InfoAut
Immagine di copertina per il post

SPECIALE BANLIEUE | Toute la symphonie ardente

Apriamo questa nuova pagina di approfondimento rispetto alla vicina Francia, per comprendere quanto sta accadendo e per trarne alcuni spunti interessanti da convogliare nella nostra riflessione in questa fase e nel nostro agire.

In un panorama scompaginato da cicli di mobilitazione di massa e apici di proposte organizzative all’avanguardia, in questo anno francese oggi vediamo anche la discesa in campo della composizione giovanile, razzializzata, il soggetto “delle banlieues” che, tra gli altri, agli occhi nostrani costituisce un immaginario affascinante ma poco compreso e comprensibile, foriero di scorciatoie interpretative e paragoni fuorvianti. In queste ultime settimane le rivolte scatenatesi a seguito dell’omicidio di Nahel da parte di un poliziotto durante un controllo, mostrano un ulteriore aspetto del panorama politico francese con il quale confrontarsi.

Abbiamo raccolto dunque alcune interviste grazie a una serie di contatti, tra i quali Atanasio Bugliari Goggia autore di “Rosso Banlieue”, tramite il quale abbiamo potuto ottenere informazioni di prima mano, ad esempio con una importante intervista ad Abdelaziz Chaambi, ex presidente dell’associazione Coordination contre le Racisme et l’Islamophobie (CRI) resa illegale e sciolta nel 2021 da parte del ministro degli Interni.

Intanto, la prima domanda che abbiamo voluto porre ai nostri interlocutori è stata: cos’è cambiato dal 2005 ad oggi.

Se, da un lato, abbiamo visto un peggioramento delle condizioni materiali di vita nelle banlieue, come sottolinea Atanasio: “il contesto sociale è peggiorato pesantemente in Francia quindi quella tendenza verso una crisi del lavoro e una conseguente crisi di sopravvivenza per ampie fasce della popolazione si è acuita. Sempre più gente vive di espedienti, di lavori precari, una classe medio-bassa che all’epoca riusciva a vivere e adesso non ci riesce più e si è concentrata principalmente in banlieue”, dall’altro lato, possiamo parlare di una cesura vera e propria. Il dato dal quale partire è che la mediazione è saltata.

Se nel 2005 le rivolte permettono alla politica di inaugurare una nuova fase di propaganda, in un continuum che andava dalla proposta di “soluzioni” alla ricerca di un’integrazione possibile, nella forma della divisione tra buoni e cattivi, all’emergenza di nuove forme di repressione, facendo di quella fase un test di tenuta e di riorganizzazione dello Stato nelle sue articolazioni, oggi non vi è possibilità di mediazione. Perché Macron e il suo establishement, e ciò che rappresentano in termini generali come élites europee, sono disposti a far scendere in strada oltre 45 mila forze di polizia, tra i quali l’antiterrorismo e l’esercito, come risultato per certi versi dell’assenza di soluzioni palliative ma, soprattutto, come risultato dell’attacco su più fronti dato dai differenti movimenti degli ultimi anni, che ha visto il suo apice recentemente.

Nel 2005 la Repubblica francese agiva in modo schizofrenico poiché, a partire dalle parole del ministro dell’interno (all’epoca Sarkozy) fino ad arrivare al disinteresse dei media mainstream, gettava benzina sul fuoco già divampato nelle banlieues e, soprattutto, non voleva rendersi conto di essere il primo responsabile della crisi delle periferie, che ad un certo punto è scoppiata. La mercificazione dei beni e dei servizi pubblici, la scuola, la sanità, l’alloggio, la sicurezza stessa come puro incremento della presenza della polizia, l’oppressione giudiziaria, sono tutti motivi per i quali le banlieues bruciano. Oggi lo Stato non si pone nemmeno più il problema di mettersi il vestito buono da Stato democratico, oggi manda l’esercito e uccide, ancora. Oggi un poliziotto che uccide un giovane (musulmano) “vince all’Enalotto”.

Questo avviene in un contesto in cui sono avvenuti numerosi cambiamenti a livello sociale e politico, negli ultimi anni le associazioni, le organizzazioni, i collettivi, quel che rimaneva delle agenzie formative in un tessuto sociale disgregato vengono resi illegali, molti punti di riferimento per la “comunità” musulmana vengono cacciati dalla Francia, oggi come dice Abdelaziz “questa politica la vedo in controluce, l’idea è di distruggere tutto ciò che può essere simbolico (ndr. Che possa costruire un immaginario collettivo) e tutto ciò che può essere organizzazione collettiva”. Questo oggi vale per le banlieues ma inizia a valere anche per altri soggetti, lo si vede nella criminalizzazione delle lotte, nella fondazione di nuovi termini come «eco-terrorismo», nuovi nemici interni, nati in un processo di fascistizzazione del contesto sociale francese. Questo si evince dal fatto che lo Stato stesso si trovi schiacciato nella sua stessa trappola, un ricatto che delega sempre maggior potere alle forze repressive, di polizia e sicurezza, nell’impunità più totale.

