InfoAut
Immagine di copertina per il post

Italia Pandemica: nella stanza 1408

||||

Che dire, ad un anno dall’esplosione dell’epidemia di Covid sembra di rivere continuamente lo stesso tempo sospeso. Cambiano governi, cambiano commissari, cambiano presidenti, arrivano i vaccini, arrivano le varianti, eppure ci sembra di girare sempre sulla stessa maledetta ruota da criceti. Pare un po’ di essere come l’inquilino della stanza 1408 del racconto di Stephen King; si cercano mille modi per evadere, ma dopo sessanta minuti ci si trova di nuovo lì, più acciaccati e disperati.

Ed è in questa triste e a suo modo sorprendente circolarità tra un lockdown, una caccia all’untore, una falsa promessa di uscita dalla crisi, un ridicolo ristoro e un’impennata dei contagi che ormai scorre la nostra quotidianità. E’ la crisi che si fa strutturale, permanente, fin nei piccoli dettagli delle nostre giornate.

Ma attenzione, il fatto che questa circolarità sia ormai “normalizzata” non vuol dire affatto che sia normale. E’ il lento trascinarsi di un sistema di sviluppo inadatto ad affrontare questo genere di sfide, una classe politica completamente succube della più rozza versione del capitalismo europeo. Altrove, un altrove che ormai risuona lontano e fantascientifico, la crisi è stata affrontata in altri modi, con altri effetti ed altre conseguenze. Certo, esistono situazioni peggiori di quella del nostro paese e media e politica si affrettano a sottolinearle per darsi a vicenda una gratificante pacca sulle spalle, ma esistono anche dei modelli che almeno in parte mostrano cosa non ha funzionato e continua a non funzionare (nel continuo circolo infinito) alle nostre latitudini. Ernesto Burgio in un articolo molto interessante dal titolo “Dopo un anno di pandemia” non ci gira molto intorno: “Le vere ragioni di questi dati drammatici dovrebbero essere ormai evidenti a tutti: mentre nei Paesi occidentali la pandemia è quasi fuori controllo, praticamente fin dall’inizio tutti i Paesi asiatici, ma poi anche Cuba, Nuova Zelanda, Australia e Islanda l’hanno fermata organizzando sistemi di tracciamento e monitoraggio efficaci dei soggetti positivi e dei loro contatti, e ove necessario creando percorsi alternativi e aree di pronto soccorso e quarantena per isolare e curare tempestivamente i casi non gravi ed evitare l’ingresso del virus in ambulatori, ospedali e strutture parasanitarie e riservando l’accesso agli ospedali ai pochi casi gravi. Inutilmente anche in Italia abbiamo chiesto a più riprese che le stesse contromisure fossero prese in considerazione: a marzo per un più rapido controllo della prima drammatica ondata, ad agosto nel vano tentativo di scongiurare una seconda ondata e con il supporto di SIPPS (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale) e SIP (Società Italiana di Pediatria) anche di recente. Ma questi appelli non hanno sortito alcun effetto e ancora oggi, dopo oltre un anno dai primi allarmi lanciati da Wuhan, mentre Cina, Giappone, Vietnam, Cambogia e tutti gli altri Paesi che hanno saputo rapidamente adattare e rafforzare la medicina territoriale sono tornati a vita normale, noi continuiamo a tremare e siamo costretti a sperare che siano i vaccini a fare il miracolo.”

