InfoAut

Chi invoca libertà per Salvini?

È tempo di illuminismo di ritorno. Tutti si sbracciano in difesa del diritto di parola di Matteo Salvini perseguitato, ostacolato, contestato in ogni dove. Eppure dal 1 gennaio al 25 febbraio, in 56 giorni, sono state 73 le presenze televisive di Salvini. 18 ore di parola per un totale di 24 ore e 5 minuti davanti alle telecamere: tutti i giorni, a tutte le ore. Lo spazio mediale comunicativo tra stampa, tv e social, è letteralmente occupato da Matteo “Mezzobusto” Salvini. Nonostante questo, abbondano le piroette à la Voltaire di politici ed opinionisti affaccendati a spianare al leader leghista la strada anche fuori dagli ovattati studi televisivi.

Due tesi di fondo si manifestano. La prima assume sostanzialmente il diritto alla libertà d’espressione. “Tutti hanno il diritto di parlare – scrive Francesco Merlo sulle colonne di Repubblica – Matteo Salvini ha il diritto parlare comunque e dovunque”. L’universale imperativo avanza pretese di totalità, ma, come ogni universale, tiene conto solo del mondo che è rappresentato e di chi lo può rappresentare. Con i difensori di principio di questa libertà di parola si affaccia un grottesco “Je suis Salvini” in consonanza con la fastidiosa epica del fu “Je suis Charlie”. Come l’hashtag della conciliazione nazionale francese decretava l’alternatività tra la parola della Republique e quella dei proletari di religione musulmana ribadendone la loro espulsione dalla sfera politica, sociale e culturale dalla società francese e dai suoi codici di rappresentazione; così ora non ha una parola propria chi la crisi la subisce e difendere il diritto di parola di Salvini significa direttamente lasciar dire da Salvini le passioni del proletariato italiano impoverito nella crisi. Produrlo razzista, rancoroso e acquiesciente ai rapporti di sfruttamento esistenti.

La libertà di parola in questione resta così quella di chi ha già la parola, difesa da chi ha già la parola e i suoi strumenti per esprimerla. È la parola che parla per il mondo dominante contro e sulle parole che tacciono. È la parola che mette a zittire il primo balbettare di una lingua che può nascere. Affermare un diritto alla libera espressione da una posizione di potere significa scegliere chi far tacere. Questo non è difficile in tv, in un ambiente senza “contradditorio”, come si dice in gergo tecnico, ma per le strade è ben più difficile perché la prima battaglia per chi non ha parola è quella per affermarsi contro chi ce l’ha… e Salvini lo sta imparando a rischio della propria incolumità.

La seconda tesi squalifica a stolta brutalità questo livello dello scontro assumendo strumentalmente la difesa del diritto di parola. Chi contesta Salvini farebbe il suo gioco perché gli offrirebbe nuovi palcoscenici continuando a far parlare di lui, pertanto sarebbe meglio farlo parlare piuttosto che continuare a far parlare di lui con le contestazioni. Lerner, ad esempio, predica contro gli antirazzisti e gli antifascisti che contestano Salvini. Si appella alla loro ragione perché vinca sul loro istinto. Se avete a cuore per davvero la “tenuta democratica” di questo paese – dice – allora tenete a freno la vostra rabbia, raccomanda Lerner, perché ogni contestazione rafforza la sua offensiva reazionaria, facendolo passare per vittima. “Salvini deve la sua investitura plebiscitaria di leader della destra ai centri sociali: ogni tafferuglio una medaglia!” chiosa sempre Merlo su Repubblica, affibbiando ai contestatori di Salvini l’epiteto di “minchioni!”.

La verità è che Salvini ha pieno diritto di parola. Questo diritto gli è accordato – esattamente come vorrebbe Lerner – proprio per garantire la “tenuta democratica” (tenuta sistemica) a rischio di compromissione con l’avanzare di fenomeni di proletarizzazione di massa. Garantire una tenuta democratica è possibile solo scaricando verso il basso l’accumulo di violenza generato nella crisi.

La parola di Salvini è interna al sistema tanto che non incontra resistenze solo entro i canali di riproduzione del discorso di potere: i media mainstream. Per le strade si scontra con il conflitto che alimenta e che vorrebbe circoscritto ai livelli bassi della società, nella guerra tra poveri lubrificata dal razzismo. Su quei livelli di realtà la pulsione salviniana si scontra con altre: quella per la dignità, quella che vorrebbe orientata la violenza verso l’alto e non verso il basso. In questa fase di gestazione dell’ipotesi di compatibilità democratica del fascio-leghismo, lo scontro si produce soprattutto per affermare un’alterità sulla parola unica di Salvini e della tenuta democratica di cui si fa promotore e che è la stessa che stritola nell’impoverimento. In questo senso si scioglie il finto antagonismo tra Renzi e Salvini, entro l’unica direzione di dominio delle loro narrazioni sull’assenza di risorse, unico paradigma di gestione del funzionamento delle democrazie in occidente.