Oggi lo Stato si trova davanti al suo fallimento, il modello di integrazione capitalista si sgretola sotto i suoi occhi. Se negli anni che precedono questa fase il paradosso dello Stato francese era evidente nella tensione a voler inserire i giovani immigrati nella società, attraverso associazioni solidali radicate nei quartieri sensibili, che promuovessero l’integrazione e la pacificazione, oggi questo non esiste più. E non esiste più perché quel modello portava in sé i germi del fallimento, in quanto si è sempre trattato di un’integrazione in una società che ha esaurito le sue risorse e che, come dice Yann Mouliere Boutang in un saggio del 2005 dal titolo “Le rivolte delle banlieues o gli abiti nudi della Repubblica”, «c’est le modèle d’intégration français qui brûlait avec les émeutes. Beaucoup plus que quelques carrosseries (era il modello di integrazione francese che bruciava nelle rivolte. Molto di più che qualche carrozzeria)”. Allora furono un “avvertimento politico”, inascoltato ovviamente, ma sintomo e espressione di quella fase che oggi ha raggiunto nuovi codici e cambiato i riferimenti.

Oggi quindi occorre leggere questi eventi alla luce di un’analisi di fase aggiornata. Per farlo riportiamo qui alcuni passaggi di un intervento di un compagno parigino durante un incontro all’Università di Torino.

“Bisogna sempre riguardarsi dal dire che stiamo vivendo in un momento eccezionale, ma questo è un momento cerniera sia nella fase politica negli ultimi 10 anni in Francia sia per il movimento: c’è al centro una questione abbastanza semplice ovvero lo smantellamento di uno degli ultimi stati sociali in Europa. In Francia c’è una crisi della Quinta Repubblica, della sua egemonia caratterizzata da una crisi di un elemento importante ovvero il naufragare del sistema bipartisan con il partito socialista che sempre di più ha intrapreso una strada neoliberale in tutto e per tutto. Per cui questo processo è tradotto da 3 elementi importanti:

  • l’evoluzione del macronismo che è una continuazione delle politiche liberali e da un lato coltiva aspetti del modernismo iscritte in una tradizione socialista applicate con una modalità di destra, le caratteristiche del governo Macron son quelle di darsi un’aria autoritaria forte di controllo della società, ma la sua maggioranza non è assodata, il suo partito e le persone a suo favore non smettono di diminuire.
  • L’altro elemento è l’emergenza di una sinistra, sinistra di rottura di Melanchon, France Insoumise, che è una rottura di tipo politico istituzionale perché mette in primo piano le conquiste sociali e i temi ecologisti e che cerca un legame tra la politica istituzionale e i movimenti di piazza.
  • Il rilancio dell’estrema destra, la sola alternativa anche perché non è mai salita al potere per ora.

Questa configurazione politica è data dalla successione di diversi governi degli ultimi anni da Hollande in poi caratterizzati da un’offensiva continua delle garanzie sociali in Francia, da una politica neoliberale e autoritaria iniziata con la Loi Travail e altre che attaccano i diritti dei disoccupati, leggi antisociali in generale e dall’altro lato leggi che aumentano il potere delle forze di polizia. Questa aggressività neoliberale si accompagna con differenti lotte che dalla seconda metà degli anni ’10 diventano estremamente straordinarie, da un lato le lotte che portano avanti istanze ecologiste, femministe, antirazziste e che vanno in una direzione di ricomposizione ad esempio nel caso di Notre Dame De Landes, o più recentemente Soulèvement de la terre. Oppure le lotte contro le violenze poliziesche nei quartieri popolari con le lotte per la giustizia per le vittime della polizia accompagnate da movimenti sociali più classici come il movimento contro la legge sul lavoro del 2016 e l’introduzione di nuove pratiche all’interno di questi stessi movimenti come per esempio il corteo di testa del 2016 e un insieme di soggetti diversi, da una componente più autonoma, dai sindacati di base ai quartieri popolari. Un altro movimento che bisogna citare ovviamente è quello dei gilets jeunes straordinario per diversi motivi per la sua intensità, per la sua spontaneità al fatto che sia stato inatteso e che al suo interno ci fossero due elementi importanti. Da un lato è emersa la costituzione di comunità temporanee, ovvero le assemblee e l’occupazione delle rotonde, presidi costruiti in quel movimento e dall’altro lato l’aspetto conflittuale che si è mosso dalla periferia verso il centro, ad esempio attaccando i quartieri più ricchi della città. Un paesaggio politico appassionante: di fronte vediamo una crisi dello stato e della controparte dall’altro una vitalità straordinaria, un inventario pazzesco delle pratiche, che vanno tutte nella direzione di ricomposizione dei vari soggetti.”