Qui mentre gli ospedali si riempiono ancora, mentre si continua a morire, mentre varianti più infettive attecchiscono e si diffondono si confida nella messianica attesa scientista che il vaccino (o meglio i vaccini) risolva tutto. Ma è un’attesa vana. La patetica e farsesca epopea che da mesi sta andando avanti tra le multinazionali del farmaco e gli stati europei è l’ennesima dimostrazione dell’inconsistenza politica non solo delle elites del nostro paese, ma di quelle dell’intero continente. E’ la scoperta, già sperimentata a più riprese dalla crisi del 2008 che l’Europa a livello internazionale conta sempre meno e che chi la guida, con le sue incrostazioni ideologiche in favore del libero mercato e sulla presunta superiorità del Vecchio Continente, è succube di una mentalità decadente e idiota, che di riflesso, senza colpo ferire si riflette sul nostro paese attraverso il morbido “cambio di regime” a cui abbiamo appena assistito. Ora, ad un anno dalla pandemia, si è iniziato appena a parlare della produzione di un vaccino (pubblico, pubblico-privato, privato con sovvenzioni del pubblico: le ipotesi si sprecano) autoctono che non dipenda immediatamente dalle Big Pharma e dalla loro geopolitica. Eccolo che si strappa il velo delle fantasie sull’efficienza del libero mercato nelle allocazioni delle risorse, ecco che, malvolentieri, e di nascosto, un po’ come con i tagli alla sanità territoriale, le autorità si trovano ad ammettere che la produzione dei farmaci andrebbe strappata alle multinazionali, che il capitalismo, almeno per noi, non sta funzionando. Ma naturalmente si tratta solo di concessioni d’emergenza, di riflessioni che verranno rimosse in fretta, di cortocircuiti dell’egemonia dominante che verranno ben nascosti sotto il tappeto.

Il punto è che se ci troviamo a respirare questa aria asfittica di già visto, se giriamo senza sosta sulla ruota pandemica non è perchè “non c’è alternativa”, non è per colpa degli untori, nè in larga parte delle varianti, ma è perchè scelte politiche consapevoli sono state fatte, perchè si è deciso di gestire la sfida pandemica in un modo piuttosto che in un altro. Perchè in sostanza ancora una volta si sono ignorate le causa dell’evento e della sua diffusione. Prenderle in considerazione avrebbe significato un ripensamento radicale e globale del modo in cui è organizzata la nostra società, e questo per chi ci governa non è neanche lontanamente in cima all’agenda.

Tutt’altro, nel nostro paese la pandemia è l’occasione per le elites di riprendere il pieno controllo. L’insediamento di Draghi con la manovra a freddo di Renzi e Mattarella non rappresenta altro che questo. Dopo l’anomalia populista, la restaurazione. Tecnici di ogni sorta, provenienti da istituzioni finanziarie, grandi aziende e militari atlantisti riprendono il controllo del paese con i politici di quasi tutti i partiti a fare le scimmiette ammaestrate, naturalmente condizionati dalla Confindustria e dal favore dell’UE.

Ad accomunare in governo Draghi e quello Monti non è certamente l’austerità, quanto il continuo e latente commisariamento dei mercati e delle istituzioni internazionali della democrazia formale del nostro paese, sempre più evidentemente un puro spettacolo di facciata. La nomina del generale Figliuolo a commissario straordinario all’emergenza è l’ennesimo risvolto di questo spettacolo. La militarizzazione della pandemia che dalle strade delle città, dalle retoriche dei giornali si fa governo. No, non “stanno arrivando i colonnelli” si tratta solo dell’ennesima soluzione tecnocratica ad un problema politico, condita di un po’ di patriottismo narcisista che fa alzare le penne ai (un tempo furono) sovranisti. Vedremo il piano vaccinale procedere al passo dell’oca o si trasformerà in una festa degli alpini?

Ci sia concessa un po’ di ironia in questa asfittica circolarità capitalista dove una crisi rincorre un’altra e un governo tecnico rincorre la crisi, dove mentre i giornali passano il loro tempo a celebrare l’infanzia del piccolo Draghi che parlava agli animali di transizione ecologica e pareggio di bilancio si consumano tragedie negli ospedali, sui posti di lavoro, nel cosiddetto focolare domestico.

Tutto cambia, perchè nulla cambi, e anche tutto cambia purchè nulla cambi. Dunque come uscire da questa circolarità mortifera? Ricordate il finale del racconto di Stephen King?

