InfoAut
Immagine di copertina per il post

Palermo solidale con Gianmarco. Sabato corteo cittadino

Ieri mattina all’alba infatti, Gianmarco, è stato arrestato dalla DIGOS di Palermo. L’iniziativa di polizia risulta essere parte di un’operazione congiunta in atto in diverse città italiane. Diversi compagni, da Milano a Palermo sono stati dunque tratti in arresto, in merito a fatti che sembrano riferirsi alla manifestazione antifascista tenutasi a Cremona alla fine dello scorso gennaio quando un corteo nazionale ha attraversato quella città in risposta all’aggressione di una settimana prima da parte di CasaPound che portò al coma (di diverse settimane) un compagno del Csoa Dordoni.

A solo un giorno dall’arresto la solidarietà non ha tardato a farsi sentire; questa mattina infatti Palermo si è svegliata tappezzata di striscioni, in tutte le scuole e lungo tutto il campus universitario palermitano, con su scritto “Le lotte non si arrestano! Gianmarco libero!”. Ma oltre alla presenza visiva di questa solidarietà, ancora più palpabile è stata la presenza fisica delle centinaia di persone che questo pomeriggio hanno affollato l’Aula Magna di Lettere e Filosofia. Una sala gremita di studenti universitari, studenti delle scuole, colleghi, amici, conoscenti, e semplici passanti mossi dalla campagna che è stata messa in campo fin dalle prime ore di ieri mattina per richiedere la libertà di Gianmarco. Di questo, di fatto, si tratta; Gianmarco, studente di Ingegneria dell’Energia dell’Università di Palermo, conosciuto da colleghi e professori come ragazzo che affianca alla vita universitaria un percorso di lotta quotidiano che lo vede impegnato nella difesa, strenua e determinata, dei diritti sociali. Gianmarco, che mai una volta si è tirato indietro nella lotta contro le ingiustizie, che ha infuocato numerose piazze munito di megafono alla testa dei cortei.

Riguardo ai provvedimenti giudiziari, attendiamo l’interrogatorio che avrà luogo nei prossimi giorni. Nel frattempo, continuiamo ad organizzare una riposta tempestiva e concreta: questo pomeriggio infatti l’assemblea cittadina, al termine di una serie di interventi dei presenti che hanno raccontato avvenimenti sia collettivi che personali riguardanti la figura di Gianmarco nelle piazze, nelle scuole, all’università e in città, ha lanciato una manifestazione cittadina che partirà sabato pomeriggio alle 17:00 da Piazza Bologni, diretta alla Casa Circondariale Pagliarelli, carcere all’interno del quale Gianmarco è trattenuto in questo momento.

Sarà un’ulteriore dimostrazione quella di sabato, insieme all’assemblea di oggi e alla campagna che in questi giorni sarà portata avanti, che dimostrerà ancora una volta che non basta chiudere in cella un compagno per fermare le lotte. Quest’attacco si configura come l’ennesimo tentativo da parte di chi prova ad ostacolare con ogni mezzo repressivo l’esistenza e la resistenza dimostrata da anni da realtà autorganizzate che si muovono dal basso come il Collettivo Universitario Autonomo.  “Se toccano uno toccano tutti”, questo è il motto paradigmatico che oggi più che mai riecheggia nelle scuole e nell’ateneo palermitano. Gianmarco è in arresto in questo momento, ma la Palermo delle lotte non si fermerà un attimo fino a quando non verrà liberato e tornerà a lottare in prima fila nelle piazze come ha sempre fatto.

 

Questi gli indirizzi per scrivere agli arrestati per aver partecipato al corteo nazionale antifascista. Tre ragazzi sono stati denunciati a piede libero per concorso in devastazione e saccheggio, un compagno è attualmente latitante.

