InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il nuovo governo e le contingenze del Cav.

Prende forma il governo Meloni, secondo governo “democraticamente” eletto dal 2018, anno terribile per la democratura italica, in cui i 5 stelle con la stampella leghista diedero l’assalto ai palazzi dei “poteri forti”, per poi uscirne decimati dopo poco.

Il governo Meloni è espressione plastica di questo reflusso pentastellato dentro l’astensione e del travaso dei voti leghisti nel fallimento della lega nazionale. Ma l’ago della bilancia di questa maggioranza, nonostante la misera incetta di voti, sembra essere il Cav.

Prima di prendere in esame il ruolo di Berlusconi in questo quadretto dalle tinte scure commentiamo brevemente la formazione di chi scende in campo nell’ormai ufficiale governo Meloni. Partiamo da una considerazione, ossia dalla bassezza dei commentatori che per non sapere cosa dire si appellano al fatto che sta avviandosi il primo governo a guida di una donna in Italia. Magra consolazione, soprattutto a partire dal fatto che la Meloni sia quanto di più lontano ci possa essere da una dimensione di sostegno dei diritti per la donne e le soggettività non normate. Anzi, si apre invece uno scenario di gravissimo attacco nei confronti dei diritti basilari, conquistati in anni di lotte, a partire dal diritto all’interruzione di gravidanza, l’utilizzo di denaro pubblico per finanziare organizzazioni ProLife all’interno dei servizi sanitari, come già sta accadendo in Piemonte tramite la figura di Maurizio Marrone.

Ciò detto, nondimeno ci sembra importante sottolineare la scelta di alcuni ministeri che già danno la cifra della direzione che il governo neoformato prenderà. Partiamo da Crosetto alla Difesa, FdI convinto (prode cavaliere della crociata per lo sgombero di Askatasuna in quel del Comune di Torino) e con un importante passato in qualità di presidente dell’Aiad, federazione confindustriale che si occupa degli interessi del settore aziendale dell’aerospazio e delle armi. Si parla dunque di un ruolo particolarmente delicato per chi ha passato anni della sua carriera a rappresentare un’associazione cardine per l’industria delle armi e che ora si troverà a smazzare miliardi interloquendo proprio con le industrie di cui faceva capo. Passiamo poi alle novità e quindi al Ministero della Sovranità alimentare, capeggiato da Adolfo d’Urso che, sostanzialmente si è sempre occupato delle Attività produttive, presidente del Copasir, ha un’idea tutta strategica e legata alla sicurezza anche per quanto riguarda lo sviluppo agricolo alimentare. Scompare poi il Ministero della Transizione Ecologica, quasi un sollievo in merito al principio di onestà intellettuale, rimettendo gli obiettivi al loro posto, ossia chiamandolo dell’Ambiente e della sicurezza energetica. Con il via libera al rigassificatore di Piombino di ieri si apre quindi una stagione di devastazione, deturpazione ambientale, della salute, dei territori e delle persone che non guarda in faccia nessuno. A fare buona compagnia, vediamo Salvini alle Infrastrutture, non c’è da fare troppo sforzo di immaginazione per vedere il tav al primo posto delle priorità del governo. Infine, all’economia, la nomina di Giorgetti fa intravedere la continuità con i dettami draghiani. Concludiamo questa breve e non esaustiva lista con un pensiero agli Interni e alla Giustizia, due ministeri che ancora una volta vedono da un lato il prefetto di Roma Piantedosi, colui che fu capo di gabinetto di Salvini durante i porti chiusi e che avrebbe scritto con lui i decreti sicurezza e che ebbe un ruolo non di secondo piano nella questione del blocco della nave Diciotti quando non venne consentito lo sbarco dei migranti e dall’altro, Nordio un ex magistrato collocato decisamente a destra. La lista è ancora lunga ma ci sarà tempo per commentare, per il momento ciò che è interessante notare sono le virate che riguardano temi centrali oggi: la questione degli armamenti, la gestione della sicurezza e del conflitto sociale e la dimensione dei diritti, di genere, ecologici, di sostenibilità economica e alimentare.

Ma torniamo al cavaliere.

Meme ironico dal web

Un grande ritorno sulla scena condito dalle solite barzellette e gag che fan tornare in mente memorie e glorie del primo decennio del nuovo millennio. Ma oltre il folklore, le bottiglie di vodka russa e le letterine di amore con Vladimir sono ben contemperate dai grotteschi ricordi commossi di La Russa, rivolti a Sergio Ramelli, all’ispettore Calabresi e a Fausto e Iaio. A chi ha occhi per vedere gli si possono parar innanzi le prime crepe significative del fronte borghese e padronale dell’italietta. Dopo mesi di dichiarazioni filo-atlantiste, processioni alla corte imperiale di Mr Biden (sempre più decrepito), invio di armi di ogni tipo al governo Zelenskyy, da parte della destra ex missina, per accreditarsi di fronte al padrone Yankee, se mai ce ne fosse stato bisogno viste le connessioni storiche fra ultra destra e Nato, i mugugni della destra che storicamente rappresenta i rapporti produttivi con la Russia, stanno uscendo fuori.

