InfoAut
Immagine di copertina per il post

A chi serve la paura dei “mercati”?

||||

A circa sette anni dalla letterina di Draghi e Juncker che “suggeriva” allo Stato italiano una serie di riforme “utili” per la sostenibilità della sua economia, si ritorna a parlare del ruolo dei mercati e delle istituzioni finanziarie internazionali in merito alla politica economica del nostro paese.

 

Sia Giorgetti che Di Maio si sono dichiarati in recenti interviste, con tonalità differenti, decisamente preoccupati ma anche “pronti a resistere” ad un nuovo attacco speculativo. Adducendo anche il caso turco come possibile campanello d’allarme, date le probabili ripercussioni che quanto accade ad Ankara potrebbero avere sul sistema finanziario europeo.

Un giochino discorsivo, quello dei gialloverdi, che non fa altro che ricalcare il canovaccio dei primi mesi di vita di questo governo, riducibili alla costante costruzione di un nemico su cui impostare il dibattito politico, evitando di essere messi sotto accusa sulle effettive politiche del “cambiamento”.

La paura dell’azione dei mercati diventa così assolutamente funzionale alle politiche e alle retoriche governative, che come ovvio si limita all’invettiva, rassicurando l’alta finanza la quale sa benissimo di non essere in alcun modo minacciata dagli sproloqui di DiMaio buoni per qualche grafichetta su Facebook.

La baracca tiene anche grazie ai regali costanti delle finte opposizioni, ormai divenute sinonimo di negatività a livello generale. PD e Forza Italia, di fatto uniti in un nuovo Nazareno in nome della stabilità e dell’ossequio alla grande finanza, si intestano il ruolo di difensori della stabilità, crollando ulteriormente a picco nei sondaggi e nel gradimento difendendo il jobsact, le grandi opere inutili, lo strapotere della finanza in maniera quasi imbarazzante per distacco dall’opinione sociale prevalente sui temi.

Se il giochino al momento ancora funziona, dato che il consenso verso l’esecutivo è ancora forte, è perchè permette a Lega e M5S di continuare a porsi nel ruolo di antagonisti ad un sistema parassitario e anonimo, associato solamente a crisi ed impoverimento in arrivo da forze oscure e lontane, tutt’altro che democratiche e “vicine al popolo”.

Il discorso sovranista gialloverde sembra voler riproporre, solo quando gli è utile, in campo una sorta di schema colonizzatore-colonizzato tanto assurdo tanto funzionante nell’incasellare il rapporto tra Italia, UE ed istituzioni finanziarie. Non è una questione reale di difesa della sovranità: basti pensare a località come Ghedi, Aviano, Sigonella, Teulada per capire quanto a Roma ben poco interessi la sovranità effettiva. Con Trump si ha solo voglia di belle photo-opportunities, e senza dubbio non di mettere in discussione la NATO.

Quello che dal nostro punto di vista sappiamo è che nel corso degli anni ogni turbolenza sui mercati finanziari, ogni crisi del debito e di conseguente tenuta del sistema bancario, è sempre stata scaricata sulla popolazione sotto forma di iniezioni da cavallo di austerità oppure di stop alle tante promesse fatte perchè “non ci sono soldi”. E’ questo che dobbiamo aspettarci. Del resto, non si capisce come sia possibile rimanere all’interno dei vincoli di bilancio prescritti dall’UE, ridurre il debito e contemporaneamente finanziare flat tax, taglio alla Fornero e reddito di cittadinanza.

Sicuramente, sappiamo che non si andrà all’attacco dell’incredibile diseguaglianza in termini di distribuzione della ricchezza presente nel nostro paese. Eppure un modo per uscirne andrà trovato, e non è detto che basti la foglia di fico dei migranti.

Da un certo punto di vista, un attacco speculativo dei mercati è la cosa migliore che potrebbe succedere a Salvini e DiMaio. L’imperativo di mantenere la stabilità, che già si era manifestato all’epoca della formazione del governo con il caso-Savona, potrebbe cosi offrire un nuovo nemico ad un governo impegnato quotidianamente nella costruzione di un nuovo capro espiatorio..

Fornendo una via d’uscita per continuare nelle politiche da Gattopardo a cui assistiamo ogni giorno da parte di un esecutivo che probabilmente prega affinchè qualche fondo speculativo gli tolga qualche castagna dal fuoco…

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

finanza

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Un sospiro di sollievo, nient’altro

Più che la vittoria dimezzata, per quanto in parte sorprendente, della sinistra in Francia ciò che c’è possiamo festeggiare è la sconfitta del Rassemblement National. Una sconfitta chiara, ed una buona notizia nel breve termine, ma che, dopo aver tirato un sospiro di sollievo, ci costringe a porci diverse domande.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni in Francia: a che punto è la notte

Le elezioni francesi hanno confermato l’ascesa della destra del Rassemblement National e la fine del regno incontrastato della Macronie.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ilaria Salis: un voto che (per una volta) serve

Se la campagna per la sua liberazione passa attraverso le urne andremo a cercare dove diavolo è finita la tessera elettorale e faremo la nostra parte.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Tamburini di guerra

Mentre gli stati continuano ad ammassare armamenti il tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica sull’inevitabilità della guerra raggiunge nuove vette, tra giornalisti che lodano i benefici per l’economia dell’industria delle armi, propaganda nelle scuole e proposte politiche scellerate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa vuol dire un’università libera?

