InfoAut
Immagine di copertina per il post

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Invece negli anni di governo di Joe Biden, nonostante i molti guai giudiziari, Trump ha consolidato nuovamente la propria base di consenso ed ad oggi ha già in tasca la nomitation come candidato presidenziale repubblicano. Abbiamo analizzato il trumpismo da più punti di vista, ma sempre con una certezza: non si trattava di un fenomeno né transitorio, né tantomeno contingente.

Può apparire paradosale, ma il trumpismo è addirittura per certi versi un movimento ancora in fase di espansione: molti sono gli intellettuali ed i personaggi pubblici della sinistra radicale statunitense che in questi anni sono stati attirati dal buco nero, che si sono arruolati nella cosiddetta “destra dissidente”, spesso non solo per un tornaconto economico e personale, ma come ci spiega “In These Times” per quella che appare come una vera e propria crisi ideologica. Molti sono stati sedotti dalla narrativa working class del trumpismo, ancora presente, altri si sono progressivamente avvicinati a figure della destra radicale a partire dalla critica alla sinistra liberale.

Ciò ha dell’incredibile se si considera che la costante trumpiana ha oggi sciolto molte delle sue ambiguità di partenza nella direzione proprio di una guerra civile per adesso mediata dalla politica. Ci sono pochi dubbi rispetto al fatto che se Trump verrà rieletto assisteremo ad una “politica della vendetta” che attaccherà frontalmente tutti i settori sociali che si sono opposti alle sue politiche in passato. D’altro canto i cicli di movimento che hanno fatto tremare il trumpismo sono stati vampirizzati e repressi come sostiene Phil Neel in questa sua recente intervista:

Queste forze progressiste hanno ovviamente beneficiato enormemente della rivolta e continuano a farlo, senza offrire alcun sostegno a coloro che hanno subito questa orribile repressione e senza nemmeno pronunciare i nomi di coloro che sono stati uccisi, feriti e imprigionati. E non mi riferisco solo al fatto che ogni azienda apponga un adesivo BLM sul proprio marchio o all’abbraccio culturale generale di cose come l’equa rappresentanza e vaghi temi di giustizia sociale. È molto più di questo. La riabilitazione del Partito Democratico, per quanto a metà, è stata possibile solo perché la rivolta ha finalmente convinto queste forze che dovevano effettivamente incorporare alcuni di questi temi progressisti nei loro programmi. È proprio quello che è successo con la campagna di Biden e nelle successive elezioni di metà mandato. Troppe persone hanno riconosciuto la desolazione del mondo che ci circonda. La vecchia equazione centrista di far finta che tutto vada bene semplicemente non funzionava più – e naturalmente Trump lo ha dimostrato in modo decisivo.

In definitiva, non dovrebbe sorprenderci: è quello che succede sempre dopo le grandi rivolte. E più si va avanti, più bisogna impegnarsi nel processo di negazione e recupero. Né questa cecità è solo una cosa promossa dai liberali. Non credo che nessuno a “sinistra” abbia assorbito appieno la realtà di ciò che è accaduto. Quando se ne parla, lo si fa spesso con lo stesso registro di altre forme di lotta più limitate, e si sente sempre lamentarsi della presunta “mancanza di organizzazione”. Nessuno ha ancora fornito qualcosa di diverso da questi resoconti giornalistici di sinistra che cercano di offrire una telecronaca di ciò che è accaduto o di suddividere gli eventi in categorie demografiche troppo ordinate. E anche questi sono stati troppo limitati, concentrandosi su una o due città senza cogliere realmente la diversità di come la rivolta si è svolta nei diversi luoghi. Ma, altrettanto spesso, la rivolta viene sostanzialmente ignorata, a parte qualche riconoscimento generale della richiesta di una maggiore equità razziale. Ancora una volta, i quadri tradizionali della sinistra hanno davvero difficoltà ad affrontare o anche solo a comprendere il carattere complesso, nichilista ed eccessivo delle rivolte della nostra epoca.