Berlusconi se ne fa portavoce e scaltramente usa le sue carte per garantirsi un posizionamento nel governo che rispecchi i desiderata della sua consorteria uscita bastonata dalle urne. Non è importante qui indugiar più di tanto nel capire se gli audio degli applausi alle dichiarazioni del Cav su come sia scoppiata la guerra in Ucraina, siano effettivamente rubati e frutto di un tentativo di sabotare il governo nascente e aumentare il potere d’arbitrio di Re Sergio in vista della formazione del governo, o se siano state deliberatamente diffuse palesando posizioni, tra l’altro mai nascoste da due mesi a questa parte da Berlusconi. Quel che è importante rilevare è che innanzi tutto le chiacchiere dell’ex Rais nostrano, siano la più lucida analisi geopolitica con un’efficacia da bar più solida di tutto l’arco costituzionale, da marzo a questa parte, soprattutto a sinistra, spesso anche da parte di chi è fuori dal campo istituzionale. Capiamoci, a nessuno di noi interessa prender le parti del Berlusca, men che meno identificarci negli interessi della Borghesia italiana nella filiera produttiva legata al mercato russo e tedesco, ma ci interessa se questa insolita “convergenza”, contribuisca a chiarificare il campo e incrinare la propaganda bellicista. In sostanza se possa essere elemento depotenziante la partecipazione italiana al conflitto.

In questo momento, in cui il prezzo da pagare per difendere gli interessi Nato si fa sentire pesantemente sulla fragile manifattura italiana, e in cui gli industriali preferiscono non produrre, il Cav si mette alla testa di un “movimento” padronale che si muove sui suoi propri interessi e, potenzialmente, apre una crepa importante nel – fino ad oggi – fronte unito della guerra. Come potrà sfruttare questa contingenza la (nascente?) movimentazione pacifista? Come si muoverà la parte avversa della borghesia che si coagula attorno alla difesa tout court degli interessi Usa? Come questa retorica non interventista della destra, influirà nell’agitazione contro il caro bollette e l’inflazione che inizia a serpeggiare nel paese? Possono sembrare domande azzardate ma, se un dato è emerso in questi anni di ciclo neo-populista, è la capacità proletaria e dei ceti medi del paese di guardare più alla sostanza che alla forma politica, in un orizzonte di difesa delle proprie condizioni e ambizioni di ascesa sociale.

La sinistra e il suo Partito-Stato non raccoglieranno sicuramente questo vuoto politico e, la scottatura subita dai 5 stelle sicuramente non aiuta, seppur non si possa escludere un recupero da parte loro. Andremo verso la stabilizzazione di questa impossibilità di esprimere nei canoni della rappresentanza istituzionale delle istanze di questo secondo tempo del neo-populismo? È presto per dirlo ma è molto improbabile che attorno a questo segmento “indisciplinato” dell’imprenditoria italiana, si possa coagulare un movimento popolare contro la guerra e lo scarico dei costi della crisi su chi sta in basso. Vedremo, intanto è chiara la direzione che il governo e l’Ue intendono far prendere al costo della difesa degli interessi Nato, verso il basso della scala sociale. Grande è la confusione sotto il cielo, la situazione non proprio eccellente.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

berlusconiFRATELLI D'ITALIAgoverno meloni

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Giocano sull’orlo del baratro

L’incidente al confine tra Polonia ed Ucraina per un momento ha aperto la finestra su un coinvolgimento diretto, sul campo, della NATO nel conflitto. E ci mostra quanto sia fragile la membrana che separa il presente da una guerra militare totale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa abbiamo visto nella piazza per la Pace del 5 novembre a Roma

Siamo “andati a vedere” con sguardo curioso la piazza per la Pace del cinque novembre a Roma: ne abbiamo tratto alcuni elementi interessanti, altri meno, ma che crediamo meritino un’ampia riflessione. Abbiamo provato a sistematizzare alcuni ragionamenti a caldo in questo breve reportage che condividiamo di seguito.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Si vis pacem para bellum — La nuova semantica di guerra

Questi giochi di capovolgimento semantico diventano pericolosi nel momento in cui si concretizzano nei piani di guerra NATO (vedi la nuova dottrina “first strike”), e in una generale fase di riarmo delle principali potenze globali.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Guido Crosetto: il ministro delle armi e la “pace” orwelliana

Guido Crosetto, ministro della Difesa e consigliere di Giorgia Meloni, è un politico di lungo corso, dalla Democrazia Cristiana, a Forza Italia, per approdare infine in Fratelli d’Italia, ma meno nota è l’altra sua carriera, quella nell’industria militare.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La norma anti-rave non è altro che l’ennesimo attacco al dissenso sociale

Il decreto legge del Governo Meloni non riguarda solo i rave-party, ma tra le casistiche che potrebbero rientrare al suo interno vi sono anche molte pratiche che fanno parte della storia della protesta e del dissenso sociale nel nostro paese, dalle occupazioni delle università e delle scuole, alle manifestazioni non autorizzate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Fare informazione per il movimento, che significa oggi?