Dunque, per dare spazio ai contributi raccolti, giungiamo a un ultimo aspetto di questo ragionamento che può aprire a riflessioni in prospettiva. Secondo Atanasio “Il fatto che possa esserci una connessione tra i “razzializzati” della banlieue e i movimenti politici bianchi di città è il vero terrore per le istituzioni. Ed è un terrore anche fondato per certi versi, perché a mio parere un riavvicinamento tra i movimenti di città e i movimenti di banlieue è ancora molto complesso sul piano politico, perché vi è una storia di incomprensioni che va avanti da molti decenni su cui non mi soffermo e su cui occorrerebbe un incontro politico, ma le nuove generazioni di militanti sembrano iniziare a lasciarsi alle spalle queste vicende.”

Sul piatto c’è dunque una possibile vittoria o una possibile disfatta che potrebbe creare frustrazione e un ulteriore scivolamento a destra, che si dà su una questione principalmente: esiste una ricomposizione possibile? È una domanda che rimane aperta, per quanto ora anche i movimenti classici (bianchi, sindacalizzati, ecologisti più radicali) vedano riprodotte su di loro le forme della repressione utilizzata nei confronti dei soggetti che abitano le banlieues, è in corso un riavvicinamento politico seppur ancora problematico e non scontato, reso ancor meno banale in un orizzonte di crisi delle militanze.

E, per concludere questa introduzione, riportiamo una chiosa dell’intervista ad Atanasio “Queste forme di repressione sempre più eclatanti sono destinate ad aumentare nel tempo. Quello che possono insegnare a noi in Italia queste le banlieue francesi è che è necessario insistere con un lavoro politico sulle periferie perché se è vero che secondo me noi non abbiamo un proletariato di periferia cosciente come quello francese, è altrettanto vero che quel poco che rimane delle strutture politiche di movimento avevano avuto a che fare con i potenziali giovani rivoltosi delle periferie italiane e questa era una ricchezza. Una connessione che si è un po’ persa per questioni oggettive e soggettive.” Che possa essere di buon auspicio.

Contestualmente a questa introduzione pubblichiamo l’intervista ad Atanasio Bugliari Goggia che ci guida in alcune prime ipotesi di lettura. Il resto dei materiali verrà pubblicato a puntate nei prossimi giorni.

Articoli dello SPECIALE:

“Una nuova classe operaia in formazione”. Intervista con Atanasio Bugliari Goggia

“Sono rivolte, non sommosse”. Intervista ad Abdelaziz Chaambi

“I quartieri sono i grandi dimenticati”

Uno sguardo intersezionale sulle rivolte

“La logica della ferocia”. Intervista a Mathieu Rigouste

“Vogliamo che questi prigionieri vengano rilasciati”. Intervista al rapper Médine

Altri materiali utili:

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAbanlieueFranciamacronrivoltaSPECIALE BANLIEUE

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ilaria Salis: un voto che (per una volta) serve

Se la campagna per la sua liberazione passa attraverso le urne andremo a cercare dove diavolo è finita la tessera elettorale e faremo la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Tamburini di guerra

Mentre gli stati continuano ad ammassare armamenti il tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica sull’inevitabilità della guerra raggiunge nuove vette, tra giornalisti che lodano i benefici per l’economia dell’industria delle armi, propaganda nelle scuole e proposte politiche scellerate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Palestina, il “senso storico” e noi

Quanto sta accadendo in Palestina crediamo sia un elemento chiarificatore. Lo è sicuramente per le masse che si sono messe in movimento per sostenere la popolazione di Gaza non solo nel mondo arabo, ma anche in tutto l’Occidente.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Salvini: una vita al servizio dei potenti

La nuova trovata di Salvini: una campagna d’odio verso l’islam per distrarre l’opinione pubblica dal genocidio in corso a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Caselle: la propaganda di guerra uccide

Lo schianto della Freccia Tricolore che ha ucciso una bambina di cinque anni ha scosso il paese. Quanto avvenuto però merita una riflessione più profonda sulla militarizzazione della società e sul concetto di sicurezza.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Uno sguardo sulle barricate studentesche in Francia

Da quando gli studenti hanno occupato la Columbia University in solidarietà con i palestinesi, le occupazioni e gli accampamenti studenteschi contro il genocidio a Gaza si sono diffusi a macchia d’olio, oltre cento università sono state occupate in tutto il mondo, un vasto movimento che richiama alla memoria le mobilitazioni contro la guerra in Vietnam.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: La polizia sgombera la Sorbona, occupata dagli attivisti in solidarietà con la Palestina

Pochi giorni dopo una manifestazione in solidarietà con il popolo palestinese a Parigi, la polizia è entrata alla Sorbona per sgomberare gli attivisti che avevano montato delle tende all’interno degli edifici universitari.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Conferenza stampa sui fatti di ieri a Torino in occasione della contestazione ai ministri del G7 Ambiente e Energia

La militarizzazione della città deve essere denunciata a fronte della violenza delle cariche della polizia e Torino come laboratorio della violenza è qualcosa di ben noto.