In TV e sui giornali si è scatenata la canea mediatica nei confronti degli studenti e delle studentesse universitarie che richiedono la fine degli accordi di ricerca militari o di dual use con le università israeliane.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Agricoltura: la fabbrica impossibile

Non possiamo comprendere queste mobilitazioni senza cercare un nuovo modo di vedere le cose.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

“Difendiamo la nostra terra!” Reportage dalle proteste degli agricoltori Piemontesi

Si tratta di un racconto situato e parziale, a metà strada tra la cronaca e l’analisi, che speriamo possa servire da spunto tanto per una riflessione più ampia quanto per la scrittura di altre analisi situate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Costante trumpista: la guerra civile latente negli Stati Uniti

In molti avevano creduto che dopo i fatti di Capitol Hill il trumpismo come fenomeno politico sarebbe stato archiviato, presentandosi al limite nelle forme di un estremismo suprematista tanto più radicale quanto residuale.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’emergenza perenne dei baschi verdi in Val di Susa

Si va a chiudere così un altro anno difficile per i paladini difensori del grande spreco dal nome TAV nuova linea Torino Lione. Scopriamo, se ancora ce ne fosse bisogno, che i soldatini a difesa delle recinzioni in val di susa sono stanchi e stufi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Le compensazioni di carbonio delle foreste non hanno alcun beneficio per il clima

Uno studio sottoposto a revisione paritaria conclude che il 94% dei crediti per la deforestazione dichiarati dal più grande fornitore di compensazioni sono privi di valore.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il prezzo impazzito dello zucchero e l’impatto della finanza sui beni agricoli

Si stanno “negoziando” i contratti 2023-2024 e sono partite forti speculazioni finanziarie al rialzo, con conseguenze sui prezzi reali pagati dai consumatori. Diversi Paesi produttori stanno decidendo perciò di bloccare le esportazioni per difendersi, con effetti amari già osservati nel caso del riso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sfruttamento e speculazione dei cacciatori di terre

o strapotere delle “imprese-vampiro” dell’industria e della finanza. di Saverio Pipitone (*), da La Bottega del Barbieri Pronto Fantomas. Al telefono Alberto Moravia, Julio Cortázar, Octavio Paz e Susan Sontag (scrittori) chiedono aiuto al famigerato personaggio mascherato per fermare un pazzo armato di laser che stava incendiando le grandi biblioteche del mondo. Il folle venne […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Punto economico: Le crisi spia di una tempesta globale

A tre mesi dallo scoppio del conflitto in Ucraina, con la pandemia Covid-19 che persiste a livello planetario, l’economia italiana, europea e globale stenta a riprendersi. Si tratta di una congiuntura legata a guerra e pandemia o vi è qualcosa di più profondo in questa crisi? Mentre sul proscenio sono in corso le manovre distruttive […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La finanza (per niente) green di Snam

il nuovo rapporto di ReCommon sulla falsa transizione italiana, ripreso da www.recommon.org ReCommon ha pubblicato il suo rapporto “La finanza (per niente) green di Snam”. Alla vigilia dell’assemblea degli azionisti di Snam, che anche quest’anno si svolge a porte chiuse grazie a una norma ad hoc predisposta dal governo nel decreto Mille Proroghe, l’associazione esamina quanto […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nell’intreccio della guerra. Ordine e caos della crisi globale

Shock energetico, scarsità di materie prime, inflazione galoppante, recessione annunciata, riarmo massiccio: «È l’economia di guerra, bellezza, e tu non puoi farci niente, NIENTE!». È il coro unanime scandito a reti e firme unificate che in questi giorni, dalle televisioni ai giornali, passando per i social, comincia a essere ripetuto da giornalisti, opinionisti, politici e […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ultimo assalto alla natura: gli ecosistemi quotati in Borsa

Si chiama NAC (Natural Asset Company). Con essa la Borsa di New York ha svelato il piano più radicale e potenzialmente più distruttivo per finanziarizzare tutta la natura e la vita nella stessa. Che la relazione fra il capitalismo e la natura sia basata sulla mercificazione di quest’ultima per estrarre profitti non è sicuramente una novità, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

DI CRISI ENERGETICA E SPECULAZIONE ECONOMICA, L’APPROFONDIMENTO CON MARIO D’ACUNTO

L’aumento dei prezzi di gas, energia elettrica e carburanti ha spinto la Procura di Roma ad aprire un fascicolo di indagine per fare chiarezza. Si tratta di un procedimento al momento contro ignoti senza indagati e senza ipotesi di reato. “L’indagine è volta a verificare le ragioni di tale aumento ed individuare eventuali responsabili”, spiega […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La manopola del gas e la finanza

I mercati finanziari europei del gas da mesi stanno amplificando la crisi, incoraggiando volatilità e livelli dei prezzi in crescita, ben oltre le reali condizioni di domanda e offerta sul mercato reale. Scommettono sulla guerra e creano una bolla speculativa. La Ue deve invertire la deregolamentazione del mercato. di Leopoldo Nascia per Sbilanciamoci L’Ucraina, prima […]