Ciò che si ostinano a non comprendere ancora oggi molti commentatori è che il trumpismo da un lato e dall’altro i tentativi di uso dall’alto da parte dei democratici delle lotte sociali sono lo spartito di una latente guerra civile americana. Sono settimane che negli Stati Uniti è in corso uno scontro dal sapore ottocentesco tra lo stato del Texas e il governo federale sul confine con il Messico di cui si trovano pochissime tracce sui giornali italiani. Con la cosiddetta Operation Lone Star, Abbott, governatore repubblicano del Texas, ha fatto installare circa 30 miglia (48 km) di filo spinato lungo la frontiera con il Messico al fine di bloccare l’ingresso dei migranti. L’iniziativa di Abbot, trumpiano di ferro, sta degenerando in una vera e propria crisi costituzionale con la Casa Bianca. Lunedì 22 gennaio la Corte Suprema ha stabilito che la Border Patrol federale può rimuovere il filo spinato installato dalla Guardia Nazionale del Texas, ma Abbott ha promesso di aggiungerne altro. 25 dei 27 governatori repubblicani hanno rilasciato una dichiarazione congiunta di solidarietà con Abbott promettendo l’invio della propria Guardia Nazionale in sostegno al governo texano nel caso in cui si arrivasse allo scontro con il governo federale.

E’ evidente che la recrudescenza di questo scontro è legata almeno in parte alla tornata elettorale presidenziale, ma non è né il primo né il più clamoroso caso di una crisi istituzionale senza precedenti che si è aperta quel 6 gennaio 2021. Il fatto stesso che quattro anni dopo Trump sia in corsa per le elezioni invece che espatriato altrove o chiuso in qualche prigione è indice di quanto gli Stati Uniti siano seduti su una pentola a pressione pronta ad esplodere. Appena poche settimane fa si è consumata un’altra sconfitta del governo di Joe Biden: il portavoce del consiglio per la sicurezza nazionale Usa John Kirby ha annunciato che i fondi stanziati dal Congresso americano per sostenere l’Ucraina nella guerra contro la Russia sono finiti, e l’assistenza degli Stati Uniti “si è interrotta”, lanciando un appello affinché un’intesa bipartisan sblocchi nuovi finanziamenti. Anche qui la possibilità di un accordo tra repubblicani e democratici sarebbe condizionata all’attuazione di misure più dure nei confronti dell’immigrazione, nonostante il governo di Biden si sia distinto, a prescindere dagli annunci della campagna elettorale, per una svolta a destra anche in questa materia. I giornali liberali come The Atlantic parlano del “grande tradimento” dei repubblicani e scrivono che “Il vero risultato del fiasco al Congresso sarà il crollo della credibilità degli Stati Uniti in tutto il mondo. Gli alleati americani cercheranno protezione da partner più affidabili e l’America stessa sarà isolata e indebolita.” CounterPunch invece da un punto di vista più radicale ci offre una divertente rassegna dello stato del dibattito pubblico negli USA tra rincoglionimento senile e ipocrisie varie dall’evocativo titolo “L’impero impotente”.

Che la prossima tornata elettorale sia uno scontro tra ottuagenari pugili suonati è fuor di dubbio, ma ciò che ci sta dietro merita uno sguardo più profondo.

Le contraddizioni interne ed esterne agli Stati Uniti stanno rendendo sempre più fragile la capacità di comando, ad una velocità per certi versi inattesa. Oggi il governo degli USA si trova nella situazione inedita e paradossale di non poter perseguire momentaneamente i propri obbiettivi strategici esteri perché i suoi assetti istituzionali sono in conflitto costante, la sua opinione pubblica è ostile, in forme differenti, all’imperialismo a stelle e strisce e gli alleati li tirano per la giacchetta in dispendiosi e pericolosi pantani di guerra come potrebbe succedere in Medio Oriente. Il famigerato pragmatismo statunitense si sta trasformando in un campare alla giornata.