Filippo Esposti, casa circondariale “Ca del Ferro”, Via Palosca 2, 26100, Cremona

Kuljit Tawari, Casa Circondariale “Ca del Ferro”, Via Palosca 2, 26100, Cremona

Giovanni Marco Codraro, C.C. Pagliarelli Piazzale Pietro Cerulli 1, 90129 Palermo

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

cualotte socialipalermosolidarieta

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Riforma Bernini dell’università: la campagna 90%

Ad inizio giugno un fulmine si è abbattuto sull’università italiana.  La ministra Anna Maria Bernini ha annunciato che il governo sta lavorando ad una nuova riforma onnicomprensiva dell’università. Dal reclutamento al precariato, dalla didattica alla governance, il governo Meloni non vuole perdere l’occasione di ridisegnare il funzionamento degli atenei.  Il fatto che la coalizione di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Luigi scrive dal carcere speciale di Alessandria

Luigi ci scrive dal carcere di Alessandria. Pubblichiamo di seguito il testo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Contestati i ministri della guerra al Politecnico di Torino

Riceviamo e ricondividiamo il comunicato del CUA di Torino sulla contestazione di ieri al convegno istituzionale tenutosi alla sede del Valentino del Politecnico. Ieri mattina un gruppo di student3 dell’Università di Torino ha contestato il convegno a porte chiuse che si è tenuto al castello del Valentino su tecnoscienza e intelligenza artificiale, con ospiti di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Misure cautelari per tre militanti di Antudo per un sanzionamento alla Leonardo SPA. Repressione su chi fa luce sulle fabbriche di morte e le guerre in atto

Ieri mattina la Questura di Palermo ha eseguito tre misure cautelari, due obblighi di firma e una custodia cautelare in carcere per tre militanti di Antudo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione contro la guerra sabato 21: manifestazioni a Pisa e Palermo per fermare l’escalation. A Ghedi un altro corteo

In tale prospettiva “Fermare l’escalation” nasce come processo di mobilitazione di diverse realtà di lotta politica, sindacale, sociale, ecologica, transfemminista, dell’associazionismo, del mondo antimilitarista, pacifista e di quello della giustizia climatica, dei nodi territoriali contro le grandi opere, i disastri ambientali ed il fossile.”

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo, i percettori del reddito di cittadinanza ancora in piazza: tensione con la polizia

Mentre migliaia di famiglie siciliane hanno perso il reddito, i servizi sociali, i centri per l’impiego e le APL versano nel caos.Questa mattina i disoccupati palermitani sono tornati in piazza, davanti l’assessorato del lavoro, per continuare a manifestare contro l’abolizione del reddito. da Trinacria «Reddito o lavoro» si legge così sullo striscione che i manifestanti […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Destrutturare la violenza, rompere gli argini

A seguito della violenza subita da una diciannovenne palermitana e dell’arresto di sette giovani indagati per stupro, centinaia di persone a Palermo sono scese in strada in solidarietà alla vittima lo scorso venerdi, ripercorrendo i luoghi in cui è avvenuto l’abuso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A Palermo centinaia di persone in assemblea pubblica dopo i roghi, “Vogliamo risposte”

A Palermo, marterdì primo agosto, si è tenuta un’assemblea spontanea sotto lo slogan “Basta Incendi”, presso piazza Indipendenza colma di persone dopo il tam tam dei giorni scorsi sui social.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Isa e Fede tornano a Bologna! Crolla un primo tassello del castello giudiziario

Oggi questo vigliacco attacco inizia a cadere. Il Tribunale del riesame ha infatti annullato i divieti di dimora per Isa e Fede, che quindi potranno finalmente tornare nella loro città.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Disoccupati palermitani a Roma per difendere il reddito di cittadinanza

Quasi mille kilometri e 12 ore in autobus: è il viaggio dei disoccupati palermitani dalla Sicilia a Roma per difendere il reddito di cittadinanza. Questa mattina hanno manifestato a piazza dei Santi Apostoli, davanti la prefettura.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo: blitz dei disoccupati percettori di Reddito di Cittadinanza all’Assemblea Regionale Siciliana

Questa mattina un gruppo di disoccupati percettori di Reddito di cittadinanza si è dato appuntamento a Piazza del Parlamento, fuori dall’ingresso principale dell’Assemblea Regionale Siciliana, per contestare la scelta dei parlamentari siciliani di aumentarsi lo stipendio fino a 12mila euro. «I veri parassiti sono in Parlamento» è scritto sullo striscione che hanno portato in Piazza, […]