano. Dunque i quartieri che fino ad ora non erano stati coinvolti hanno preso colpi, come ad esempio a Marsiglia il vecchio porto e a Parigi certi quartieri del centro.

C’è da specificare che le rivolte non sono iniziate nel 2005, ma che i crimini polizieschi hanno radici profonde come mostra il sociologo Marwan Mohammed che dice: “i disordini legati al dramma di Nanterre fanno parte della continuità delle rivolte precedenti. Dagli anni ‘70 ci sono state mobilitazioni, ci sono state rivolte contro la violenza, contro i crimini della polizia. Siamo cresciuti in crescendo nel 2005 con grandi aspettative, in particolare nei cambiamenti del comportamento dello Stato attraverso la sua polizia nei confronti di un certo numero di questi cittadini, soprattutto le classi lavoratrici e le popolazioni provenienti da immigrazione post-coloniale. Da questo punto di vista le aspettative sono state deluse, al contrario le cose sono nettamente peggiorate”. Dunque le rivolte sono cominciate subito dopo l’indipendenza dell’Algeria: ci sono stati grandi crimini contro le popolazioni immigrate ed i lavoratori discendenti dalle ex-colonie. Rispetto al 2005 rilevo alcune novità già a partire dal fatto scatenante: esiste un video dell’omicidio di Nahel a differenza del 2005 e della morte di Zyed Benna (17 anni) e Bouna Traoré (15 anni). Questo ha cambiato tutto perché mentre Sarkozy ha difeso apertamente l’operato della polizia, di fronte alla prova del video Macron ha dovuto ammettere che quanto successo era innaccettabile, come anche il ministro dell’Interno Darmanin nonostante all’inizio avesse tentato di sviare. Altre differenze sono state il ruolo dei social network come strumento di organizzazione delle proteste e l’intensità delle rivolte senza precedenti. Rilevo inoltre che questa volta tra gli obiettivi dei rivoltosi vi erano, a differenza del 2005, i simboli del capitalismo, come negozi di lusso, grandi marche e centri commerciali. Questi obiettivi a mio parere sono stati in parte ispirati dal ciclo di mobilitazione dei Gilet Jeunes, ma credo che queste lotte rimangano comunque abbastanza separate e parcellizzate. Non si è verificato ad oggi un legame concreto tra questi movimenti e la dimostrazione è la reazione debole agli arresti massicci di ragazzi giovanissimi avvenuti durante le rivolte.

D’altro canto lo Stato disprezza e reprime, in coerenza con la continuazione coloniale vede queste rivolte come selvagge, primitive. Le retoriche che vengono utilizzate sono del tipo “i giovani pensano di essere in un videogioco”. Quindi è evidente che non si vuole inquadrare il problema nei suoi aspetti profondi. C’è forte lo stigma dell’arabo, del nero aggressivo che si fa prendere dalla collera e non è più in grado di ragionare e riflettere. Per i media non è un essere umano, ma un primitivo, un selvaggio.

Dunque la colpa viene addossata alle famiglie e visto che la maggiorparte delle famiglie sono monoparentali, spesso tenute in piedi da madri sole la responsabilità viene attribuita a loro che non sarebbero in grado di educare i figli e dunque di fare il loro “dovere”. A mio parere ciò che c’è di più grave nella risposta dello Stato sono gli arresti di massa e le pene esemplari come richiesto dal ministro della giustizia Dupond-Moretti. Si procede per comparizione immediata dopo gli arresti durante le azioni, dunque gli avvocati non hanno il tempo di studiare i dossier e le pene che vengono comminate sono pesantissime. Gente che per aver rubato un formaggio ha preso quindici mesi di carcere. Quindi attenzione a romanticizzare le rivolte, perché questi ragazzi giovani stanno pagando molto duramente e c’è bisogno di costruire un sostegno nei loro confronti (alleghiamo qui il link alla raccolta fondi diffusa per sostenerli).

In sostanza credo che queste rivolte vadano lette con uno sguardo intersezionale, in cui la questione della colonialità e del genere vanno integrate ad una visione di classe.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

colonialismodonneFranciarivolteSPECIALE BANLIEUE

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Uno sguardo sulle barricate studentesche in Francia

Da quando gli studenti hanno occupato la Columbia University in solidarietà con i palestinesi, le occupazioni e gli accampamenti studenteschi contro il genocidio a Gaza si sono diffusi a macchia d’olio, oltre cento università sono state occupate in tutto il mondo, un vasto movimento che richiama alla memoria le mobilitazioni contro la guerra in Vietnam.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: La polizia sgombera la Sorbona, occupata dagli attivisti in solidarietà con la Palestina

Pochi giorni dopo una manifestazione in solidarietà con il popolo palestinese a Parigi, la polizia è entrata alla Sorbona per sgomberare gli attivisti che avevano montato delle tende all’interno degli edifici universitari.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: sostegno alle 17 persone arrestate dalla polizia antiterrorismo in seguito alla campagna di azione nazionale contro il mondo del cemento

Lunedì 8 aprile, 17 persone sono state arrestate in Normandia e nell’Ile de France in un’operazione condotta dalla Sottodirezione antiterrorismo. Alcuni di loro sono stati portati nella sede di Levallois-Perret e potrebbero rimanerci per 96 ore.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.