Quando succede poi che sono i Democratici a schierarsi in prima fila contro le piazze e contro il dissenso per invocare libertà per Salvini, come il governatore della Toscana Enrico Rossi due giorni fa dopo il tesissimo tour del leader leghista tra Massa, Viareggio e Pisa, allora i finti rivali vengono restituiti ad un unico comune piano di cogestione dell’esistente. Salvini da ribelle diventa un capriccioso troppo convinto della propria parte. Si riaggiorna solo il folklore della classe politica italiana nella traiettoria che dalla boutade nazional popolare berlusconiana (riassorbita in Renzi) arriva a quella nazionalista popolare di Salvini, tollerato e ricompreso come “voce” sopra le righe ma sempre in linea con una direzione di comando e un livello di potere. Pertanto… nessuno tocchi Salvini! Gli 8.456 poliziotti impiegati per proteggerlo e sbandierati da Alfano per superiore senso dello Stato, non ci hanno indignato né mosso a solidarietà nei loro confronti, come invece è successo a Lerner in un moto irrefrenabile di pasolinismo d’accatto. Ci confermano anzi l’assoluta internità di Salvini al blocco di potere al governo, la sua difficoltà a difendersi sul terreno del confronto politico e della materialità dei rapporti che abitano i territori impoveriti. L’esuberanza del personaggio Salvini riaggrega comunque le forze dell’ordine nel senso più ampio del termine: attira le simpatie degli agenti di qualsiasi arma, parà in libera uscita si offrono di proteggerlo insieme a fascistelli ormonali. In questo sì, Salvini esprime un tratto fascista, nell’estetica e nel richiamo.

Lerner e gli enciclopedisti dei nostri tempi lo accettino, ci sarà ancora chi è disposto a passare sopra sbirri e fascisti per conquistare una spazio per le sue parole, contro le menzogne altrui.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

contestazionedemocrazialibertàsalvini

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Gli ultras e la “liberal ipocrisia” che rafforza l’autoritarismo

Lo pseudo garantismo e la denuncia della deriva autoritaria del governo Meloni finiscono per diventare un’invocazione di arresti, di misure di prevenzione, di più polizia.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Una domanda di futuro su cui farsi molte domande

Tra tensioni millenaristiche, depressioni croniche e chiusura nel privato, l’epoca che stiamo vivendo a prima vista assomiglia ad un vicolo ceco. Eppure è lapalissiano a sempre più persone che il modo in cui si è organizzata la società umana negli ultimi secoli è insostenibile e dovrà per forza di cose mutare in una direzione o nell’altra.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Otto dicembre: sull’attualità irriducibile del movimento No Tav

Oggi la compagine che sostiene la costruzione del Tav Torino-Lione si misura con enormi difficoltà oggettive, determinate dalla stessa assurdità del progetto e dalla strenua resistenza del movimento, ma ciò che li spaventa di più è che il moltiplicarsi delle contraddizioni sistemiche collegate alla messa a profitto dei territori possa minare la stessa idea di modello di sviluppo che si propongono.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La selezione (in)naturale della scuola del Merito

Siamo sull’orlo di una tragedia e questa politica non fa altro che tentare di mascherare la crociata ai poveri come un lavoro pedagogico verso le classi meno abbienti. Loro non ci tolgono diritti, ci insegnano a faticare e a lottare per un obiettivo, dicono…

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La manovra Meloni e la guerra ai poveri (nel solco di Draghi)

In merito al contenuto l’interpretazione è abbastanza semplice e non serba novità: non c’è nessun provvedimento volto a migliorare le condizioni materiali di vita delle decine di milioni di persone che sono schiacciate tra impoverimento e povertà nella perenne crisi del sistema-paese Italia.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Giocano sull’orlo del baratro

L’incidente al confine tra Polonia ed Ucraina per un momento ha aperto la finestra su un coinvolgimento diretto, sul campo, della NATO nel conflitto. E ci mostra quanto sia fragile la membrana che separa il presente da una guerra militare totale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa abbiamo visto nella piazza per la Pace del 5 novembre a Roma

Siamo “andati a vedere” con sguardo curioso la piazza per la Pace del cinque novembre a Roma: ne abbiamo tratto alcuni elementi interessanti, altri meno, ma che crediamo meritino un’ampia riflessione. Abbiamo provato a sistematizzare alcuni ragionamenti a caldo in questo breve reportage che condividiamo di seguito.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Si vis pacem para bellum — La nuova semantica di guerra