Non è detto che questa guerra civile, che alcuni guru della destra americana si augurano in maniera messianica, arrivi ad esplodere apertamente, ma il continuo logoramento interno, la scomposizione degli interessi spinge verso la degradazione degli assetti istituzionali, potenzialmente una possibilità per l’emersione di una più serrata lotta di classe (che comunque in questi anni ha mostrato una lenta ripresa), probabilmente un’ulteriore imbarbarimento della società.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

elezioniGUERRA CIVILEstati unititrump

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Palestina, il “senso storico” e noi

Quanto sta accadendo in Palestina crediamo sia un elemento chiarificatore. Lo è sicuramente per le masse che si sono messe in movimento per sostenere la popolazione di Gaza non solo nel mondo arabo, ma anche in tutto l’Occidente.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Salvini: una vita al servizio dei potenti

La nuova trovata di Salvini: una campagna d’odio verso l’islam per distrarre l’opinione pubblica dal genocidio in corso a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Caselle: la propaganda di guerra uccide

Lo schianto della Freccia Tricolore che ha ucciso una bambina di cinque anni ha scosso il paese. Quanto avvenuto però merita una riflessione più profonda sulla militarizzazione della società e sul concetto di sicurezza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Quale futuro ci aspettiamo?

Come incidere in questo scenario? Come porre una rigidità nei confronti delle dirigenze occidentali, a partire dal nostro governo, per frenare l’escalation bellica alla quale stiamo assistendo? Assumendosi il compito di non voler fare parte di chi può essere sacrificabile e, con noi, la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

SPECIALE BANLIEUE | Toute la symphonie ardente

Apriamo questa nuova pagina di approfondimento rispetto alla vicina Francia, per comprendere quanto sta accadendo e per trarne alcuni spunti interessanti da convogliare nella nostra riflessione in questa fase e nel nostro agire.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa ci dicono le banlieue…

Quello che sta succedendo in Francia rende più esplicito il ruolo dello Stato e del suo apparato militare all’interno degli agglomerati urbani. Utilizziamo questi giorni di fuoco francesi e le analisi di chi li osserva da un punto di vista critico per andare più in profondità su alcune questioni.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Le mezze verità di Lagarde

L’inflazione è colpa delle imprese, ma paghiamo sempre noi…

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

2023: un anno di scioperi USA

Questo articolo di “Labor Notes” ripreso da “In These Times” traccia un bilancio degli scioperi che si sono succeduti negli Stati Uniti nel 2023. Per questo va letto e rilanciato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La NATO guida il riarmo globale tra cyberwar e tecnologie quantistiche

Alea iacta est. Il dado è tratto. Ciò che disse Cesare prima di varcare il Rubicone e iniziare la guerra contro Pompeo, lo hanno ripetuto duemila anni dopo i Capi di Stato maggiore della difesa dei 31 paesi membri della NATO più la new entry di Svezia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Biden e le tensioni con il Texas

In queste ultime settimane, negli Stati Uniti la tensione intorno alla questione migranti e’ tornata alle stelle.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I quattro cavalieri dell’Apocalisse di Gaza

Joe Biden si affida a consiglieri che vedono il mondo attraverso la lente della missione civilizzatrice dell’Occidente nei confronti delle “razze inferiori” della terra per formulare le sue politiche nei confronti di Israele e del Medio Oriente.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Resistenza, repressione e lotta contro il Mountain Valley Pipeline a sei anni di distanza in Appalachia

Da oltre sei anni, gli abitanti degli Appalachi conducono una campagna non-stop di azioni dirette per fermare la costruzione dell’oleodotto Mountain Valley Pipeline (MVP), il cui progetto è in ritardo “di sei anni sulla tabella di marcia e di circa mezzo miliardo di dollari sul budget”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il popolo ribelle che abita lo Yemen

Continuare a considerare quegli yemeniti, una minoranza che ha comunque una storia che risale all’VIII secolo, un “gruppo di fanatici ribelli” dal nome buffo sarebbe un imperdonabile errore, oltre che l’ennessima dimostrazione di una presunta arroganza eurocentrica che ha già fatto ridere (e piangere) abbastanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il governo Biden si sta preparando per un’era post-Netanyahu in Israele, affermano i media statunitensi

Mercoledì la NBC ha citato funzionari statunitensi secondo i quali le divisioni tra l’amministrazione Biden e il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu “si sono solo accentuate dopo la visita del [Segretario di Stato] Blinken in Israele”.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.