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

CORONAVIRUSdraghiGOVERNO DRAGHIPANDEMIA

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ilaria Salis: un voto che (per una volta) serve

Se la campagna per la sua liberazione passa attraverso le urne andremo a cercare dove diavolo è finita la tessera elettorale e faremo la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Tamburini di guerra

Mentre gli stati continuano ad ammassare armamenti il tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica sull’inevitabilità della guerra raggiunge nuove vette, tra giornalisti che lodano i benefici per l’economia dell’industria delle armi, propaganda nelle scuole e proposte politiche scellerate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Palestina, il “senso storico” e noi

Quanto sta accadendo in Palestina crediamo sia un elemento chiarificatore. Lo è sicuramente per le masse che si sono messe in movimento per sostenere la popolazione di Gaza non solo nel mondo arabo, ma anche in tutto l’Occidente.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Salvini: una vita al servizio dei potenti

La nuova trovata di Salvini: una campagna d’odio verso l’islam per distrarre l’opinione pubblica dal genocidio in corso a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La convergenza impossibile. Pandemia, classe operaia e movimenti ecologisti

A questa tavola sta per verificarsi, per causa mia, un’accesa discussione.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La deforestazione dell’Amazzonia: una bomba a orologeria per nuove pandemie

Sede della più grande biodiversità del pianeta, l’Amazzonia è anche una bomba a orologeria per la comparsa o la ricomparsa di malattie dal potenziale pandemico.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola, cultura e società nella fase post pandemica

A pochi giorni dalla ripresa delle attività scolastiche possiamo fare un bilancio dello scorso anno per comprendere non solo le generali condizioni della scuola, ma anche quanto stiano ancora pesando gli anni di emergenza COVID.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Piemonte: una “marea bianca” in difesa della sanità?

Sabato 27 maggio si è tenuta a Torino una grande manifestazione per difendere la salute e la cura. Il corteo ha visto la partecipazione di oltre 12mila persone ed è stata organizzata dal Comitato per il diritto alla tutela della salute e alle cure sotto lo slogan “Quando tutto sarà privato, saremo privati di tutto”. […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Diario della crisi – Dalla gestione della crisi al sistema di guerra

In questa decima puntata del Diario della crisi – progetto nato dalla collaborazione tra Effimera, Machina-DeriveApprodi ed El Salto – Stefano Lucarelli riflette sull’inopportuno susseguirsi di crisi che, spiazzando ed eliminando le cause e dunque le possibilità d’intervenire sulle conseguenze di quelle precedenti, fanno sì che gli effetti di queste ultime si accumulino e si […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Lo stato di salute della sanità – Intervista a Chiara Rivetti

A poco meno di due anni dall’inizio della pandemia di Covid19 abbiamo posto alcune domande a Chiara Rivetti di Anaao Piemonte sulla condizione della sanità nel nostro paese.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Trivellare per sprofondare

Il 18 novembre scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’aiuti quater, il decreto con cui il Governo Meloni ha provveduto ad aggravare il sostanziale “via libera” alle trivelle già inaugurato in marzo da Draghi e Cingolani.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Vogliamo tutto! Perché quando c’è tutto c’è anche la salute

A due anni e mezzo dallo scoppio della pandemia Covid-19, poco o nulla è cambiato rispetto alle condizioni sindemiche che hanno fatto sì che il virus colpisse ancora più duramente chi subisce discriminazioni di classe, genere, etnia, status migratorio, condizione abitativa e così via.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Lotta per la casa a Pavia dopo la pandemia

L’assessore comunale alla casa, di Fratelli d’Italia, preannunciava, quasi con orgoglio, uno tsunami di sfratti dalla primavera 2021 senza, però adottare misure amministrative all’altezza della situazione, limitandosi infatti all’erogazione dei buoni spesa finanziati dallo stato e di difficile utilizzo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Come la pandemia ha cambiato il panorama del lavoro organizzato negli USA

La prospettiva dell’intreccio tra crisi sociale e crisi climatica e la centralità assunta da relativamente nuovi settori del lavoro contemporaneo accanto a mansioni più tradizionali ci paiono spunti di ragionamento fondamentali.