Questi giochi di capovolgimento semantico diventano pericolosi nel momento in cui si concretizzano nei piani di guerra NATO (vedi la nuova dottrina “first strike”), e in una generale fase di riarmo delle principali potenze globali.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Guido Crosetto: il ministro delle armi e la “pace” orwelliana

Guido Crosetto, ministro della Difesa e consigliere di Giorgia Meloni, è un politico di lungo corso, dalla Democrazia Cristiana, a Forza Italia, per approdare infine in Fratelli d’Italia, ma meno nota è l’altra sua carriera, quella nell’industria militare.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La norma anti-rave non è altro che l’ennesimo attacco al dissenso sociale

Il decreto legge del Governo Meloni non riguarda solo i rave-party, ma tra le casistiche che potrebbero rientrare al suo interno vi sono anche molte pratiche che fanno parte della storia della protesta e del dissenso sociale nel nostro paese, dalle occupazioni delle università e delle scuole, alle manifestazioni non autorizzate.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Pacco di Natale: dall’UE mancano 2 miliardi per il Tav. Salvini che fa?

Mancano quasi due miliardi per finanziare il TAV in Val di Susa. La notizia imbarazzante è stata data ieri dall’imbarazzato neo-ministro delle infrastrutture Salvini durante la riunione della conferenza inter-governativa con il suo omologo francese, Clément Beaunne.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

L’eterna bufala del Ponte sullo Stretto

“Facciamo il Ponte”: sono tre parole, semplici, chiare e vistose anche per chi guarda distrattamente i media.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Fabu – Abboccano?

La vignetta di Fabu – Abboccano?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Mani in pasta e manganello: Salvini arriva al Ministero delle Infrastrutture

La nomina era nell’aria. Con il giuramento è cosa fatta: Matteo Salvini sbarca al ministero delle infrastrutture. È certo una a soluzione di ripiego, quella del capitone.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Giustizia per Youns: nuova manifestazione a Voghera

Appello per una manifestazione antirazzista per Youns. 31 ottobre ore 15, Piazza Meardi, Voghera. Youns El Boussettaoui  fu assassinato la  notte del 20 luglio 2021, in una piazza centrale di Voghera, con un colpo di pistola al petto, partito dall’arma dell’ex assessore leghista Massimo Adriatici. Massimo Adriatici era famoso nella cittadina per vantarsi di girare […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Mai con Salvini. L’11 Marzo c’eravamo tutt*!

Appello di solidarietà per i 9 antirazzisti napoletani imputati . L’11 marzo del 2017 più di 10.000 persone scendevano in piazza per contestare la kermesse del leader della Lega Matteo Salvini alla Mostra d’Oltremare. Era la prima volta che la Lega si presentava a Napoli in maniera strutturata, dopo anni di insulti ai meridionali e […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Salvini la spara: “facciamo il ponte, sono 100.000 posti di lavoro”. Ma il caso TAV mostra che sono tutte balle

I ministri non hanno ancora iniziato a scaldare le poltrone e già come previsto si fregano le mani. Apre le danze il sen. Salvini che oggi invita a fare “il ponte Draghi” (sic!) sullo stretto di Messina dicendo che ci sono 100.000 posti di lavoro chiavi in mano. Una balla che abbiamo già sentito per il TAV per cui grandi […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Salvini a Catania: Manifestazione Regionale

Salvini chiama a raccolta tutti i leghisti a Catania? Ricordiamogli che la Sicilia non li vuole! Dall’1 al 3 ottobre iniziative e momenti di confronto in cui si parli una lingua diversa da quella che, non solo la lega, ma i vari governi in questi anni hanno parlato. Incontri e dibattiti ed infine un grande […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il citofonista delle PR

Ci sono molti piani in gioco nell’ennesima operazione di infotainment di Salvini al Pilastro ieri; un template virale e perfettamente consumabile da notiziari, talk show e pagine satiriche, che va ad incidere dentro (ma anche oltre) una campagna elettorale emiliano-romagnola da tempo deragliata fuori dai binari regionali. Il primo è che nella progressione strisciante delle […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Bologna, decine di migliaia in piazza assediano Salvini e la Lega

Migliaia di persone sono scese in piazza a Bologna in risposta alla passerella elettorale di Matteo Salvini. Contro il leader della Lega, giunto in città per lanciare la campagna per le prossime regionali emiliano-romagnole, erano state organizzate mobilitazioni in diverse forme. Le differenti piazze si sono dimostrate in grado di rappresentare l’ostilità diffusa al progetto […]