InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina: Sono tornati i piqueteri. Torna il metodo?

Sembrava che in Argentina si fosse perso il concetto di “piquetero”, questa categoria che circolava con naturalezza tra coloro che lottano e di disprezzo nei tecnicismi ministeriali. Come se la parola “Piquetero” fosse scomparsa dalla strada e dai media.

di Ricardo De Udaeta

Almeno da più di 7 anni, la parola nemmeno si menzionava in modo massiccio. Sebbene fosse nella memoria, quasi nessuno rivendicava questo ribelle collettivo sociale e politico. Ha smesso di essere menzionata.

Una battaglia che sembrava che la stampa di massa e i governi di turno avessero vinto.

Molte organizzazioni che fanno parte di questi concetti e metodi sono state catturate dalle gestioni governative e sono sedute su una poltrona di qualche ufficio che di solito si offre a coloro che lottano, come meccanismo disciplinatore di future ribellioni. I governi portano avanti politiche governative di disciplinamento e armonizzazione del conflitto sociale.

Non tutto si compra né tutto si vende.

Negli ultimi due anni la categoria di “Piqueteri” è tornata ad occupare un posto nel linguaggio delle organizzazioni sociali e nella stampa audiovisiva.

Questa volta è stata la metodologia dell’accampamento e delle mense popolari quella che si è tornati a mettere in scena; il nome “Piquetero”, così demonizzato da alcuni settori e così banalizzato tra, prima gli stessi e ora gli estranei.

Il blocco nazionale piquetero ha iniziato, in modo scaglionato, diverse misure di lotta nelle quali con l’andar del tempo si è tornati a menzionare la parola “piqueteri”. Questa parola ha avuto una dimensione nazionale e di massa quando sono state ottenute richieste di unità della maggioranza delle organizzazioni sociali indipendenti dai governi.

È stata l’Unità Piquetera che è venuta ad avvertire che questo soggetto politico e combattivo non lo avrebbero consegnato né messo in ginocchio.

Sembrava che mettere negli uffici alcune organizzazioni fosse sufficiente a cancellare dalla memoria e dall’immaginazione collettiva uno degli strumenti più contestatori che ha saputo creare il nostro popolo. Si sono sbagliati.

Il concetto “Piquetero” è tornato ad occupare le strade e a riappropriarsi della sua degna storia.

Insieme alla ritirata dalla scena nazionale del concetto “piquetero” abbiamo anche visto come l’incendio di copertoni nei ponti, nelle vie e nelle strade ha smesso di essere presente quotidianamente in ciascun piano di lotta e per più di 7 anni è stato nullo l’incendio di gomme in ponti e strade, soprattutto nella grande Buenos Aires.

Il metodo è stato così demonizzato che a volte in alcune strade venivano portati dei copertoni solo per mostrarli, senza che fossero bruciati.

L’odore di gomma bruciata ha reso nervosi governanti ed ecologisti.

Questa fiamma che hanno cercato di spegnere da parte della stampa di massa, dei governativi e dell’ambientalismo, è sempre stata di somma utilità per evitare che il freddo invernale calasse nel corpo o che qualcuno premesse l’acceleratore togliendo la vita a qualche compagno o, nel minore dei casi, mettendola a rischio.

È notevole il richiamo che può generare un copertone in fiamme su qualsiasi asfalto centrale.

Quando le note inviate ai ministeri non ricevono risposta, le marce di fiaccole non sono tenute in conto, le mense sono vuote e dei giorni di accampamento non ce se ne cura come si dovrebbe, i copertoni cominciano ad essere bruciati.

Questo martedì 9 maggio è tornato questo metodo che sembrava estinguersi.

Il movimento piquetero è tornato a bruciare i copertoni in piena Avenida 9 de Julio di fronte al Ministero dello Sviluppo Sociale della Nazione, diretto da Victoria Tolosa Paz.

Quando dico movimento piquetero mi riferisco a coloro che lottano nelle strade e a coloro che credono che la lotta sia un degno strumento dei popoli.

Quando dico movimento piquetero non mi riferisco a coloro che una volta vi hanno appartenuto e attualmente abitano agenzie di pratiche amministrative istituzionaliste, realizzano transazioni statali per qualche piccolo posto nelle liste o amicizie politiche.

I piqueteri, i picchetti e i copertoni: sono tornati.

Sono tornati come esperienza accumulata dal popolo.

Un popolo che non si lascia piegare e convincere dai profumati di sempre, quei leccapiedi e cerca voti che provvisoriamente occupano gli uffici e si nascondono al calore della stufa statale.

Il bastone e il cappuccio sono tornati alla lotta?

Anche il bastone e il cappuccio sono un’immagine che da alcuni anni ha smesso di essere vista nei diversi piani di lotta e non è più menzionata nel linguaggio nazionale.

Ancora non si è tornati a riprenderli. Ancora.

10 maggio 2023 

Tramas

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinaPIQUETEROS

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Un’altra provocazione di Milei che annuncerà un indulto per i genocidi

Il presidente Javier Milei, su richiesta della sua vicepresidente Victoria Villarruel, ha deciso che il prossimo 24 marzo concederà un indulto a tutti i militari genocidi

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il primo sciopero generale contro Milei e lo smantellamento dello stato

Javier Milei ha affrontato il suo primo sciopero generale soltanto dopo sei settimane dall’essersi insediato alla presidenza con un piano di governo che punta ad una riduzione minima dello stato, stabilendo un nuovo primato, dopo aver superato il primato di tre mesi che ostentava Fernando de la Rúa.