Esortiamo chi possa avere competenze o interessi rispetto ad ambiti specifici, chi fa parte di collettivi che hanno piacere a utilizzare un canale di informazione come InfoAut per diffondere i propri contenuti e iniziative, a contattarci per poter pubblicare nella sezione Contributi.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

E lo rifamo? Avoja!

Alcune considerazioni a caldo sulla manifestazione del 22 ottobre rivolte in primo luogo a compagn di Bologna. Per rilanciare un dibattito collettivo di cui ci pare ci sia urgenza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Fare movimento per il movimento in un mondo complesso. Infoaut si rinnova!

Come avrete notato da qualche giorno Infoaut è cambiato. Non si tratta semplicemente di un restyling grafico per stare al passo con i tempi, ma di una trasformazione che è in diretta relazione con quanto sta succedendo nelle nostre vite, nella società e nel mondo per come lo conosciamo.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il tritacarne del profitto uccide un altro giovane in Alternanza Scuola-Lavoro

A Noventa di Piave un ragazzo di 18 anni è morto durante uno stage nella BC Service una fabbrica specializzata in metallo. Secondo le ricostruzioni il giovane è stato colpito da una lastra che gli ha schiacciato le gambe e che era caduta dai cavalletti ai quali era appoggiata. Dopo Lorenzo e Giuseppe è il […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Elezioni: vince Fratelli d’Italia, ma “l’essenziale è invisibile agli occhi”

I risultati  di queste elezioni, punto più, punto meno, sono quelli che si potevano immaginare già settimane fa. Nessuno sconvolgimento, nessun vento che cambia, Fratelli d’Italia si è posizionato agevolmente come primo partito svuotando il bacino elettorale della Lega e mandando il capitano ed il suo progetto nazionale con le gambe all’aria. Queste elezioni certificano […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

ELEZIONI 2020: CRESCITA CONTINUA DI FRATELLI D’ITALIA. QUALI RAGIONI ALLA BASE DEL SUCCESSO DEL PARTITO DI GIORGIA MELONI?

Le elezioni amministrative di questo 2020 confermano la crescita costante di Fratelli d’Italia. Il partito guidato da Giorgia Meloni e nato nel 2012 da una scissione del Popolo della Libertà, ha visto nelle precedenti tornate un incremento impetuoso dei consensi. Già in occasione delle Europee dell’anno scorso l’istuto Cattaneo di Bologna metteva in luce la […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ennio Libero! Liberiamole e liberiamoli!

Ennio sta scontando 8 mesi di arresti domiciliari a Torino, perché condannato in via definitiva per la sua partecipazione alla manifestazione di protesta tenutasi in occasione della visita dell’ex Primo Ministro Silvio Berlusconi a Torino, nel marzo 2011. La visita del premier si era prevedibilmente svolta in una Torino blindata da decine di camionette e […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Morti sul lavoro: non semplici numeri di una statistica

  Un’inversione di tendenza rispetto agli anni scorsi dovuta al continuo accanimento dei governi di questo Paese sui diritti conquistati dai lavoratori con le lotte dei decenni passati. Dal governo Berlusconi in poi, tagli alle ASL e all’ispettorato del lavoro si sono moltiplicati, senza però che gli effetti fossero visibili al netto del rallentamento generale […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Chi cade insieme a B.?

Il video della caduta di Silvio Berlusconi dal predellino su cui stava tenendo un comizio a Genova, seguita dall’esclamazione “è colpa della sinistra!”, ha conquistato la scorsa settimana le prime pagine dei giornali, spinto con forza soprattutto dai media mainstream legati all’ormai fu centrosinistra, che nelle avventure e disavventure del Cavaliere hanno da sempre trovato […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Gli smemorati: Riflessioni (amare) sulla crisi italiana

Ricevo le newsletter che vanno per la maggiore, lavoce.info, sbilanciamoci, nel merito.com ed altre, leggo ogni tanto Huffington Post, mi capita anche eccezionalmente di buttare l’occhio sui quotidiani, navigo su Reuters, Bloomberg, l’Economist, FT e chissà perché alla fine ho sempre la sensazione che manchi qualcosa nei ragionamenti sulla crisi italiana, qualcosa di grosso, non […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Angelino e Silvio: così vicini ma così lontani

Un commento della redazione di Senza Soste sulle attuali incrinature nel centro-destra italico di marca berlusoconiana. La scissione a destra, tra Forza Italia e Nuovo Centrodestra, è sicuramente rivestita di caratteri di satira sfrenata ma rivela anche utili indicazioni sull’ennesimo periodo di convulsioni nella vita politica istituzionale. Il lato farsa della vicenda è sicuramente divertente. […]

Immagine di copertina per il post
Culture

14 anni per aver contestato Berlusconi

L’iniziativa, nata sui social network e rapidamente diffusasi nel tessuto cittadino, prese il nome di No Berlusconi Night,  poiché proprio l’allora Presidente del Consiglio, in piena campagna elettorale, era giunto in visita a Torino per sostenere il candidato della sua coalizione. Berlusconi, in piena fase “bunga bunga” e fresco dell’assenso ai bombardamenti in Libia, si […]